Lavoro 3 Luglio 2018 10:20

I problemi della sanità secondo i medici: dal precariato alla medicina difensiva, le testimonianze di chi vive tutti i giorni in corsia

Abbiamo chiesto ai medici che hanno preso parte al Congresso di Anaao-Assomed quali sono i problemi principali della categoria che dovrebbero essere affrontati più urgentemente. Ecco cosa ci hanno risposto

I problemi della sanità secondo i medici: dal precariato alla medicina difensiva, le testimonianze di chi vive tutti i giorni in corsia

Precariato, medicina difensiva, carenza del personale, strutture fatiscenti, mancato rispetto delle ore di riposo, blocco del turnover, sovraffollamento dei Pronto soccorso. Problemi ben noti a chi si occupa, in un modo o nell’altro, di sanità, ma che devono essere affrontati in modo concreto da chi vive quotidianamente nelle corsie degli ospedali. E sono proprio queste le priorità su cui, secondo alcuni medici che abbiamo incontrato al Congresso di Anaao-Assomed, bisognerà lavorare urgentemente nel prossimo futuro. Ecco cosa ci hanno raccontato.

«Il problema principale che avvertiamo – risponde la dottoressa Silvia Porreca – è la carenza del personale. Io lavoro in Puglia dove abbiamo avuto fino a poco tempo fa il blocco del turnover e oggi conviviamo con una carenza di personale, sia medico che paramedico, che è importante e grave perché spesso non riusciamo nemmeno a rispettare le ore di riposo previste per legge e che dovrebbero essere garantite a tutti gli operatori, e stiamo parlando di diritti minimi. Poi – prosegue – ci sono le problematiche relative alle strutture, soprattutto quelle più fatiscenti. Ci sono difficoltà a garantire le prestazioni minime ai pazienti, la riduzione dei posti letto che causano affollamento nei Pronto soccorso o pazienti lasciati in barella».

LEGGI ANCHE: ANAAO, È CARLO PALERMO IL NUOVO SEGRETARIO: «DIFENDEREMO UNIVERSALISMO SSN. SUL CONTRATTO SONO OTTIMISTA»

Il dottor Bruno Nicora parla invece di ostacoli legati alla responsabilità professionale: «Molti punti ancora non sono conosciuti. La medicina difensiva è ancora protagonista dei turni dei medici in prima linea, che lavorano in Pronto soccorso e in rianimazione». E poi ci sono «le regole che governano il nostro lavoro, che dovremmo e vorremmo conoscere in maniera più precisa e puntuale», come ad esempio «le regole dei turni o la gestione delle ferie, ma anche tutto ciò che riguarda contributi e stipendi».

Per chi è più giovane, invece, la priorità da combattere è il precariato: «Dopo la laurea – spiega la dottoressa Claudia Pozzi – affrontiamo una staffetta formativa complessa e poi accedere al Servizio Sanitario Nazionale è un miraggio. Una volta entrati e superati tutti questi ostacoli incontriamo grossi problemi di stabilizzazione del precariato e gravi criticità a livello strutturale e organizzativo. C’è quindi un grande lavoro da fare prima, durante e dopo il percorso formativo».

Infine, c’è chi vede in questioni più generali la fonte dei problemi della sanità italiana. Come il dottor Giuseppe Orto: «È in atto, sottoterra, una trasformazione del pubblico in privato che riduce le prestazioni a chi ha meno possibilità. Stiamo assistendo ad un impoverimento del Servizio sanitario universale che, secondo me, porterà ad avere quattro o cinque ospedali regionali pubblici che erogheranno i LEA per le categorie meno abbienti della popolazione, mentre tutti gli altri saranno costretti a richiedere i servizi privatamente. Peccato – prevede – che continueremo a pagare i contributi per un servizio sanitario pubblico senza poterne usufruire. Eppure, sebbene poco finanziato rispetto al panorama internazionale, il servizio riesce ancora ad assicurare un livello molto alto grazie allo spirito di abnegazione e al senso di responsabilità degli operatori sanitari. Ma fino a quando sarà possibile – si chiede – se il servizio continuerà ad essere depauperato di risorse e di possibilità?».

LEGGI ANCHE: CONGRESSO ANAAO-ASSOMED, IL MINISTRO GRILLO: «NO A UNA SANITÀ PER I RICCHI E UNA PER I POVERI. SU SPECIALISTICA APRIREMO TAVOLO CON REGIONI» 

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
I giovani, le donne, e un contratto “rivoluzionario”. Al 25° Congresso Anaao tracciata la road map della sanità del futuro
Abolire il gender gap, promuovere i diritti LGBT, aumentare retribuzioni e ferie. Il PNRR? La digitalizzazione non distolga dall’investimento sul capitale umano
Donne in Sanità: studiano di più ma emergono di meno
Al via la seconda edizione di iWIN, l’hub per ricerca e innovazione a livello mondiale, fondata per affrontare le questioni dell’uguaglianza di genere. Rubulotta (anestesista): «La biotecnologia, disegnata per il 68% da ingegneri uomini, è usata nel 70% da giovani donne infermiere e medici impegnati al letto del malato»
Sanità, Parente (Iv): «Bene standard per assistenza territoriale ma servono assunzioni e formazione personale»
«Senza medici, infermieri e personale socio-sanitario e senza la formazione le nuove case di comunità sono destinate a restare delle scatole vuote» mette in guardia la presidente della commissione Igiene e Sanità del Senato
Sanità, la Lombardia conferma una qualità superiore alla media nazionale
Presentato a Milano il rapporto “Qualità degli Out Comes clinici negli Ospedali. Confronto tra Regione Lombardia e le altre Regioni Pne 2020” realizzato da Fondazione Sanità Futura
Perché andare nelle Case della Comunità, se lo studio medico è sotto casa? Risponde Pina Onotri (SMI)
Il Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani, in un’intervista a Sanità Informazione ripercorre le principali criticità del PNNR. Le proposte: «Modificare la legge 502/92 e studiare un meccanismo flessibile di equivalenza scelta/ore, che permetta ai medici con un carico assistenziale inferiore al massimale di coprire un debito orario nelle case di comunità, retribuiti a quota oraria o capitaria»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...