Salute 28 giugno 2018

Congresso Anaao-Assomed, il Ministro Grillo: «No a una sanità per i ricchi e una per i poveri. Su specialistica apriremo tavolo con Regioni»

«Sulle liste d’attesa una delle mie più grandi battaglie», annuncia la titolare del dicastero di Lungotevere Ripa. Poi la critica alla politica: «Finora non ha considerato la sanità centrale nel dibattito»

Immagine articolo

Diseguaglianze tra Regioni, formazione degli specialisti, rifinanziamento del Sistema Sanitario Nazionale. È stato un intervento a tutto tondo quello del Ministro della Salute Giulia Grillo alla platea del sindacato Anaao Assomed che celebra a Roma il suo 24esimo Congresso, ultimo dell’era di Costantino Troise, alla guida del sindacato da otto anni.

«Sarò ministro medico ma non solo dei medici e ce la metterò tutta nell’ascoltare e dare seguito ai problemi», ha affermato il Ministro chiedendo in cambio «la rinuncia a pregiudizi e a posizioni precostituite, perché il nostro Servizio Sanitario Nazionale rappresenta un fiore all’occhiello ma va riempito di contenuti e fatti». Priorità assoluta, come già messo in evidenza con i primi atti, la lotta alle liste d’attesa: «Il primo atto governativo che ho fatto è stato inviare alle Regioni una lettera sulle liste d’attesa. Farò di questo una delle mie più grandi battaglie, bisogna però superare ostacoli amministrativi e burocratici».

LEGGI ANCHE: LISTE D’ATTESA, IL MINISTRO GRILLO CHIEDE INFORMAZIONI ALLE REGIONI: «PRESTO PIANO NAZIONALE PER ABBATTERE I TEMPI»

Nella relazione di chiusura, Troise aveva toccato tanti temi non ignorando i tanti punti di criticità del Sistema sanitario dalla perdita in 10 anni di oltre 70mila posti letto al taglio di novemila medici con l’innalzamento della loro età media al vertice mondiale.

Argomenti a cui il Ministro ha indirettamente risposto con la volontà di «aprire il rubinetto degli investimenti, chiuso da troppi anni, perché investire in salute non è una spesa ma un investimento e noi dobbiamo farlo capire a tutti gli attori della società, anche della politica che ha sempre considerato la sanità non centrale nel dibattito». Grillo ha ricordato che «il finanziamento del Servizio Sanitario Nazionale è il punto principale. Da circa 10 anni si sono ridotte le risorse destinate al Ssn di 3 decimi di punto all’anno, cosa che non è accaduta in altri Paesi».

Altro tema nell’agenda del Ministro e del contratto di Governo Lega-M5S quello della trasparenza e delle nomine in sanità: «La trasparenza deve guidarci in ogni atto soprattutto nelle nomine dove deve prevalere il merito e liberarci dal bastone dei partiti. Sono cosciente del compito che ho davanti e ce la metterò tutta».

LEGGI ANCHE: MINISTRO GRILLO: «PRIORITA’ AL PERSONALE. ASSUNZIONI, BORSE PER SPECIALISTI E CONTRATTO PER CONTRASTARE LISTE D’ATTESA»

Poi un passaggio sulle diseguaglianze tra le varie Regioni, un tema che aveva diviso gli ex Ministri della Salute, da De Lorenzo a Rosy Bindi, dalla Turco alla Lorenzin, intervenuti al Congresso Anaao. «La situazione del Ssn la conoscete meglio di me: ci sono ancora troppe difformità tra Regioni, questo produce il rischio di una sanità dei ricchi e una sanità dei poveri, e a perdere poi sono i più deboli e fragili». Il Ministro ha citato gli ultimi dati Istat, da cui emergono 5 milioni di italiani in povertà assoluta, specie al Sud. «Loro sperano più di altri in un concreto universalismo della sanità, perché più di tutti abbandonano le cure», conclude.

Infine un passaggio sulla formazione specialistica, altro tema caro all’Anaao, e l’annuncio dell’apertura di un tavolo con le Regioni: «Sulla formazione specialistica in 5 anni non ho mai visto atti parlamentari o governativi, invece lo ritengo uno dei temi cruciali del Ssn, tanto che è stato anche uno dei primi argomenti che mi ha proposto la conferenza Stato-Regioni», ha affermato il Ministro che ha aggiunto: «Il ritardo con cui arriviamo a questo argomento è disarmante. Investirò molto della mia attività su questo tema, consapevoli che non si fa tutto in due mesi». Da una programmazione ragionata dei fabbisogni dei medici specialisti dovrebbero dipendere infatti i posti nelle scuole di specializzazione medica. Ma attualmente, ogni anno, a fronte di circa 10mila laureati in medicina, i contratti di formazione specialistica sono poco più di 6mila. Questo genera carenza di medici in alcune aree professionali e in alcune zone del Paese, oltre che precariato e disoccupazione nella categoria.

 

Articoli correlati
Mense scolastiche, i Nas chiudono sette strutture. Grillo: «Non sono tollerati furbi e ‘cucine da incubo’»
«Cibi scaduti, gravi carenze igieniche, perfino topi e parassiti vari: un film dell’orrore - ha dichiarato il ministro della Salute, Giulia Grillo - . Come madre e come ministro mi indigna pensare che sulle tavole dei nostri figli, a scuola, possano finire escrementi, muffe o alimenti di dubbia origine. No ai furbi quando c'è in gioco la salute dei più piccoli»
Aggressioni ai medici, la politica si muove. Foscolo (Lega): «Inasprimento pene e presidi forze dell’ordine negli ospedali»
Sono già diverse le proposte depositate in Parlamento volte a contrastare il fenomeno. «Sia noi della Lega che il Ministro Grillo – spiega ai nostri microfoni il membro della Commissione Affari Sociali della Camera – siamo molto sensibili all’argomento. Sono convinta che questo esecutivo riuscirà ad ottenere qualcosa di positivo»
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
40 anni SSN, il messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: «Servizio sanitario nazionale ci pone all’avanguardia nella comunità internazionale»
L’intervento del Capo dello Stato al termine dell’evento celebrativo a Roma: « Dobbiamo mantenere e migliorare questa condizione attraverso l'opera, l'impegno, la passione e la dedizione di coloro che a vario titolo fanno parte del Servizio sanitario nazionale»
40 anni SSN, Grillo: «No privatizzazione diritti fondamentali». Sulle aggressioni: «Più misure di sicurezza ma c’è problema sociale»
Davanti al Capo dello Stato il racconto di 40 anni di Servizio Sanitario Nazionale anche attraverso la testimonianza di persone comuni. Il Ministro della Salute ha chiesto l’appoggio dei Governatori «per combattere corruzione, malgoverno e promuovere servizi migliori»
Perché i medici odiano i computer?
«Nel 2015, sono stato costretto a seguire un corso di informatica di 16 ore. Della dozzina di chirurghi che erano con me, nessuno voleva stare lì». Il rapporto tra medici e computer nelle parole del chirurgo statunitense Atul Gawande, professore alla Harvard Medical School
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...