Lavoro 9 Dicembre 2021 15:23

Infermieri specialisti del rischio infettivo, Mongardi (ANIPIO): «In Italia siamo 497, dovremmo essere almeno il doppio»

La figura professionale è nata negli anni ’80. La presidente ANIPIO: «Dopo oltre trent’anni la formazione è ancora inadeguata e non esiste un sistema di sorveglianza nazionale»

Infermieri specialisti del rischio infettivo, Mongardi (ANIPIO): «In Italia siamo 497, dovremmo essere almeno il doppio»

In Italia, ogni anno, muoiono 10.780 persone per infezioni ospedaliere da antibiotico-resistenza. Entro il 2050 le vittime saranno circa 450 mila, con un aggravio sulle casse del Sistema Sanitario Nazionale di almeno 12 miliardi di euro. Inoltre, come emerso dall’ultimo censimento della Società nazionale degli infermieri specialisti del rischio infettivo (ANIPIO), condotto poco prima dello scoppio della pandemia da Covid 19 e aggiornato nel mese di ottobre del 2021, mancano i professionisti che si occupano del controllo delle infezioni.

Direttive ferme agli anni ‘80

«Gli infermieri specialisti in rischio infettivo attualmente presenti nelle strutture pubbliche italiane sono 497 e neppure tutti impiegati a tempo pieno – dice Maria Mongardi, presidente ANIPIO, citando il censimento effettuato dalla stessa Società scientifica che presiede -. Tra questi, 42 hanno iniziato a svolgere la loro attività durante la pandemia. Un numero, che stando agli standard fissati dall’allora Ministero della Sanità (con la circolare n.8 del 1988) di un infermiere specialista ogni 250 posti letto, totalmente insufficiente – sottolinea la presidente ANIPIO -. Le presenze dovrebbero essere almeno raddoppiate». Usare il condizionale è d’obbligo: dall’emanazione della circolare, infatti, sono trascorsi 33 anni ed è molto probabile che le esigenze si siano modificate nel tempo. «Basti pensare – spiega la presidente ANIPIO – che negli anni ’80 queste infezioni erano ritenute esclusivamente ospedaliere, mentre oggi sono più generalmente definite “infezioni correlate all’assistenza”. I setting di cura sono cambiati e si sono estesi oltre i confini delle mura nosocomiali, arrivando fino alle case dei pazienti. Inoltre, in questi decenni, c’è stata una proliferazione dei microrganismi antibiotico-resistenti.

Creare un sistema di sorveglianza

Ad oggi, nonostante sia un dato di fatto che nel 2021 ci sia ancora chi perde la vita a causa della resistenza agli antibiotici, in Italia non esiste un sistema di sorveglianza specifico. «Le tipologie di infezioni più a rischio sono sei: polmonari, del sangue, della cute e tessuti molli, intestinali, del sito chirurgico e urinarie. Gli ultimi dati che abbiamo sulla loro diffusione negli ospedali italiani risalgono al biennio 2016-17, ma non si tratta di cifre esaustive. La partecipazione al monitoraggio è su base volontaria e non tutte le strutture ospedaliere italiane hanno aderito. E, spesso, le realtà non aderenti coincidono anche con quelle che prestano meno attenzione alla problematica dell’antibiotico resistenza» sottolinea l’esperta.

Serve formazione ad hoc

Oltre al numero di professionisti, secondo ANIPIO, è inadeguata anche la formazione degli operatori sanitari e sociosanitari che si occupano della prevenzione, controllo e sorveglianza delle infezioni ospedaliere. «Dagli anni’80 si sono susseguiti vari tentativi di corsi di specializzazione e master – spiega Mongardi -, la maggior parte dei quali finiti in un nulla di fatto. Poi, dal 2014, la nostra Società scientifica è diventata promotrice della formazione in quest’ambito, stipulando convenzioni con alcune università, come quella di Parma, la Magna Grecia di Catanzaro, Tor Vergata di Roma e Vanvitelli di Napoli».

Le competenze dell’infermiere specialista del rischio infettivo

I percorsi di studio dedicati alla specializzazione in rischio infettivo sono suddivisi in 5 macro-aeree: prevenzione, controllo, sorveglianza, formazione e management. «In ambito di prevenzione, l’infermiere specialista del rischio infettivo ha il compito di promuovere le buone pratiche, come ad esempio la corretta gestione di una ferita chirurgica, l’utilizzo appropriato dei dispositivi di protezione, il rispetto delle norme di igiene sia individuali che collettive. La seconda competenza dell’infermiere specializzato è il controllo, ovvero il compito di monitorare che siano rispettati tutti i protocolli e le direttive emanate in materia, sia a livello centrale che nelle singole strutture. Attraverso la sorveglianza (la terza mansione citata) – aggiunge Mongardi – sarà possibile raccogliere i dati epidemiologici relativi ai singoli casi di infezione verificatisi in ogni struttura. Gli infermieri specialisti in rischio infettivo, poi, hanno il compito di formare sia pazienti che sanitari. Acquisendo competenze di management, infine, l’infermiere specializzato può gestire la collaborazione multidisciplinare tra tutti i sanitari che rientrano nella gestione del rischio infettivo, dall’infettivologo, al microbiologo, fino al chirurgo e altri operatori sanitari e socio sanitari».

Tra gli obiettivi del PNNR

Promuovere la formazione è tra gli obiettivi della Missione 6 del PNRR, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. In particolare, è stato redatto un piano straordinario di formazione dedicato proprio alle infezioni ospedaliere che prevede la partecipazione di circa 150 mila sanitari entro la fine del 2024 e 140 mila entro la metà del 2026. «Posti che auspichiamo – conclude Mongardi – possano essere ragionevolmente distribuiti tra medici, infermieri, tecnici di radiologia, ostetriche e operatori socio sanitari, tutti professionisti coinvolti, a vario titolo, nell’infection control».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dalla Lega al M5S, lo sciopero degli infermieri unisce la politica: «Ascoltare le loro ragioni»
Tutti i partiti si mobilitano affinchè vengano recepite le principali richieste della categoria, a partire dall’indennità di specificità. Boldrini (Pd): «Sono sempre in prima linea, dobbiamo valorizzarli». Mammì (M5S): «Adeguare stipendi a livello europeo». E Cecconi (ex M5S) sottolinea: «Tanti infermieri si stanno dimettendo per cambiare mestiere»
di Francesco Torre
«Basta chat fuori orario di lavoro. Gli infermieri hanno diritto alla disconnessione»
Il segretario regionale del sindacato Nursing Up Piemonte Claudio Delli Carri: «Scorretto usare chat private per impartire ordini aziendali e scambiare documenti»
di Segretario Regionale Nursing Up Piemonte Claudio Delli Carri
Milleproroghe, le proposte M5S per la sanità: tra le priorità le indennità agli infermieri e agli operatori del 118
Gli emendamenti pentastellati al Decreto Milleproroghe «sono volti, da un lato, a garantire il giusto ristoro e gratificazione ai professionisti sanitari in prima linea e, dall’altro, a rafforzare il Sistema sanitario nazionale ancora oggi messo a dura prova dall’attuale fase di recrudescenza dei contagi da Covid19»
1,2 milioni di morti per super-batteri. Maga (Cnr): «Sia da monito contro uso improprio di zitromax»
Nel 2019 l'antibiotico-resistenza ha ucciso ben 1,27 milioni di persone, più di quanto abbiano fatto AIDS e malaria. Maga del Cnr: «Fondamentale contrastare uso inappropriato di antibiotici, come lo zitromax contro Covid-19»
Ecco perché (quasi) nessuno vuole fare l’infermiere. L’allarme di Mangiacavalli (FNOPI)
A Sanità Informazione l’analisi di Barbara Mangiacavalli: «La nostra professione rischia di essere poco appetibile: percepiamo gli stipendi più bassi d’Europa, senza incentivi, né stimoli di carriera. I nostri ospedali saranno sempre più affollati da infermieri stranieri, le cui competenze non sono sottoposte a controllo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 gennaio, sono 362.588.865 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.627.080 i decessi. Ad oggi, oltre 9,88 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre