Salute 31 Agosto 2023 16:39

Dal verme nel cervello alle mosche negli occhi, storie raccapriccianti di parassiti nell’uomo

Ha fatto grande scalpore l’estrazione chirurgica di un verme vivo nel cervello di una donna australiana presso l’ospedale di Canberra. Il caso è stato documentato sulla rivista Emerging Infectious Diseases. Tuttavia, non l’unico caso insolito di parassita ritrovato nel corpo umano

Dal verme nel cervello alle mosche negli occhi, storie raccapriccianti di parassiti nell’uomo

Ha fatto grande scalpore l’estrazione chirurgica di un verme vivo nel cervello di una donna australiana presso l’ospedale di Canberra. Il caso è stato documentato sulla rivista Emerging Infectious Diseases. Tuttavia, non l’unico caso insolito di parassita ritrovato nel corpo umano.

Nel 2016, ad esempio, un gruppo di ricercatori cinesi ha segnalato sulla rivista Infectious Diseases of Poverty il ritrovamento di larve di scarabeo nelle feci di una bimba di 8 mesi di vita. Inizialmente si pensava fossero dei vermi, ma ulteriori indagini hanno rivelato che le creature erano larve di Lasioderma serricorne, comunemente noto come lo scarabeo di sigaretta. I ricercatori ritengono che le uova dello scarabeo siano state ingoiate quando la bambina è entrata in contatto con il fango o quando ha mangiato arance. «Questo report implica che il L. serricorne può infestare accidentalmente l’uomo e causare cantariasi che può portare a gravi danni ai neonati e ai pazienti anziani a causa del coinvolgimento di importanti organi del corpo», hanno scritto i ricercatori.

Negli Usa scoperto vermi negli occhi di una giovane donna

In un’altra prima volta, in Oregon, è stato scoperto un tipo di verme oculare, precedentemente osservato solo nei bovini, in una donna dell’Oregon.  Nel 2018, dopo una cavalcata a Gold Beach, in una zona dove vengono allevati bovini, la donna, 26 anni, ha accusato di irritazione agli occhi per una settimana. La causa è stata scoperta quando si è tolta un piccolo verme dall’occhio sinistro. Ha cercato aiuto medico e successivamente sono stati rimossi 14 vermi, la maggior parte dei quali dalla paziente stessa. Si è scoperto che i minuscoli vermi, ciascuno lungo meno di un centimetro (mezzo pollice), appartenevano a una specie chiamata Thelazia gulosa. Richard Bradbury, l’autore principale dello studio che ha segnalato il caso e che lavora con la divisione delle malattie parassitarie e della malaria dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, ha affermato all’epoca che l’infezione era rara. «Le infezioni da vermi Thelazia si verificano principalmente negli animali e gli esseri umani sono solo ospiti occasionali», ha affermato.

Verme polmonare del ratto

Graham McCumber, 24 anni, è finito in ospedale alle Hawaii accusando rigidità articolare, affaticamento e nausea dopo aver mangiato del cavolo raccolto dal suo orto. Si è scoperto che la causa era il verme polmonare dei ratti, un parassita diffuso nel sud-est asiatico e nelle isole tropicali del Pacifico. Questo verme vive solo nei roditori, ma le sue larve possono infettare creature tra cui lumache, chiocciole e gamberetti d’acqua dolce. Se questi ospiti intermedi dovessero essere mangiati dall’uomo, le larve possono causare l’angiostrongiliasi, una malattia che colpisce il cervello e il midollo spinale. McCumber è sopravvissuto, ma non era solo. Ci sono state anche segnalazioni di persone che si sono infettate con i vermi polmonari dei ratti dopo aver ingoiato lumache per sfida. Alcuni casi sono lievi ma altri possono essere fatali. Gli esperti dicono che la malattia può essere prevenuta lavando e cucinando accuratamente verdure, lumache, granchi o gamberetti, controllando le verdure ed evitando di mangiare verdure crude dove il parassita è prevalente.

Larve di mosca nell’occhio, nel braccio e nel collo di una donna

L’infestazione da larve di mosca, nota come miasi, è rara nel nostro paese, ma è stata riscontrata in persone che avevano viaggiato in aree tropicali e subtropicali. In un caso, i medici hanno rimosso tre mosche vive, ciascuna di due centimetri di dimensione, dall’occhio, dal braccio e dal collo di una donna. La 32enne americana aveva avuto un occhio gonfio per quattro settimane dopo aver visitato la foresta amazzonica. Il caso è stato riportato sul Daily Mail.

Trovata una tenia nel cervello di un uomo in Gran Bretagna

Nel Regno Unito i medici hanno trovato una tenia nel cervello di un uomo di 50 anni . Per 4 anni il paziente ha sofferto di mal di testa, convulsioni, flashback  e percepiva strani odori. Fino a quando, nel 2012, medici hanno rimosso un verme che era penetrato da un lato all’altro del suo cervello. Il verme è stato scoperto dopo che le immagini della risonanza magnetica hanno rivelato un insolito gruppo di anelli che si muovevano attraverso il suo cervello. Gli scienziati, come hanno riportato sulla rivista Genome Biology, hanno successivamente scoperto che si trattava di un tipo di tenia nota come Spirometra erinaceieuropaei, che si trova tipicamente negli anfibi e nei crostacei in Cina. I medici responsabili della scoperta hanno affermato che probabilmente l’uomo aveva contratto il parassita durante una visita in Cina, attraverso carne o acqua contaminata. Hayley Bennett, che lavorò al caso, disse all’epoca: «Gli esseri umani sono ospiti rari e accidentali di questo particolare verme».

Consigli per ridurre il pericolo di parassitosi

Tutti questi casi sono, per fortuna, molto rari. Tuttavia, per evitare di diventare una sfortunata vittima sarebbe meglio seguire una serie di indicazioni utili. Si tratta di poche regole di senso comune, che possono aiutare a difenderci anche da microrganismi più diffusi e meno raccapriccianti:

  • prima di viaggiare verso una meta esotica è bene informarsi sui pericoli, parassiti compresi, a cui si potrebbe andare incontro e chiedere a un medico, meglio se specializzato in viaggi, eventuali specifici consigli;
  • lavarsi spesso le mani: non si può mai sapere con cosa rischiamo di «contaminarci»;
  • Lavare frutta e verdura cruda prima di mangiarla;
  • optare per alimenti, come carne e pesce, cotti o che siano stati sottoposti a processi di abbattitura e simili;
  • evitare di entrare in contatto con animali di «dubbia provenienza» e di cui non si conoscono i possibili pericoli.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Berlusconi morto per la leucemia mielomonocitica cronica, quali sono i campanelli d’allarme della malattia?
Silvio Berlusconi è deceduto a causa di una forma di leucemia, che può essere difficile da individuare perché i sintomi «rivelatori» possono spesso indicare altre malattie non correlate. Ma alcuni, soprattutto se compaiono in concomitanza, potrebbero metterci in allerta
Non solo Covid, influenza e Rsv. In Usa boom di infezioni da un virus «ignorato»: HMPV
Il trio Covid-influenza-Rsv che abbiamo tanto temuto nella scorsa stagione, negli Stati Uniti, è diventato un minaccioso «quartetto». Sul finire della stagione invernale, infatti, un altro virus respiratorio ha preso piede negli Stati Uniti. Si tratta del metapneumovirus umano, o HMPV. Abbiamo chiesto a Concetta Castilletti responsabile Unità Operativa Virologia e Patogeni Emergenti dell'IRCCS Sacro Cuore Don Calabria, Negrar, qual è la situazione in Italia
Quando le infezioni ripetute sono pericolose?
Si stima che la maggior parte della popolazione mondiale sia stata contagiata dal virus Sars-CoV-2 almeno una volta. Quanto danno causeranno queste infezioni ripetute è ancora oggi oggetto di dibattito
Risolto il mistero delle epatiti pediatriche, colpa di co-infezioni da virus comuni
Sembra essersi finalmente risolto il mistero delle cause dell'ondata di epatiti acute gravi che, nella primavera del 2022, poco dopo la fine dei lockdown per Covid-19, hanno colpito oltre un migliaio di bambini in 34 paesi diversi, Italia compresa. Tre studi, appena pubblicati sulla rivista Nature, hanno collegato questi focolai di epatite pediatrica a co-infezioni causate da più virus comuni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

XVIII Giornata europea dei diritti del malato. Contro la desertificazione sanitaria serve un’alleanza tra professionisti, cittadini e istituzioni

La carenza di servizi sul territorio, la penuria di alcune specifiche figure professionali , la distanza dai luoghi di salute in particolare nelle aree interne del Paese, periferiche e ultraperiferich...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...