Politica 18 Gennaio 2019

Tribunale della Salute, Pierpaolo Sileri (M5S): «Pazienti e medici sono dalla stessa parte. Un luogo di dialogo aiuterebbe a evitare denunce»

Il Presidente della Commissione Sanità di Palazzo Madama ha aderito alla petizione lanciata dal network legale Consulcesi per l’istituzione di una camera di compensazione per le diatribe tra medici e pazienti. Sullo spot risarcimenti: «Non è giusto che si inciti all’odio verso i medici proponendo denunce che poi nella stragrande maggioranza dei casi cadono nel vuoto perché è raro che poi vi sia un errore da parte del medico»

Immagine articolo

«È importante far ripartire quel dialogo tra pazienti e medici facendo capire che sono dalla stessa parte». Ha le idee chiare il presidente della Commissione Sanità del Senato, Pierpaolo Sileri, Movimento Cinque Stelle, che nei giorni scorsi ha aderito alla petizione promossa dal network legale Consulcesi “Stop all’odio verso i medici. Subito il Tribunale della Salute”. La raccolta di firme è nata sull’ondata di proteste dei camici bianchi per lo spot andato in onda anche sulle reti Rai in cui si invitavano i pazienti a chiedere risarcimenti ai medici per la malasanità. La petizione ha già superato le 12mila adesioni. La proposta rilanciata su Change.org prevede l’istituzione di un Tribunale della Salute che possa svolgere il ruolo di camera di compensazione nelle diatribe tra medici e pazienti, continua a raccogliere consensi anche a livello istituzionale, come testimonia l’adesione di Sileri e l’attenzione che gli sta dedicando il mondo sindacale e delle associazioni.

«Ho firmato la petizione perché la ritengo giusta – spiega a Sanità Informazione Pierpaolo Sileri -. Non ritengo sbagliato lo spot sulla malasanità, io forse non lo avrei fatto in quella maniera e non lo avrei mandato sulla tv pubblica. Credo che sia importante far ripartire quel dialogo tra pazienti e medici facendo capire che sono dalla stessa parte. Il medico aiuta il paziente. Il paziente si offre con la sua malattia al medico affinché lo curi. Invece purtroppo oggi il medico viene visto come colui che commette un errore, colui che ha generato le liste di attesa, come se fosse la causa di tutti i problemi. Un dialogo, la possibilità di parlare, la possibilità di confrontarsi, anche far capire che a volte il problema è a monte, nel sistema, aiuterebbe non poco. Credo sia un’ottima idea quella di istituire un Tribunale del malato o della Salute dove si può parlare del contenzioso, si può arrivare a una conclusione senza finire alle denunce».

LEGGI ANCHE: MEDICI SOTTO ATTACCO, 35MILA NUOVE CAUSE ALL’ANNO. FNOMCeO E REGIONI CHIEDONO LEGGE PER REGOLAMENTARE SPOT CONTRO SSN

Per i camici bianchi il momento è tra i più delicati: sono trecentomila le cause giacenti nei confronti di medici e strutture sanitarie per presunta malpractice. Una situazione che sta facendo aumentare in modo esponenziale il ricorso alla medicina difensiva. «D’altra parte – continua Sileri – non è nemmeno giusto che si inciti all’odio verso i medici proponendo denunce che poi nella stragrande maggioranza dei casi cadono nel vuoto perché è raro che vi sia effettivamente stato un errore da parte del medico. È chiaro che quando c’è un danno è giusto che venga risarcito: se c’è un errore grossolano il medico deve essere punito, però nella stragrande maggioranza dei casi non è così».

LEGGI ANCHE: TRIBUNALE DELLA SALUTE, FOAD AODI (OMCeO ROMA): ADERISCE ALLA PETIZIONE: «PROPOSTA CORAGGIOSA. PIU’ IL MEDICO LAVORA IN SERENITA’ PIU’ E’ TUTELATO IL DIRITTO ALLA SALUTE»

 

Articoli correlati
Riforma RSA, M5S: «Perplessità su nomina Mons. Paglia. Ora coinvolgere medici di famiglia e assistenti sociali»
«Non è in discussione l’elevato profilo morale e culturale del Mons. Paglia» sottolineano i deputati pentastellati della Commissione Affari Sociali che però ribadiscono: «Il Servizio sanitario nazionale è e deve rimanere laico e pubblico»
Screening neonatale, Volpi (M5S): «Via al decreto che istituisce tavolo per aggiornare lista delle patologie»
«La revisione periodica della lista delle malattie da testare sarà preziosa per la salute dei nostri bambini, cui potremo così garantire un numero sempre maggiore di cure», dichiara la deputata M5S Leda Volpi
Regionali 2020, nelle prime elezioni post-Covid boom di professionisti sanitari candidati
Da destra a sinistra tanti infermieri e medici tentano la scalata in Consiglio regionale nelle sette regioni chiamate al rinnovo. In Puglia sfida tra virologi (Lopalco vs De Vito), mentre in Campania candidato il Presidente OPI Napoli Ciro Carbone. In campo anche biologi, fisioterapisti, tecnici di radiologia e farmacisti. Tutti considerano l’esperienza nella sanità un valore aggiunto per l’impegno politico
Ex specializzandi, dopo i Ddl arriva la petizione. Dalla politica sostegno bipartisan
La petizione, lanciata da Consulcesi su Change.org, ha come obiettivo quello di dare ulteriore spinta ai Disegni di legge presentati in Parlamento
Demenze, Guidolin (M5S) deposita Ddl per interventi assistenziali al settore: «Obiettivo migliorare qualità della vita dei pazienti»
Il Ddl prevede l'istituzione di un fondo di 15 milioni di euro. Tra gli obiettivi quello di sperimentare buone pratiche su tutto il territorio nazionale, insieme a un tavolo istituzionale di lavoro e confronto da attivare al ministero della Salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 settembre, sono 33.362.341 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.001.800 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 29 settembre: Ad oggi ...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...