Politica 17 Gennaio 2019

Medici sotto attacco, 35mila nuove cause all’anno. FNOMCeO e Regioni chiedono legge per regolamentare spot contro Ssn

Libero pubblica i numeri drammatici dell’ «attacco conclamato alla categoria» e promuove la petizione lanciata da Consulcesi per istituire il Tribunale della Salute. Tra i sottoscrittori anche il Senatore Sileri (pres. 12° commissione): «Tornare a un rapporto sano tra i cittadini e la sanità, il clima di sfiducia non fa bene a nessuno»

Immagine articolo

Trecentomila cause giacenti nei confronti di medici e strutture sanitarie per presunta malpractice. 35mila quelle intentate ogni anno, 10,67 richieste di risarcimento ogni 10mila dimissioni. Sono questi i numeri drammatici pubblicati nell’edizione del 17 gennaio di Libero dalla giornalista Simona Bertuzzi. Numeri che raccontano di un vero e proprio «attacco conclamato alla categoria». Attacco perpetrato non solo da chi subisce effettivamente un danno da un’operazione chirurgica andata male o da una terapia che non dà gli effetti sperati, ma anche da persone che si rivolgono ai tribunali per cercare di raggranellare qualcosa da una situazione spiacevole.

Libero parla di «esposti di parenti che non accettano la morte del nonno centenario o che aspettano fuori dall’ospedale il malcapitato di turno perché la sua diagnosi sarebbe stata tardiva», ma anche di «famiglie in condizioni di indigenza economica» che, «non sapendo a che santo votarsi per tirare fine mese intravedono nel ricovero di un parente, o peggio nella sua dipartita, l’occasione per tentare una causa e racimolare qualche soldo».

 

La situazione descritta ovviamente non è nuova a chi negli ospedali ci lavora o ci ha lavorato, così come non è difficile leggere notizie di questo tipo sulla stampa di settore. Ciò che preoccupa (e che testimonia di come la situazione si sia fatta grave nel corso degli anni) è che adesso si comincia a parlarne anche su un giornale generalista come Libero, e che se ne parli in questi termini. Non tutti sanno infatti (esclusi anche questa volta gli operatori sanitari) cos’è la medicina difensiva e quanto questa costi alle casse dello Stato (13 miliardi di euro ogni anno).

L’approfondimento di Libero si sofferma poi sulla petizione promossa da Consulcesi che ha già raccolto oltre 12.500 firme e chiede di fermare la campagna contro i medici istituendo un tribunale della salute: «Bisogna tornare a un rapporto sano tra i cittadini e la sanità, il clima di sfiducia non fa bene a nessuno», ha spiegato Pierpaolo Sileri, presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato, che ha sottoscritto l’appello insieme a tantissimi altri membri della politica e delle istituzioni. Tra i vip che hanno espresso solidarietà verso la causa ed ha appoggiato la creazione del Tribunale della Salute c’è anche Massimo Boldi, che oggi ha incontrato il presidente di Consulcesi Massimo Tortorella, promotore dell’iniziativa.

E intanto la Commissione paritetica FNOMCeO-Regioni chiede una legge che disciplini i messaggi pubblicitari che possono screditare servizi pubblici essenziali come quello sanitario. «E’ indubitabile – spiega in una nota Sergio Venturi, presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità della FNOMCeO – che determinati spot o messaggi pubblicitari creino un allarmismo diffuso e gettino un discredito del tutto immeritato rispetto ad una categoria che rappresenta un cardine del Ssn, come quella dei medici. Professionisti che, spesso tra mille ristrettezze e con grande spirito di sacrificio, garantiscono ogni giorno la tutela del diritto alla salute e fanno in modo che, nonostante tutto, il nostro servizio sanitario sia fra i migliori d’Europa». «Il lavoro dei professionisti deve essere salvaguardato e tutelato – ha aggiunto invece il presidente della Federazione, Filippo Anelli -. In sanità, la serenità del professionista nell’affrontare le problematiche relative alla tutela della salute dei cittadini è un requisito fondamentale. Auspichiamo che anche il Ministero della Salute si faccia carico di questa esigenza e favorisca una soluzione normativa, per la salvaguardia del Servizio sanitario nazionale, dei suoi professionisti e dell’alleanza terapeutica con i cittadini».

 

Articoli correlati
Emergenza Covid, mancano 56mila medici. Consulcesi: «Colpa dell’errata programmazione a partire dai test di Medicina»
Il presidente Massimo Tortorella: «Il problema della carenza cronica di operatori sanitari va affrontato a monte, cioè a partire dal sistema di selezione degli aspiranti professionisti sanitari»
FNOMCeO: «Tra i medici si torna a morire per Covid». Due vittime in pochi giorni
Il presidente Anelli invita a usare l'esperienza come un insegnamento. I medici morti per Covid lavoravano a Napoli e Roma. Nursing Up protesta contro i nuovi contagi tra infermieri: 10 in 72 ore
Anelli (FNOMCeO): «I cittadini dovrebbero seguire un auto-lockdown gentile»
Il presidente FNOMCeO: «Piccole rinunce sono ora un grande strumento per ridurre il contagio. Usiamo strumenti per restare sociali ma non usciamo»
La Giornata del personale sanitario e socio-sanitario sarà il 20 febbraio
Via libera della Camera per onorare «il lavoro, l’impegno, la professionalità e il sacrificio degli operatori sanitari e sociosanitari nel corso della pandemia da coronavirus». Grande soddisfazione da parte di FNOMCeO e FNOPI
Riforma del sistema ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ecco gli obiettivi da raggiungere»
Dalla qualità dei corsi di formazione all’introduzione di un sistema premiante per i professionisti che si aggiornano, il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici delinea le direttive che la Commissione ECM sta seguendo per riformare la formazione continua
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 ottobre, sono 40.792.599 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.124.918 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 20 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...