Salute 5 Giugno 2023 00:13

Non solo Covid, influenza e Rsv. In Usa boom di infezioni da un virus «ignorato»: HMPV

Il trio Covid-influenza-Rsv che abbiamo tanto temuto nella scorsa stagione, negli Stati Uniti, è diventato un minaccioso «quartetto». Sul finire della stagione invernale, infatti, un altro virus respiratorio ha preso piede negli Stati Uniti. Si tratta del metapneumovirus umano, o HMPV. Abbiamo chiesto a Concetta Castilletti responsabile Unità Operativa Virologia e Patogeni Emergenti dell’IRCCS Sacro Cuore Don Calabria, Negrar, qual è la situazione in Italia

Non solo Covid, influenza e Rsv. In Usa boom di infezioni da un virus «ignorato»: HMPV

Il trio Covid-influenza-Rsv che abbiamo tanto temuto nella scorsa stagione, negli Stati Uniti, è diventato un minaccioso «quartetto». Sul finire della stagione invernale, infatti, un altro virus respiratorio ha preso piede negli Stati Uniti, causando sintomi molto familiari come tosse, naso che cola, mal di gola e febbre. Si tratta del metapneumovirus umano, o HMPV, che ha iniziato a diffondersi diffusamente in primavera, secondo i sistemi di sorveglianza degli US Centers for Disease Control and Prevention.

Negli Usa il virus HMPV ha contagiato 5 volte più persone

HMPV ha riempito le unità di terapia intensiva degli ospedali, colpendo in particolare i bambini piccoli e gli anziani. Al suo apice, a metà marzo, quasi l’11% dei campioni testati è risultato positivo all’HMPV, in aumento di circa il 36% rispetto al picco stagionale medio pre-pandemico del 7%. Tuttavia, la maggior parte delle persone contagiate probabilmente non sapeva nemmeno di averlo. Le persone con HMPV di solito non vengono testate al di fuori di un ospedale o di un pronto soccorso. A differenza del Covid-19 e dell’influenza, non esiste un vaccino per l’HMPV o farmaci antivirali per curarlo. I medici si prendono cura delle persone gravemente malate solo curando i loro sintomi.

Castilletti (Negrar): «In Italia e in Europa non è stato segnalato un aumento delle infezioni HMPV»

«La diffusione del virus HMPV in Italia e in Europa non sembra essere aumentata», riferisce a Sanità Informazione Concetta Castilletti responsabile Unità Operativa Virologia e Patogeni Emergenti dell’IRCCS Sacro Cuore Don Calabria, Negrar. «Quello che segnalano gli Usa potrebbe essere un effetto del post-pandemia:  come per l’RSV (virus respiratorio sinciziale), è possibile che dopo esser stati più protetti dalle infezioni respiratorie per 2-3 anni, per i minori assembramenti e per l’utilizzo diffuso delle mascherine, il sistema immunitario è poco allenato. Quindi – continua – virus che normalmente circolano e che danno sintomatologia più blanda, provochino infezioni più importanti per cui si fa più diagnosi».

Il virus HMPV può causare complicanze come l’influenza e l’RSV

Gli studi dimostrano che l’HMPV causa ogni anno negli Stati Uniti tante complicanze quanto l’influenza e  l’RSV. Uno studio su campioni di pazienti raccolti in 25 anni ha rilevato che era la seconda causa più comune di infezioni respiratorie nei bambini dopo l’RSV. Uno studio condotto a New York su quattro inverni ha rilevato che era comune negli anziani ospedalizzati come l’RSV e l’influenza. Come quelle infezioni, l’HMPV può portare a cure intensive e casi fatali di polmonite negli anziani.

L’HMPV è stato scoperto nel 2001

Il metapneumovirus umano è stato scoperto dagli scienziati olandesi nel 2001. Avevano 28 campioni di bambini nei Paesi Bassi con infezioni respiratorie inspiegabili. Alcuni dei piccoli pazienti erano stati molto malati e necessitavano di ventilazione meccanica, ma non erano risultati positivi a nessun patogeno noto. I ricercatori hanno coltivato i campioni in vari tipi di cellule di scimmie, polli e cani, e poi hanno esaminato le colture al microscopio elettronico. Hanno visto qualcosa che sembrava strutturalmente correlato alla famiglia dei paramyxoviridae, un gruppo di virus noto per causare malattie respiratorie come il morbillo, la parotite e il virus respiratorio sinciziale. Uno sguardo più attento ai geni del virus ha mostrato un parente stretto: il metapneumovirus aviario, che infetta gli uccelli.

Il «salto» del virus dagli uccelli all’uomo più di 50 anno fa

Il virus è stato poi soprannominato metapneumovirus umano. Gli scienziati ritengono che, ad un certo punto, probabilmente sia passato dagli uccelli agli umani e si sia evoluto da lì. Quando i ricercatori hanno testato i campioni di sangue di 72 pazienti che erano stati conservati dal 1958, tutti hanno mostrato prove di esposizione al virus misterioso, indicando che era circolato negli esseri umani, non rilevato, per almeno mezzo secolo prima.

L’infezione genera una risposta immunitaria debole, per questo ci si può ammalare più volte

Uno studio del 2020 su Lancet Global Health ha stimato che tra i bambini di età inferiore ai 5 anni ci sono state più di 14 milioni di infezioni da HMPV nel 2018, più di 600.000 ricoveri e più di 16.000 morti. Tuttavia, l’infezione genera una protezione immunitaria debole o incompleta e gli esseri umani possono essere reinfettati per tutta la vita. Le aziende stanno lavorando alla messa a punto di vaccini. Moderna, ad esempio, ha appena terminato uno studio preliminare su un vaccino a mRNA contro HMPV, secondo il sito Clinicaltrials.gov. Il CDC raccomanda ai medici di prendere in considerazione i test per l’HMPV in inverno e in primavera, quando tende a raggiungere il picco.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dal verme nel cervello alle mosche negli occhi, storie raccapriccianti di parassiti nell’uomo
Ha fatto grande scalpore l'estrazione chirurgica di un verme vivo nel cervello di una donna australiana presso l'ospedale di Canberra. Il caso è stato documentato sulla rivista Emerging Infectious Diseases. Tuttavia, non l'unico caso insolito di parassita ritrovato nel corpo umano
Berlusconi morto per la leucemia mielomonocitica cronica, quali sono i campanelli d’allarme della malattia?
Silvio Berlusconi è deceduto a causa di una forma di leucemia, che può essere difficile da individuare perché i sintomi «rivelatori» possono spesso indicare altre malattie non correlate. Ma alcuni, soprattutto se compaiono in concomitanza, potrebbero metterci in allerta
Cambiamenti climatici possono «resuscitare» virus «zombie» e scatenare nuove epidemie
Sono stati trovati nella lana di mammut, nelle mummie siberiane, nei lupi preistorici e nei polmoni di una vittima dell'influenza ritrovata sepolta nel permafrost dell'Alaska. I virus «zombie» rischiano di «resuscitare» a causa degli effetti dei cambiamenti climatici e dare il via a nuove epidemie o pandemie
L’influenza «maschile» esiste: un cromosoma in meno rende gli uomini più vulnerabili
Non è questione di scarsa resistenza o capacità di sopportazione. L'influenza colpisce più duramente gli uomini che le donne, per davvero. A confermare l'esistenza della cosiddetta «influenza maschile» è un nuovo studio dell’Università della California a Los Angeles (UCLA), pubblicato sulla rivista Nature Immunology. In generale, le donne tendono ad avere sistemi immunitari più forti e questo potrebbe essere dovuto al fatto che le donne hanno due cromosomi X, mentre gli uomini ne hanno solo uno
Quando le infezioni ripetute sono pericolose?
Si stima che la maggior parte della popolazione mondiale sia stata contagiata dal virus Sars-CoV-2 almeno una volta. Quanto danno causeranno queste infezioni ripetute è ancora oggi oggetto di dibattito
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Diabete: nuove linee guida per il trattamento delle malattie cardiovascolari

Sono state pubblicate le nuove linee guida per le malattie cardiovascolari nelle persone con diabete. Molti i temi trattati: dalla stratificazione del rischio cardiovascolare allo screening fino alla ...
Salute

Gli alimenti ultra-processati danneggiano il cuore, +24% di rischio infarto

Due ampi studi presentati al congresso della Società europea di Cardiologia hanno dimostrato che il consumo di alimenti ultra-processati può aumentare il rischio di sviluppare problemi c...
Salute

Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita

Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.