Lavoro 18 Ottobre 2022 11:33

Agenas: in Italia infermieri e medici di base insufficienti

Nel rapporto di Agenas emergono le difficoltà del sistema tra i tagli imposti dal 2007 fino all’aumento delle risorse degli ultimi anni. L’Italia è al quart’ultimo posto tra i paesi OCSE per il numero di posti a disposizione negli atenei per la laurea in Infermieristica. Hanno un numero di posti più basso solo Messico, Colombia e Lussemburgo

Agenas: in Italia infermieri e medici di base insufficienti

Nel nostro paese mancano medici di base e infermieri. Questo è il dato più importante che emerge da un nuovo rapporto di Agenas (Agenzia Nazionale per i Servizi sanitari Regionali), incentrato sulla valutazione del personale del Servizio sanitario nazionale. Dal confronto con gli altri paesi dell’Unione Europea emerge che il numero degli infermieri è insufficiente, così come quello di medici afferenti ad alcune specialità, come la medicina generale. Quest’ultimi, inoltre, non sarebbero distribuiti in maniera omogenea su tutto i territorio nazionale.

Con blocco delle assunzioni si è creata la «gobba pensionistica»

Secondo quanto riportato dal report, il blocco delle assunzioni e del turn over, unita alla politica di contenimento della spesa per il personale avviata con la Legge del 2007, ha determinato l’innalzamento dell’età media del personale e il conseguente fenomeno della «gobba pensionistica». Questo fenomeno sembra essere più minaccioso per i profili professionali già carenti: i medici di famiglia e gli infermieri. «Ove si consideri che questi due profili professionali sono gli assi portanti di qualsiasi operazione di potenziamento delle attività sanitarie di prossimità, si ritiene necessario – si legge nel report Agenas – abbinare all’incremento dell’offerta formativa un sistema di incentivi in grado di rendere attrattive tali figure professionali in termini di riconoscimento sociale oltre che economico».

In Italia opera un medico ogni 1.000 abitanti

Secondo i dati OECD riferiti all’anno 2020, l’Italia domina le graduatorie europee per quanto riguarda il numero di medici che praticano attivamente la professione. Nel 2020 in Italia operavano 4 medici per 1.000 abitanti, contro 3,17 della Francia e i 3,03 del Regno Unito. La Spagna aveva un valore simile all’Italia (4,58), mentre in Germania si registravano 4,47 medici per 1.000 abitanti. Nell’ultimo decennio, diversi paesi hanno incrementato il numero di posti di formazione post-laurea in medicina generale. Ad esempio, in Francia, dal 2017 circa il 40% di tutti i nuovi posti per la formazione specialistica è stato assegnato alla medicina generale, una percentuale maggiore rispetto alla maggior parte degli altri paesi dell’UE. Questa misura, tuttavia, ha avuto una efficacia limitata perché risulta sempre più difficile attrarre un numero di laureati sufficiente a ricoprire i posti disponibili per la medicina generale. Le motivazioni sembrerebbero legate alla retribuzione e al basso livello di prestigio percepito nel ruolo di medico di famiglia.

Nel nostro paese gli infermieri sono 6,2 ogni 1.000 abitanti

Per quanto riguarda gli infermieri in Italia si registra un tasso molto inferiore alla media europea. Nel 2020 nel nostro paese operavano 6,2 infermieri per 1.000 abitanti, contro i 18 di Svizzera e Norvegia, gli 11 della Francia, i 13 della Germania e gli 8,2 del Regno Unito. In molti paesi le preoccupazioni per le crescenti carenze degli infermieri hanno indotto azioni per aumentare la formazione di nuovi infermieri. L’Italia è al quart’ultimo posto tra i paesi OCSE per il numero di posti a disposizione negli atenei per la laurea in Infermieristica. Hanno un numero di posti più basso solo Messico, Colombia e Lussemburgo. In quest’ultima nazione però il numero di infermieri per mille abitanti è già circa il doppio di quelli italiani.

Tra il 2022 e il 2027 quasi 30mila medici e più di 21mila infermieri in pensione

Nell’anno 2020 il personale dipendente del SSN ammontava a 617.466 unità di cui 68,7% donne e 31,3% uomini. Rispetto all’anno 2019 il personale è aumentato di 13.610 unità pari al 2,3% del totale. L’età media del personale medico è di 53,8 anni per gli uomini e di 48,8 anni per le donne 48,8 anni. Mentre l’età media degli infermieri è di 47,2 per gl uomini e di 47,4 per le donne. I medici dipendenti del Ssn che andranno in pensione nel quinquennio 2022-2027 sono circa 29.331, mentre per il personale infermieristico i pensionamenti sono stimati in 21.050.

Infermieri specializzati contro carenza dei medici

Agenas sottolinea anche che in risposta alla carenza di medici, diversi paesi hanno iniziato a implementare ruoli più avanzati per gli infermieri sia in ospedale sia nelle cure primarie. Le valutazioni degli infermieri nelle cure primarie, in paesi come la Finlandia, il Regno Unito e l’Irlanda mostrano che gli infermieri con competenze avanzate possono migliorare l’accesso ai servizi e ridurre i tempi di attesa, fornendo al contempo la stessa qualità delle cure offerte dai medici, per una vasta gamma di pazienti, compresi quelli con malattie minori e quelli che necessitano di controlli di routine.

Dal 2019 al 2021 i numero dei medici di famiglia e dei pediatri è diminuito

In Italia, dal 2019 al 2021 il numero dei medici di medicina generale si è ridotto di 2.178 unità e quello dei Pediatri di libera scelta di 386 unità. In dettaglio, le regioni con il maggior numero di assisiti per medico di medicina generale sono: Trentino-Alto Adige (1.454), Lombardia (1.408) e Veneto (1.365) mentre in coda ci sono la Calabria (1.055), Basilicata (1.052) e Umbria (1.049). Sul sito Istat al 2020, tra il personale sanitario figurano operanti 41.707 medici di medicina generale: ritenendo che la percentuale di over 60 è simile a quella dei medici del SSN (28,45%), questa percentuale porta a una stima di 11.865 (2.373 per anno) che sommata ai 29.331 in uscita dal SSN porta ad un totale di 41.196 medici in uscita al 2027.

Offerta formativa nelle scuole di specializzazione in crescita, ma effetti dal 2023

Secondo il rapporto, l’offerta formativa delle diverse scuole di specializzazione è stata sensibilmente incrementata a partire dal 2018. «Gli effetti di tali incrementi – si legge ne report – saranno apprezzabili da cinque a sei anni dopo, quindi a partire dal 2023. Per il quinquennio 2022-2027 l’offerta formativa delle varie scuole di specializzazione sarà in grado di assicurare, a legislazione costante, il numero di pensionamenti prevedibile per lo stesso periodo. Per il profilo professionale «infermieri» nel quinquennio 2022-2027 l’offerta formativa attuale sarà in grado di assicurare una disponibilità di personale sufficiente a compensare quello di prevedibile pensionamento nello stesso periodo più quello di prevedibile nuova assunzione in relazione all’esigenza di potenziamento dell’assistenza territoriale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La Sanità è diventata un bene di lusso, cresce l’impoverimento delle famiglie
Secondo il 19° Rapporto del CREA Sanità "al Ssn servono 15 miliardi per non aumentare il distacco dal resto dell’UE, personale carente e sottopagato. Rispetto ai partner EU, il nostro Paese investe meno nella Sanità, aumenta la spesa privata ed è a rischio l’equità del sistema". Digitalizzazione necessaria per le “nuove cronicità"
Medici di famiglia sull’orlo di una crisi di nervi… Stressati 9 su 10. Pesano Covid, burocrazia e Whatsapp
Il malessere dei medici di famiglia, tra carenza di colleghi, difficoltà a trovare sostituti e una burocrazia sempre più elevata, «è palpabile» e arriva a sfiorare il 90% di professionisti. Lo dicono i sindacati, gli esperti di sanità, gli analisti del settore. E lo dicono i pensionamenti anticipati che crescono
di V.A.
Assistenza domiciliare integrata, Enrichens (Agenas): «Pon Gov Cronicità 2018-2023 precursore di Pnrr e Dm77»
Il Project Manager del Pon Gov Cronicità, Francesco Enrichens di Agenas: «Fulcro della riorganizzazione dei servizi territoriali, ADI compresa, sono le nuove tecnologie e in particolare l’implementazione delle l’ICT (tecnologie dell'informazione e della comunicazione) delle centrali operative territoriali»
Insediato CTS dell’Osservatorio buone pratice di integrazione socio sanitaria
Si è insediato ieri in Anci, presso la Sala della Presidenza, il Comitato tecnico scientifico dell’Osservatorio delle buone pratiche di integrazione socio sanitaria (OISS) promosso da Federsanità Anci in convenzione con Agenas
Medici e cittadini contro la deriva del Ssn: manifestazioni il 15 giugno nelle piazze e sciopero in vista
Fermare la deriva verso cui sta andando il nostro Servizio sanitario nazionale, con liste di attesa lunghissime per accedere alle prestazioni, personale medico e infermieristico allo stremo, contratti non rinnovati e risorse insufficienti per far fronte all’invecchiamento progressivo della nostra popolazione e dunque della crescente richiesta di cure per malattie croniche. E’ l’appello che arriva […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...