Politica 18 Gennaio 2019

Tribunale della Salute, Pierpaolo Sileri (M5S): «Pazienti e medici sono dalla stessa parte. Un luogo di dialogo aiuterebbe a evitare denunce»

Il Presidente della Commissione Sanità di Palazzo Madama ha aderito alla petizione lanciata dal network legale Consulcesi per l’istituzione di una camera di compensazione per le diatribe tra medici e pazienti. Sullo spot risarcimenti: «Non è giusto che si inciti all’odio verso i medici proponendo denunce che poi nella stragrande maggioranza dei casi cadono nel vuoto perché è raro che poi vi sia un errore da parte del medico»

Immagine articolo

«È importante far ripartire quel dialogo tra pazienti e medici facendo capire che sono dalla stessa parte». Ha le idee chiare il presidente della Commissione Sanità del Senato, Pierpaolo Sileri, Movimento Cinque Stelle, che nei giorni scorsi ha aderito alla petizione promossa dal network legale Consulcesi “Stop all’odio verso i medici. Subito il Tribunale della Salute”. La raccolta di firme è nata sull’ondata di proteste dei camici bianchi per lo spot andato in onda anche sulle reti Rai in cui si invitavano i pazienti a chiedere risarcimenti ai medici per la malasanità. La petizione ha già superato le 12mila adesioni. La proposta rilanciata su Change.org prevede l’istituzione di un Tribunale della Salute che possa svolgere il ruolo di camera di compensazione nelle diatribe tra medici e pazienti, continua a raccogliere consensi anche a livello istituzionale, come testimonia l’adesione di Sileri e l’attenzione che gli sta dedicando il mondo sindacale e delle associazioni.

«Ho firmato la petizione perché la ritengo giusta – spiega a Sanità Informazione Pierpaolo Sileri -. Non ritengo sbagliato lo spot sulla malasanità, io forse non lo avrei fatto in quella maniera e non lo avrei mandato sulla tv pubblica. Credo che sia importante far ripartire quel dialogo tra pazienti e medici facendo capire che sono dalla stessa parte. Il medico aiuta il paziente. Il paziente si offre con la sua malattia al medico affinché lo curi. Invece purtroppo oggi il medico viene visto come colui che commette un errore, colui che ha generato le liste di attesa, come se fosse la causa di tutti i problemi. Un dialogo, la possibilità di parlare, la possibilità di confrontarsi, anche far capire che a volte il problema è a monte, nel sistema, aiuterebbe non poco. Credo sia un’ottima idea quella di istituire un Tribunale del malato o della Salute dove si può parlare del contenzioso, si può arrivare a una conclusione senza finire alle denunce».

LEGGI ANCHE: MEDICI SOTTO ATTACCO, 35MILA NUOVE CAUSE ALL’ANNO. FNOMCeO E REGIONI CHIEDONO LEGGE PER REGOLAMENTARE SPOT CONTRO SSN

Per i camici bianchi il momento è tra i più delicati: sono trecentomila le cause giacenti nei confronti di medici e strutture sanitarie per presunta malpractice. Una situazione che sta facendo aumentare in modo esponenziale il ricorso alla medicina difensiva. «D’altra parte – continua Sileri – non è nemmeno giusto che si inciti all’odio verso i medici proponendo denunce che poi nella stragrande maggioranza dei casi cadono nel vuoto perché è raro che vi sia effettivamente stato un errore da parte del medico. È chiaro che quando c’è un danno è giusto che venga risarcito: se c’è un errore grossolano il medico deve essere punito, però nella stragrande maggioranza dei casi non è così».

LEGGI ANCHE: TRIBUNALE DELLA SALUTE, FOAD AODI (OMCeO ROMA): ADERISCE ALLA PETIZIONE: «PROPOSTA CORAGGIOSA. PIU’ IL MEDICO LAVORA IN SERENITA’ PIU’ E’ TUTELATO IL DIRITTO ALLA SALUTE»

 

Articoli correlati
Covid-19, Cisl Medici Lazio scrive all’Assessore alla sanità Alessio D’Amato
«Medici, infermieri ed operatori sociosanitari sono in prima linea e, come in tutte le emergenze sanitarie, sono queste le categorie di lavoratori maggiormente a rischio proprio perché molto più di altri sono a diretto contatto con i malati e con quanti possono essere in fase asintomatica di incubazione». Così in una nota, Luciano Cifaldi, Segretario […]
Medici nelle scuole: studenti a lezione di salute e di primo soccorso
«Istruzione e salute vanno di pari passo. Grazie a questo protocollo, insieme all’assessorato alla Salute e all’Istruzione, potremo riportare i medici in tutte le scuole primarie e secondarie siciliane che aderiranno all’iniziativa. Educare alla prevenzione significa sviluppare una capacità di comportamento che consente ai più piccoli di adottare e mantenere da adulti stili di vita […]
Aggressioni, De Palma (Nursing Up: ): «Subiamo comportamenti umilianti e mortificanti, il Ddl non è sufficiente»
«Sono tremila i casi di aggressione, di cui solo milleduecento quelli denunciati». Così il presidente del sindacato Nursing Up Antonio De Palma nel nuovo videomessaggio della campagna di sensibilizzazione #NoViolenzasuglinfermieri, online da oggi
“No alla violenza sui camici bianchi”. Anelli (Fnomceo): «L’attività parlamentare vada di pari passo con quella delle Regioni»
«È proprio a livello regionale che potranno essere portati avanti quegli interventi a livello organizzativo e strutturale che sono rimasti in secondo piano nel Disegno di Legge - continua Filippo Anelli -. Penso all’installazione degli impianti di videosorveglianza e all’istituzione di presidi di pubblica sicurezza nei pronto soccorso»
Il segreto di un bel giallo? L’aiuto del medico legale. De Giovanni: «Quanti referti ho studiato per il Commissario Ricciardi…»
Lo scrittore napoletano ha raccontato i retroscena dei suoi gialli al convegno “Rischio clinico e gestione del contenzioso”. Poi, ha confessato: «Ho un figlio medico ma sono un pessimo paziente»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio 2020 sono 81.245 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 30.311 mentre i morti sono 2.770. I CASI IN ITALIA Bollettino delle or...