Lavoro 3 luglio 2018

I problemi della sanità secondo i medici: dal precariato alla medicina difensiva, le testimonianze di chi vive tutti i giorni in corsia

Abbiamo chiesto ai medici che hanno preso parte al Congresso di Anaao-Assomed quali sono i problemi principali della categoria che dovrebbero essere affrontati più urgentemente. Ecco cosa ci hanno risposto

Immagine articolo

Precariato, medicina difensiva, carenza del personale, strutture fatiscenti, mancato rispetto delle ore di riposo, blocco del turnover, sovraffollamento dei Pronto soccorso. Problemi ben noti a chi si occupa, in un modo o nell’altro, di sanità, ma che devono essere affrontati in modo concreto da chi vive quotidianamente nelle corsie degli ospedali. E sono proprio queste le priorità su cui, secondo alcuni medici che abbiamo incontrato al Congresso di Anaao-Assomed, bisognerà lavorare urgentemente nel prossimo futuro. Ecco cosa ci hanno raccontato.

«Il problema principale che avvertiamo – risponde la dottoressa Silvia Porreca – è la carenza del personale. Io lavoro in Puglia dove abbiamo avuto fino a poco tempo fa il blocco del turnover e oggi conviviamo con una carenza di personale, sia medico che paramedico, che è importante e grave perché spesso non riusciamo nemmeno a rispettare le ore di riposo previste per legge e che dovrebbero essere garantite a tutti gli operatori, e stiamo parlando di diritti minimi. Poi – prosegue – ci sono le problematiche relative alle strutture, soprattutto quelle più fatiscenti. Ci sono difficoltà a garantire le prestazioni minime ai pazienti, la riduzione dei posti letto che causano affollamento nei Pronto soccorso o pazienti lasciati in barella».

LEGGI ANCHE: ANAAO, È CARLO PALERMO IL NUOVO SEGRETARIO: «DIFENDEREMO UNIVERSALISMO SSN. SUL CONTRATTO SONO OTTIMISTA»

Il dottor Bruno Nicora parla invece di ostacoli legati alla responsabilità professionale: «Molti punti ancora non sono conosciuti. La medicina difensiva è ancora protagonista dei turni dei medici in prima linea, che lavorano in Pronto soccorso e in rianimazione». E poi ci sono «le regole che governano il nostro lavoro, che dovremmo e vorremmo conoscere in maniera più precisa e puntuale», come ad esempio «le regole dei turni o la gestione delle ferie, ma anche tutto ciò che riguarda contributi e stipendi».

Per chi è più giovane, invece, la priorità da combattere è il precariato: «Dopo la laurea – spiega la dottoressa Claudia Pozzi – affrontiamo una staffetta formativa complessa e poi accedere al Servizio Sanitario Nazionale è un miraggio. Una volta entrati e superati tutti questi ostacoli incontriamo grossi problemi di stabilizzazione del precariato e gravi criticità a livello strutturale e organizzativo. C’è quindi un grande lavoro da fare prima, durante e dopo il percorso formativo».

Infine, c’è chi vede in questioni più generali la fonte dei problemi della sanità italiana. Come il dottor Giuseppe Orto: «È in atto, sottoterra, una trasformazione del pubblico in privato che riduce le prestazioni a chi ha meno possibilità. Stiamo assistendo ad un impoverimento del Servizio sanitario universale che, secondo me, porterà ad avere quattro o cinque ospedali regionali pubblici che erogheranno i LEA per le categorie meno abbienti della popolazione, mentre tutti gli altri saranno costretti a richiedere i servizi privatamente. Peccato – prevede – che continueremo a pagare i contributi per un servizio sanitario pubblico senza poterne usufruire. Eppure, sebbene poco finanziato rispetto al panorama internazionale, il servizio riesce ancora ad assicurare un livello molto alto grazie allo spirito di abnegazione e al senso di responsabilità degli operatori sanitari. Ma fino a quando sarà possibile – si chiede – se il servizio continuerà ad essere depauperato di risorse e di possibilità?».

LEGGI ANCHE: CONGRESSO ANAAO-ASSOMED, IL MINISTRO GRILLO: «NO A UNA SANITÀ PER I RICCHI E UNA PER I POVERI. SU SPECIALISTICA APRIREMO TAVOLO CON REGIONI» 

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Salute, De Poli (Udc): «Serve Piano Marshall per ‘nuova primavera’ sanità italiana»
«Il Servizio Sanitario nazionale ha da poco compiuto i 40 anni. Nonostante i limiti presenti e passati, rimane uno tra i migliori al mondo. C’è un ‘ma’. Oggi dobbiamo chiederci cosa fare per mantenere questo modello sostenibile, considerando la stagione dei tagli in sanità, gli aumenti dei costi dovuti all’invecchiamento della popolazione e all’aumento della […]
Autonomia differenziata, nord avanti ma crescono i dubbi. Luca Zaia (Veneto): «Governo ha ribadito più volte che si farà»
Per la FNOMCeO a rischio «l’uguaglianza dei cittadini nell’accesso al diritto alla salute», ma Zaia e Toti confermano. «Vogliamo trovare accordo ma nessuna soluzione annacquata», annuncia il Presidente della Regione Veneto. «Presenteremo testo al Ministro Stefani con cui chiederemo un’intesa al Governo», spiega invece il Governatore della Liguria
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Autonomia differenziata, nodo sanità. Michele Emiliano (Puglia): «Bloccare processo separatista e aumentare poteri di tutte le Regioni»
Il governatore della Puglia è favorevole ad un aumento dei poteri delle Regioni ma non al processo che vede coinvolte solo Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna. Intanto è scontro nel governo tra Lega e M5S sul tema, nulla di fatto in Consiglio dei Ministri
Fondo sanitario, Regioni approvano riparto 2019. Antonio Saitta: «SSN sottofinanziato, in nuovo Patto della Salute risorse certe»
Alla Conferenza delle Regioni suddiviso il Fondo di 111,2 miliardi. Il Presidente Stefano Bonaccini: «Così diamo un contributo importante alle successive azioni del ministero e consentiamo alle Regioni di avviare una programmazione in tempi certi». Sul tema dell’autonomia differenziata posizioni diverse dei governatori. L’Assessore alla Sanità del Piemonte: Su alcune materie, come la formazione, non possiamo stare con le mani in mano. Servino regole certe»
Libera professione, Cimo: « Un affare per le aziende sanitarie. Medici estranei a liste d’attesa»
Una chiara e pubblica smentita delle demagogiche argomentazioni contro i medici e l’esercizio della libera professione. È quanto emerge, secondo il sindacato dei medici CIMO, dalla relazione al Parlamento sulla libera professione del Ministero della Salute, le cui rilevazioni sulle attività ospedaliere in libera professione evidenziano nonostante la diminuzione di queste ultime, il contestuale aumento […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...