Lavoro 3 Luglio 2018

I problemi della sanità secondo i medici: dal precariato alla medicina difensiva, le testimonianze di chi vive tutti i giorni in corsia

Abbiamo chiesto ai medici che hanno preso parte al Congresso di Anaao-Assomed quali sono i problemi principali della categoria che dovrebbero essere affrontati più urgentemente. Ecco cosa ci hanno risposto

Immagine articolo

Precariato, medicina difensiva, carenza del personale, strutture fatiscenti, mancato rispetto delle ore di riposo, blocco del turnover, sovraffollamento dei Pronto soccorso. Problemi ben noti a chi si occupa, in un modo o nell’altro, di sanità, ma che devono essere affrontati in modo concreto da chi vive quotidianamente nelle corsie degli ospedali. E sono proprio queste le priorità su cui, secondo alcuni medici che abbiamo incontrato al Congresso di Anaao-Assomed, bisognerà lavorare urgentemente nel prossimo futuro. Ecco cosa ci hanno raccontato.

«Il problema principale che avvertiamo – risponde la dottoressa Silvia Porreca – è la carenza del personale. Io lavoro in Puglia dove abbiamo avuto fino a poco tempo fa il blocco del turnover e oggi conviviamo con una carenza di personale, sia medico che paramedico, che è importante e grave perché spesso non riusciamo nemmeno a rispettare le ore di riposo previste per legge e che dovrebbero essere garantite a tutti gli operatori, e stiamo parlando di diritti minimi. Poi – prosegue – ci sono le problematiche relative alle strutture, soprattutto quelle più fatiscenti. Ci sono difficoltà a garantire le prestazioni minime ai pazienti, la riduzione dei posti letto che causano affollamento nei Pronto soccorso o pazienti lasciati in barella».

LEGGI ANCHE: ANAAO, È CARLO PALERMO IL NUOVO SEGRETARIO: «DIFENDEREMO UNIVERSALISMO SSN. SUL CONTRATTO SONO OTTIMISTA»

Il dottor Bruno Nicora parla invece di ostacoli legati alla responsabilità professionale: «Molti punti ancora non sono conosciuti. La medicina difensiva è ancora protagonista dei turni dei medici in prima linea, che lavorano in Pronto soccorso e in rianimazione». E poi ci sono «le regole che governano il nostro lavoro, che dovremmo e vorremmo conoscere in maniera più precisa e puntuale», come ad esempio «le regole dei turni o la gestione delle ferie, ma anche tutto ciò che riguarda contributi e stipendi».

Per chi è più giovane, invece, la priorità da combattere è il precariato: «Dopo la laurea – spiega la dottoressa Claudia Pozzi – affrontiamo una staffetta formativa complessa e poi accedere al Servizio Sanitario Nazionale è un miraggio. Una volta entrati e superati tutti questi ostacoli incontriamo grossi problemi di stabilizzazione del precariato e gravi criticità a livello strutturale e organizzativo. C’è quindi un grande lavoro da fare prima, durante e dopo il percorso formativo».

Infine, c’è chi vede in questioni più generali la fonte dei problemi della sanità italiana. Come il dottor Giuseppe Orto: «È in atto, sottoterra, una trasformazione del pubblico in privato che riduce le prestazioni a chi ha meno possibilità. Stiamo assistendo ad un impoverimento del Servizio sanitario universale che, secondo me, porterà ad avere quattro o cinque ospedali regionali pubblici che erogheranno i LEA per le categorie meno abbienti della popolazione, mentre tutti gli altri saranno costretti a richiedere i servizi privatamente. Peccato – prevede – che continueremo a pagare i contributi per un servizio sanitario pubblico senza poterne usufruire. Eppure, sebbene poco finanziato rispetto al panorama internazionale, il servizio riesce ancora ad assicurare un livello molto alto grazie allo spirito di abnegazione e al senso di responsabilità degli operatori sanitari. Ma fino a quando sarà possibile – si chiede – se il servizio continuerà ad essere depauperato di risorse e di possibilità?».

LEGGI ANCHE: CONGRESSO ANAAO-ASSOMED, IL MINISTRO GRILLO: «NO A UNA SANITÀ PER I RICCHI E UNA PER I POVERI. SU SPECIALISTICA APRIREMO TAVOLO CON REGIONI» 

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Coronavirus, il ministero della Salute: «Al via bando per la ricerca su Covid-19»
«Ciascun progetto selezionato potrà ricevere fino ad un milione di euro, dei 7 milioni complessivamente stanziati» spiega il ministero. Speranza: «Priorità alle proposte in grado di evidenziare, già nella presentazione dei dati preliminari, l’applicabilità dei risultati ai processi di cura»
Anelli (Fnomceo): «Le mascherine arrivate agli Ordini non sono per uso sanitario»
«Abbiamo contattato la Protezione Civile, ci ha confermato che il materiale non era conforme a quello ordinato – precisa Anelli -. Ho avvisato i Presidenti degli Ordini affinché fermassero le procedure. Ci attendiamo che a breve si possa rimediare e che i medici possano contare finalmente su dispositivi idonei e adeguati all’esposizione professionale»
Coronavirus, Magi (OMCeO Roma): «Nella Capitale situazione stabile. Partito il camper per assicurare l’assistenza sul territorio»
«Con l'unità mobile dell'Ordine dei medici cerchiamo di non ripetere l'errore che è stato fatto al Nord. A Nerola, centro focolaio, facciamo tamponi e test rapidi e se coincidono possiamo estenderli a tutti». Così il presidente Magi, che aggiunge: «Accelerare i tamponi ai medici per lavorare in sicurezza»
Nella compilazione di un questionario assicurativo cosa intendono le compagnie assicurative per atti invasivi diagnostici e terapeutici?
In fase di stipula di una polizza di assicurazione, è importante avere chiare le definizioni di atti invasivi diagnostici e terapeutici e di interventi chirurgici a cui le diverse Compagnie rimandano nel definire piani tariffari e condizioni della polizza Rc Medico. Mentre alcune Compagnie riportano indicazioni precise segnalando, tra le condizioni di una  polizza Rc […]
Coronavirus, arrivano i medici albanesi. Il Primo Ministro Edi Rama: «L’Italia ha bisogno di noi»
Il discorso di Edi Rama prima della partenza per Bergamo: «Noi non siamo ricchi, ma nemmeno privi di memoria, non ci possiamo permettere di non dimostrare all’Italia che gli albanesi e l’Albania non abbandonano mai l’amico in difficoltà». Ad attenderli a Roma il ministro degli Esteri Luigi di Maio: «Grazie Tirana»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 6 aprile, sono 1.275.856 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 69.514 i decessi e 262.999 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...