Politica 17 Gennaio 2019

Tribunale della Salute, Foad Aodi (OMCeO Roma) aderisce alla petizione: «Proposta coraggiosa. Più il medico lavora in serenità più è tutelato il diritto alla salute»

Il presidente di Amsi (Associazione medici di origine straniera in Italia) sottolinea: «I medici italiani sono considerati tra i migliori, non permettiamo di macchiarne l’immagine e la credibilità». Intanto la raccolta firme ha superato le 12mila adesioni

Immagine articolo

«Il mio appello è rivolto a tutti i professionisti della sanità e non solo: medici, infermieri, operatori, giornalisti ed anche ai pazienti: firmate la petizione e unitevi per tutelare la salute. I medici italiani sono considerati tra i migliori, non permettiamo di macchiarne l’immagine e la credibilità». Anche Foad Aodi, presidente di Amsi (Associazione medici di origine straniera in Italia) Umem (Confederazione Internazionale-Unione Medica Euro Mediterranea) e Movimento Uniti per Unire esalta l’iniziativa “Stop all’odio verso i medici: subito il Tribunale della Salute” promossa dal network legale Consulcesi, che ha superato le 12mila firme in pochi giorni e continua a guadagnare l’approvazione di autorevoli rappresentanti delle istituzioni mediche, politiche e sindacali.

La petizione lanciata da Consulcesi, indirizzata al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Ministro alla Salute Giulia Grillo, al Ministro alla Giustizia Alfonso Bonafede, al Presidente della FNOMCeO e al Presidente della Commissione Sanità del Senato, Pierpaolo Sileri – tra i primi a sottoscrivere l’appello – è stata sostenuta e accolta favorevolmente da più parti: una dimostrazione che l’escalation di violenze fisiche e verbali ai danni dei camici bianchi è un problema sociale di cui si ha una presa di coscienza concreta e positiva.

«Mentre noi cerchiamo di trovare soluzioni a tutti i problemi attuali e le criticità del sistema, ossia l’aumento del ricorso alla medicina difensiva, il precariato, i turni massacranti, il sovraffollamento dei Pronto soccorso e la carenza di personale – lo spot di obiettivo risarcimento, – che tra l’altro continua ad essere trasmesso nelle radio – purtroppo non aiuta, anzi, avvelena l’ambiente – sottolinea Foad Aodi a Sanità Informazione -. Come consigliere dell’OMCEO di Roma, dove coordino l’Area Rapporti Affari Esteri e Area Riabilitazione, chiedo il ritiro di questo spot vergognoso, che non ho visto in nessun paese europeo e che rischia di contribuire alla fuga dei medici all’estero, a far aumentare l’accanimento contro di loro facendo calare la fiducia e il dialogo tra medici e pazienti».

Tutti concordi, dunque, e pronti a combattere ogni forma di aggressione ai medici, dagli attacchi fisici e verbali alle campagne denigratorie e lesive dell’immagine degli specialisti: «Abbiamo aderito con convinzione all’appello di Consulcesi e anche a quello della FNOMCeO lanciato da Filippo Anelli – prosegue Foad Aodi -. Questa sinergia tra albi professionali, network legali, associazioni e sindacati è una svolta perché solo l’unità d’intenti può aiutare a sconfiggere ogni tentativo di attacco sulla pelle dei medici – . Noi, su questo, siamo fermi e compatti e mi ha fatto piacere constatare, in questa circostanza, una categoria di professionisti uniti e coesi. Bisogna continuare così, con questa collaborazione e sinergia tra tutti gli attori del sistema salute».

Anche sull’istituzione del Tribunale della salute – un’altra idea di Consulcesi – come “camera di compensazione” e luogo di confronto che eviterebbe di intasare di tribunali, Aodi si dimostra d’accordo: «Penso che sia una proposta coraggiosa, innovativa ed unica nel suo genere a livello europeo. Incoraggiare la conciliazione tra pazienti e medici è da applaudire, ma dobbiamo lavorare anche sulla prevenzione e stroncare ogni intromissione di terzi volta a incentivare solo interessi personali ed economici».

Ristabilire un clima di fiducia e collaborazione tra medici e pazienti e tentare di superare i contrasti, è, secondo il presidente Aodi, d’obbligo; per questo, è importante firmare la petizione: «È importantissimo sottoscrivere questa iniziativa perché dobbiamo tutelare la professione medica – prosegue – e più il medico lavora con serenità, tranquillità e stabilisce un dialogo con i pazienti più è tutelato il diritto alla salute. Non ci sarà mai l’applicazione completa di questo diritto se il medico lavora in un’atmosfera non serena, in un ambiente intossicato da tensioni e sotto stress. Noi dell’Amsi abbiamo già tanti ginecologi e neurochirurghi che non vogliono svolgere la professione neanche al Pronto soccorso per l’eccessivo costo delle assicurazioni e per paura delle denunce. La medicina difensiva ha un costo enorme per la nostra sanità: ogni giorno dico ai miei pazienti di non lasciarsi coinvolgere da terzi che hanno come obiettivo solo interessi personali e economici» conclude il presidente.

Articoli correlati
«Gravissima carenza medici in discipline specialistiche, conseguenza di una scellerata incapacità di programmare il fabbisogno»
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
Covid, terapie intensive al collasso: mancano all’appello 4mila specialisti
L'esperto propone: Consulcesi Club lancia nuovo corso di formazione su cure intensive con lo specialista Mauro Dauri (Tor Vergata): «Contro carenza medici in terapia intensiva, formare e coinvolgere specialisti afferenti ad altre discipline come accade in Usa e Europa»
Burnout da Covid tra i sanitari, la psicologa: «Ora che ne conosciamo gli effetti possiamo prevenirlo»
«Le emozioni provate da chi ha lottato in prima linea contro il Covid sono state talmente forti da riversarsi sul corpo, sotto forma di numerosi disturbi: cefalee e dolori addominali i più diffusi»
di Isabella Faggiano
La petizione per chiudere il contenzioso Stato-medici specialisti sfonda quota 10mila firme
Tortorella (Consulcesi): «Con la petizione abbiamo dato voce a decine di migliaia di medici. Abbiamo più volte sollecitato la politica a trovare una soluzione, il Recovery Fund rappresenta un’occasione che non può essere sprecata»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 29 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...