Salute 15 Settembre 2022 14:56

Fnopi: «Contro la carenza di infermieri servono le specializzazioni»

Fnopi: «Non è con la quantità delle lauree che si risolve la carenza di infermieri, ma con la qualità dei professionisti»

Fnopi: «Contro la carenza di infermieri servono le specializzazioni»

Non basta soltanto aumentare i posti a bando. Per superare la grave carenza di infermieri servono specializzazioni. Lo ha sottolineato la Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (Fnopi). Nel decreto definitivo per i posti a bando per la laurea in infermieristica 2022-2023 ci sono 1.383 posti in più. Con l’aumento (+7,7% sui posti di luglio, il +11,4% rispetto al 2021) per la prima volta si supera il muro dei 19mila posti: 19.375. «Bene la crescita di posti (saliti negli ultimi cinque anni – dal 2018 – di oltre il 30%), ma la soluzione non può fermarsi qui», sottolinea Fnopi.

Fnopi: «Necessario un cambio di passo nella formazione universitaria»

«Non è con la quantità delle lauree che si risolve la carenza, ma con la qualità dei professionisti, che si può raggiungere solo con un cambio di passo nella formazione universitaria», evidenzia Fnopi. Quello che propone la federazione è l’introduzione delle specializzazioni universitarie che consentiranno di avere infermieri specialisti in grado di gestire una filiera di operatori intermedi, che gli infermieri possano coordinare e che facciano capo a loro e con un reale investimento sulla qualità formativa.

Gli sforzi per aumentare i posti per infermieri non bastano

Ad oggi i dati preliminari rispetto alle domande di iscrizione ai test di selezione riportano 25.380 domande. Nello specifico, rispetto alle aree geografiche, appare che la riduzione maggiore si ha al Nord dove l’età media è più elevata (-13,3% nel 2022 rispetto al 2021 e -3,9% sempre nel 2022 ma rispetto al 2020), seguito dal Centro (-12,2% nel 2022 sul 2021, ma +0,5% nel 2022 rispetto al 2019) e poi dal più «giovane» Sud (-3,1% nel 2022 rispetto al 2021 e +11,8% nel 2022 sul 2021).

«Nonostante, quasi il 6% dei nuovi diplomati alla maturità scelga la laurea in infermieristica, è chiaro che tali numeri, anche con lo sforzo degli ultimi anni che ha portato all’aumento del 30% dei posti, non permettano di dare una risposta efficace alla carenza infermieristica vedendo un numero di laureati a 3 anni di circa il 75% degli immatricolati», dice la Fnopi.

In futuro prevista una riduzione dei candidati infermieri

Per la federazione i problemi da affrontare sono tre: rispetto alla demografia, il calo di giovani che porterà inevitabilmente a una riduzione dei possibili candidati futuri; la necessità che l’attrattività della professione non sia legata a fattori socio-economici ma a sbocchi di carriera e professionali costanti; l’aumento del costo della vita, che rende le scelte dei giovani più «stanziali» nel senso che la volontà è di iscriversi alla facoltà, ma che sia nella Regione di residenza e possibilmente più vicina possibile al proprio domicilio per limitare le spese rispetto ai costi di studi fuori Regione, penalizzando le Regioni più «anziane».

La ricetta di Fnopi per rendere più attraente la professione degli infermieri

Le richieste della Fnopi sono: un incremento della base contrattuale e il riconoscimento economico dell’esclusività delle professioni infermieristiche; il riconoscimento delle competenze specialistiche; l’evoluzione del percorso formativo universitario, appunto, con le specializzazioni. «È necessario che la ‘questione infermieristica’ venga affrontata nella sua totalità a partire dalla magistrale che – spiega la Fnopi – deve essere disciplinare (modificando l’attuale normativa), permettendo agli infermieri, sia dal punto vista manageriale che, soprattutto, clinico, di veder riconosciute e valorizzate diverse possibilità di inquadramento e carriera”.

Specializzazioni consentono accesso all’area del personale qualificato

«In sintesi si devono prevedere le specializzazioni, lo sviluppo della laurea magistrale per consentire anche l’accesso più agevole all’area del ‘personale di elevata qualificazione‘ previsto dal nuovo contratto e la riorganizzazione delle docenze infermieristiche, dei tirocini e dei tutoraggi perché si sviluppino in modo conforme alle norme di legge, spesso disattese, rendendoli insufficienti alla qualità dell’apprendimento, nonché un reale investimento delle Regioni», dice la Fnopi. «Senza qualità dell’assistenza, la quantità di operatori non risolve i problemi dei cittadini e del SSN, Gli infermieri – conclude la federazione – sono i garanti dell’assistenza: senza infermieri – qualificati – non c’è salute».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«Sempre più medici e infermieri aprono la partita Iva», parla Nursing Up
Nursing Up denuncia la sempre maggiore fuga di medici e infermieri dalla sanità pubblica. Molti si licenziano e preferiscono aprire la partita Iva. I casi del Piemonte e dell'Emilia Romagna
Zampa (Pd) raccoglie l’appello della FNOPI: «Subito un patto del lavoro sanitario e sociosanitario per far fronte alla carenza»
Tra le altre proposte del Pd anche lo sviluppo delle specializzazioni e delle implementazioni di competenze, già previste dal contratto, ad iniziare dall’infermiere di famiglia, e la riforma della formazione universitaria
In Italia mancano 70mila infermieri, le richieste di Fnopi
Un documento redatto e diffuso della Federazione Nazionale degli Ordini delle Professioni Infermieristiche presenta i numeri delle carenze di infermieri in Italia. Si sottolineano i sacrifici fatti in pandemia e si elencano una serie di richieste alla politica
Camici bianchi e operatori sanitari in corsa per un seggio in Parlamento. Speranza si candida in Campania
Tra i sottosegretari non si ricandida Pierpaolo Sileri, mentre Andrea Costa corre in Liguria. Candidata nel Lazio per Azione Annamaria Parente, presidente della commissione Sanità. In corsa anche Sandra Zampa, Andrea Mandelli e Marcello Gemmato, responsabili sanità di Pd, Forza Italia e Fratelli d’Italia. I virologi Andrea Crisanti e Pierluigi Lopalco candidati per il centrosinistra
di Francesco Torre
Formazione ECM, in scadenza anche il triennio degli infermieri. L’appello degli Ordini
Mangiacavalli (FNOPI): «Con Cogeaps infermieri non in regola avvisati per tempo». Rea (OPI Napoli): «Un infermiere esperto deve essere formato». Clarizia (OPI Pordenone): «Fondamentale continuare a lavorare sulla formazione continua»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi