Salute 14 Giugno 2023 11:33

Berlusconi morto per la leucemia mielomonocitica cronica, quali sono i campanelli d’allarme della malattia?

Silvio Berlusconi è deceduto a causa di una forma di leucemia, che può essere difficile da individuare perché i sintomi «rivelatori» possono spesso indicare altre malattie non correlate. Ma alcuni, soprattutto se compaiono in concomitanza, potrebbero metterci in allerta

Berlusconi morto per la leucemia mielomonocitica cronica, quali sono i campanelli d’allarme della malattia?

Silvio Berlusconi è deceduto a causa di un tumore al sangue raro che colpisce prevalentemente gli anziani. «Si chiama leucemia mielomonocitica cronica ed è una delle sindromi mielodisplastico-mieloproliferative», spiega Umberto Vitolo, responsabile studi clinici emalotologici presso l’Istituto di Candiolo – Fondazione del Piemonte per l’oncologia IRCCS. «Circa l’80% dei pazienti colpiti ha più di 70 anni al momento della diagnosi e la prognosi infausta in età avanzata è strettamente legata all’insorgenza di complicanze, come infezioni e sanguinamenti», aggiunge. La leucemia può essere difficile da individuare perché i sintomi «rivelatori» possono spesso indicare altre malattie non correlate. Ma alcuni, soprattutto se compaiono in concomitanza, potrebbero metterci in allerta.

La leucemia può causare vertigini e svenimento

Tra i campanelli d’allarme più diffusi ci sono la sensazione di costante stanchezza e stordimento. La malattia colpisce le cellule del sangue e può scatenare quindi anemia impedendo al corpo di produrre globuli rossi sani. Questo può far sentire il paziente stanco e indisposto, sintomi che possomo essere facilmente confusi con l’influenza. Allo stesso tempo, la leucemia potrebbe causare pallore e provocare vertigini o stordimento. Ma attenzione: proprio come con la maggior parte dei sintomi del cancro, tuttavia, numerose altre condizioni potrebbero essere responsabili degli stessi segnali di allarme.

Infezioni più frequenti e durature

«Non posso esprimermi su Berlusconi, di cui non conosco nei dettagli la storia clinica, ma nei soggetti anziani con leucemia mielomonocitica cronica possono essere più frequenti le infezioni», dice Vitolo. Si può andare da «semplice» tosse e raffreddore che durano a lungo fino a polmoniti più o meno gravi. La leucemia infatti può compromettere il modo in cui vengono prodotti i globuli rossi e può impedire all’organismo di produrre globuli bianchi, i «soldati» del nostro sistema immunitario che combattono infezioni e malattie. Pertanto, averne meno può esporci a più rischi. Livelli bassi di globuli bianchi possono anche portare a piaghe nella bocca e a mal di gola.

Nella leucemia sono possono comparire lividi e verificarsi episodi di sanguinamento

Molto spesso le persone con leucemia si ritrovano sul corpo lividi senza alcuna causa evidente e che possono apparire anche dopo tocchi lievi. Si può riscontrare anche un insolito sanguinamento, macchie di sangue o eruzioni cutanee sulla pelle che sono il risultato di un basso numero di piastrine, prodotte dal midollo osseo. Quest’ultime aiutano a formare coaguli di sangue per rallentare o arrestare il sanguinamento e per aiutare le ferite a guarire. Di conseguenza, un basso numero di piastrine può causare lividi insoliti. Allo stesso modo, un basso numero di piastrine può portare a sanguinamento insolito, ad esempio quando ci si lava i denti. Altri sanguinamenti insoliti o frequenti sono legati a epistassi o mestruazioni pesanti.

Febbre e linfonodi ingrossato

Tra i segnali d’allarme c’è anche la febbre: la carenza di globuli bianchi può portare a infezioni a catena e quindi anche a febbre. La leucemia può causare, inoltre, l’ingrossamento delle ghiandole del collo, nelle ascelle o nell’inguine, che possono risultare anche doloranti al tocco. I linfonodi svolgono un ruolo vitale nella capacità dell’organismo di combattere le infezioni. Di solito si gonfiano a causa di un’infezione virale o batterica. Sebbene i linfonodi ingrossati siano raramente causati dal cancro, se si nota uno strano gonfiore in assenza di infezione, sarebbe bene fare una visita dal proprio medico di famiglia.

Articolazioni doloranti

La leucemia può causare anche un dolore, sordo o lancinante, alle articolazioni e alle ossa. Il dolore può peggiorare in diversi momenti della giornata. Si può percepire nelle ossa lunghe delle braccia e delle gambe e nelle costole. È spesso causato dalla presenza di troppi globuli bianchi anomali che si accumulano nelle ossa, nelle articolazioni o nei linfonodi. Alcuni possono anche avere dolore sotto le costole sul lato sinistro, che può essere causato dal gonfiore del fegato o della milza.

La leucemia è causa anche di mal di testa

Anche se frequenti mal di testa e disturbi visivi possono essere associati a tumori cerebrali, questi due disturbi possono essere anche sintomi della leucemia. Questo perché la presenza di un numero elevato di globuli bianchi può ostruire i vasi sanguigni più piccoli nel cervello che, a loro volta, possono causare mal di testa. Troppi globuli bianchi possono anche causare provocare problemi agli occhi, ma questo è sintomo meno comune.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Aumenta l’incidenza e la mortalità del tumore al colon-retto tra i giovani adulti, colpa di alcol e obesità
L'incidenza e la mortalità per tumore al colon-retto sono in aumento tra i giovani adulti di 25-49 anni. E' quanto emerge dai risultati, di uno studio, pubblicato sulla rivista Annals of Oncology, nel quale si prevedono i tassi di mortalità per tumore nell'Unione Europea (UE) e nel Regno Unito per il 2024. Ciononostante, la mortalità prevista per questo tipo di tumore risulta complessivamente in calo in tutta Europa
di V.A.
Con cerotto “smart” possibile monitoraggio delle dimensioni del tumore su smartphone
Un dispositivo adesivo indossabile, che si attacca alla pelle come un cerotto, può misurare costantemente le dimensioni di alcuni tumori e trasmettere le informazioni in modalità wireless a uno smartphone. Il dispositivo, sviluppato da Hsing-Wen Sung della National Tsing Hua University di Taiwan e colleghi, è stato descritto sulla rivista ACS Nano
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Leucemia linfoblastica acuta: AIFA autorizza rimborsabilità brexu-cel
L’Agenzia Italiana del Farmaco ha concesso la rimborsabilità della terapia cellulare Brexucabtagene autoleucel (brexu-cel) per la leucemia linfoblastica acuta a precursori di cellule B recidivante o refrattaria, destinata ai pazienti adulti di età pari o superiore a 26 anni
Tumore al seno, l’Intelligenza artificiale può risparmiare alle donne terapie inutili
Grazie all'Intelligenza artificiale è possibile sapere in anticipo se una donna con tumore al seno beneficerà o meno di un trattamento. Un gruppo di ricercatori della Northwestern University, Usa, ha messo a punto un nuovo strumento che potrebbe evitare alle pazienti trattamenti chemioterapici non necessari. Lo studio è stato pubblicato su Nature Medicine
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il caldo è arrivato! Ecco i suggerimenti di AIFA per conservare e utilizzare correttamente i medicinali

Con il caldo, prima della partenza per le vacanze, è bene osservare alcune semplici accortezze
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...