Politica 18 Gennaio 2019

Tribunale della Salute, Pierpaolo Sileri (M5S): «Pazienti e medici sono dalla stessa parte. Un luogo di dialogo aiuterebbe a evitare denunce»

Il Presidente della Commissione Sanità di Palazzo Madama ha aderito alla petizione lanciata dal network legale Consulcesi per l’istituzione di una camera di compensazione per le diatribe tra medici e pazienti. Sullo spot risarcimenti: «Non è giusto che si inciti all’odio verso i medici proponendo denunce che poi nella stragrande maggioranza dei casi cadono nel vuoto perché è raro che poi vi sia un errore da parte del medico»

Immagine articolo

«È importante far ripartire quel dialogo tra pazienti e medici facendo capire che sono dalla stessa parte». Ha le idee chiare il presidente della Commissione Sanità del Senato, Pierpaolo Sileri, Movimento Cinque Stelle, che nei giorni scorsi ha aderito alla petizione promossa dal network legale Consulcesi “Stop all’odio verso i medici. Subito il Tribunale della Salute”. La raccolta di firme è nata sull’ondata di proteste dei camici bianchi per lo spot andato in onda anche sulle reti Rai in cui si invitavano i pazienti a chiedere risarcimenti ai medici per la malasanità. La petizione ha già superato le 12mila adesioni. La proposta rilanciata su Change.org prevede l’istituzione di un Tribunale della Salute che possa svolgere il ruolo di camera di compensazione nelle diatribe tra medici e pazienti, continua a raccogliere consensi anche a livello istituzionale, come testimonia l’adesione di Sileri e l’attenzione che gli sta dedicando il mondo sindacale e delle associazioni.

«Ho firmato la petizione perché la ritengo giusta – spiega a Sanità Informazione Pierpaolo Sileri -. Non ritengo sbagliato lo spot sulla malasanità, io forse non lo avrei fatto in quella maniera e non lo avrei mandato sulla tv pubblica. Credo che sia importante far ripartire quel dialogo tra pazienti e medici facendo capire che sono dalla stessa parte. Il medico aiuta il paziente. Il paziente si offre con la sua malattia al medico affinché lo curi. Invece purtroppo oggi il medico viene visto come colui che commette un errore, colui che ha generato le liste di attesa, come se fosse la causa di tutti i problemi. Un dialogo, la possibilità di parlare, la possibilità di confrontarsi, anche far capire che a volte il problema è a monte, nel sistema, aiuterebbe non poco. Credo sia un’ottima idea quella di istituire un Tribunale del malato o della Salute dove si può parlare del contenzioso, si può arrivare a una conclusione senza finire alle denunce».

LEGGI ANCHE: MEDICI SOTTO ATTACCO, 35MILA NUOVE CAUSE ALL’ANNO. FNOMCeO E REGIONI CHIEDONO LEGGE PER REGOLAMENTARE SPOT CONTRO SSN

Per i camici bianchi il momento è tra i più delicati: sono trecentomila le cause giacenti nei confronti di medici e strutture sanitarie per presunta malpractice. Una situazione che sta facendo aumentare in modo esponenziale il ricorso alla medicina difensiva. «D’altra parte – continua Sileri – non è nemmeno giusto che si inciti all’odio verso i medici proponendo denunce che poi nella stragrande maggioranza dei casi cadono nel vuoto perché è raro che vi sia effettivamente stato un errore da parte del medico. È chiaro che quando c’è un danno è giusto che venga risarcito: se c’è un errore grossolano il medico deve essere punito, però nella stragrande maggioranza dei casi non è così».

LEGGI ANCHE: TRIBUNALE DELLA SALUTE, FOAD AODI (OMCeO ROMA): ADERISCE ALLA PETIZIONE: «PROPOSTA CORAGGIOSA. PIU’ IL MEDICO LAVORA IN SERENITA’ PIU’ E’ TUTELATO IL DIRITTO ALLA SALUTE»

 

Articoli correlati
Marialucia Lorefice (Affari Sociali): «Covid ci serva da lezione, tagli alla sanità un errore. Ora attenzione al sociale»
Colloquio con la presidente della Commissione Affari Sociali Marialucia Lorefice (M5S) all’indomani della rielezione. Tra le priorità dei prossimi mesi il budget di salute per la presa in carico delle persone con disabilità e la legge sul fine vita
Specializzazioni, interrogazione di Tuzi (M5S) a Manfredi: «Perchè commissione di esperti e non nomina Osservatorio?»
«Abbiamo offerto al Ministro la possibilità di essere ulteriormente trasparenti. La questione prospettata nasce dal ruolo di vigilanza, giudizio e controllo sugli accreditamenti delle scuole di specializzazione ricoperto dall’Osservatorio» sottolinea IL deputato e medico del M5S Manuel Tuzi
Con lockdown medici in ferie forzate, a rischio indennizzo. C&P: «Nostri legali a lavoro per tutelare diritto»
"Costretti" dal datore di lavoro a prendere ferie pregresse forzate, non avranno alcun diritto all'indennizzo per "ferie non godute" riconosciuto qualche settimana fa da una sentenza della Corte Suprema. Consulcesi & partners: «I nostri legali a lavoro per tutelare un diritto sancito dalla Corte Suprema».
Giornata vittime Covid, Lorefice: «È un dovere non dimenticare. Ora al lavoro per aumentare i fondi per la sanità»
«Nella nostra memoria rimarrà impressa in maniera indelebile la giornata del 18 marzo, durante la quale abbiamo assistito al corteo dei camion militari che trasportavano i feretri nelle strade di Bergamo» sottolinea la presidente della Commissione Affari Sociali nel giorno dell'approvazione del Ddl
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»