Politica 17 Gennaio 2019

Tribunale della Salute, Foad Aodi (OMCeO Roma) aderisce alla petizione: «Proposta coraggiosa. Più il medico lavora in serenità più è tutelato il diritto alla salute»

Il presidente di Amsi (Associazione medici di origine straniera in Italia) sottolinea: «I medici italiani sono considerati tra i migliori, non permettiamo di macchiarne l’immagine e la credibilità». Intanto la raccolta firme ha superato le 12mila adesioni

Immagine articolo

«Il mio appello è rivolto a tutti i professionisti della sanità e non solo: medici, infermieri, operatori, giornalisti ed anche ai pazienti: firmate la petizione e unitevi per tutelare la salute. I medici italiani sono considerati tra i migliori, non permettiamo di macchiarne l’immagine e la credibilità». Anche Foad Aodi, presidente di Amsi (Associazione medici di origine straniera in Italia) Umem (Confederazione Internazionale-Unione Medica Euro Mediterranea) e Movimento Uniti per Unire esalta l’iniziativa “Stop all’odio verso i medici: subito il Tribunale della Salute” promossa dal network legale Consulcesi, che ha superato le 12mila firme in pochi giorni e continua a guadagnare l’approvazione di autorevoli rappresentanti delle istituzioni mediche, politiche e sindacali.

La petizione lanciata da Consulcesi, indirizzata al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Ministro alla Salute Giulia Grillo, al Ministro alla Giustizia Alfonso Bonafede, al Presidente della FNOMCeO e al Presidente della Commissione Sanità del Senato, Pierpaolo Sileri – tra i primi a sottoscrivere l’appello – è stata sostenuta e accolta favorevolmente da più parti: una dimostrazione che l’escalation di violenze fisiche e verbali ai danni dei camici bianchi è un problema sociale di cui si ha una presa di coscienza concreta e positiva.

«Mentre noi cerchiamo di trovare soluzioni a tutti i problemi attuali e le criticità del sistema, ossia l’aumento del ricorso alla medicina difensiva, il precariato, i turni massacranti, il sovraffollamento dei Pronto soccorso e la carenza di personale – lo spot di obiettivo risarcimento, – che tra l’altro continua ad essere trasmesso nelle radio – purtroppo non aiuta, anzi, avvelena l’ambiente – sottolinea Foad Aodi a Sanità Informazione -. Come consigliere dell’OMCEO di Roma, dove coordino l’Area Rapporti Affari Esteri e Area Riabilitazione, chiedo il ritiro di questo spot vergognoso, che non ho visto in nessun paese europeo e che rischia di contribuire alla fuga dei medici all’estero, a far aumentare l’accanimento contro di loro facendo calare la fiducia e il dialogo tra medici e pazienti».

Tutti concordi, dunque, e pronti a combattere ogni forma di aggressione ai medici, dagli attacchi fisici e verbali alle campagne denigratorie e lesive dell’immagine degli specialisti: «Abbiamo aderito con convinzione all’appello di Consulcesi e anche a quello della FNOMCeO lanciato da Filippo Anelli – prosegue Foad Aodi -. Questa sinergia tra albi professionali, network legali, associazioni e sindacati è una svolta perché solo l’unità d’intenti può aiutare a sconfiggere ogni tentativo di attacco sulla pelle dei medici – . Noi, su questo, siamo fermi e compatti e mi ha fatto piacere constatare, in questa circostanza, una categoria di professionisti uniti e coesi. Bisogna continuare così, con questa collaborazione e sinergia tra tutti gli attori del sistema salute».

Anche sull’istituzione del Tribunale della salute – un’altra idea di Consulcesi – come “camera di compensazione” e luogo di confronto che eviterebbe di intasare di tribunali, Aodi si dimostra d’accordo: «Penso che sia una proposta coraggiosa, innovativa ed unica nel suo genere a livello europeo. Incoraggiare la conciliazione tra pazienti e medici è da applaudire, ma dobbiamo lavorare anche sulla prevenzione e stroncare ogni intromissione di terzi volta a incentivare solo interessi personali ed economici».

Ristabilire un clima di fiducia e collaborazione tra medici e pazienti e tentare di superare i contrasti, è, secondo il presidente Aodi, d’obbligo; per questo, è importante firmare la petizione: «È importantissimo sottoscrivere questa iniziativa perché dobbiamo tutelare la professione medica – prosegue – e più il medico lavora con serenità, tranquillità e stabilisce un dialogo con i pazienti più è tutelato il diritto alla salute. Non ci sarà mai l’applicazione completa di questo diritto se il medico lavora in un’atmosfera non serena, in un ambiente intossicato da tensioni e sotto stress. Noi dell’Amsi abbiamo già tanti ginecologi e neurochirurghi che non vogliono svolgere la professione neanche al Pronto soccorso per l’eccessivo costo delle assicurazioni e per paura delle denunce. La medicina difensiva ha un costo enorme per la nostra sanità: ogni giorno dico ai miei pazienti di non lasciarsi coinvolgere da terzi che hanno come obiettivo solo interessi personali e economici» conclude il presidente.

Articoli correlati
Si avvicina il test di Medicina 2019: «Per i ricorsi la soluzione è numerochiuso.info»
Con l’avvicinarsi del quiz tornano anche alla ribalta le irregolarità che spesso hanno dato seguito a numerosi ricorsi al TAR. In soccorso degli studenti arriva lo sportello gratuito di Consulcesi
Numero chiuso, il Consiglio di Stato riammette cento studenti esclusi per mancanza di posti
La sentenza mette in discussione la capacità ricettiva degli Atenei. Il Presidente Consulcesi, Massimo Tortorella: «A questo punto non si può credere neanche dell’esattezza del numero dei posti stabiliti per l’anno accademico 2019/2020. Di fronte a queste continue irregolarità Consulcesi è pronta a scendere in campo per tutelare il diritto allo studio dei futuri camici bianchi»
Giovani medici, Pollifrone (Cao Roma): «Ecco come l’Ordine vi supporta e agevola nell’avviamento alla professione»
«Corsi formativi, il 50% della quota d’iscrizione per i primi tre anni, le consulenze legali e commerciali da parte nei nostri esperti e l’apertura di uno studio medico in sole 24 ore» così Brunello Pollifrone, Presidente Cao
Aggressioni, guardie mediche tra le più colpite. Maio (FIMMG): «Cambiare approccio organizzativo»
«Non è mettendo cancellate che si risolve il problema: ci sono stati addirittura episodi in cui le guardie mediche sono rimaste auto-sequestrate all’interno». L’intervista a Tommasa Maio, Segretario Nazionale Continuità Assistenziale FIMMG
“Liberiamoci dalla violenza”: primo centro pubblico in Italia per uomini autori di maltrattamenti. Ecco come funziona
Nato a Modena nel 2011 segue il modello norvegese: «I norvegesi - spiega Alessandro De Rosa, psicologo e psicoterapeuta del Centro - sono stati i primi, già 25 anni fa, a mettere a punto una psicoterapia ad hoc per uomini violenti»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone