Salute 28 giugno 2018

Congresso Anaao-Assomed, il Ministro Grillo: «No a una sanità per i ricchi e una per i poveri. Su specialistica apriremo tavolo con Regioni»

«Sulle liste d’attesa una delle mie più grandi battaglie», annuncia la titolare del dicastero di Lungotevere Ripa. Poi la critica alla politica: «Finora non ha considerato la sanità centrale nel dibattito»

Immagine articolo

Diseguaglianze tra Regioni, formazione degli specialisti, rifinanziamento del Sistema Sanitario Nazionale. È stato un intervento a tutto tondo quello del Ministro della Salute Giulia Grillo alla platea del sindacato Anaao Assomed che celebra a Roma il suo 24esimo Congresso, ultimo dell’era di Costantino Troise, alla guida del sindacato da otto anni.

«Sarò ministro medico ma non solo dei medici e ce la metterò tutta nell’ascoltare e dare seguito ai problemi», ha affermato il Ministro chiedendo in cambio «la rinuncia a pregiudizi e a posizioni precostituite, perché il nostro Servizio Sanitario Nazionale rappresenta un fiore all’occhiello ma va riempito di contenuti e fatti». Priorità assoluta, come già messo in evidenza con i primi atti, la lotta alle liste d’attesa: «Il primo atto governativo che ho fatto è stato inviare alle Regioni una lettera sulle liste d’attesa. Farò di questo una delle mie più grandi battaglie, bisogna però superare ostacoli amministrativi e burocratici».

LEGGI ANCHE: LISTE D’ATTESA, IL MINISTRO GRILLO CHIEDE INFORMAZIONI ALLE REGIONI: «PRESTO PIANO NAZIONALE PER ABBATTERE I TEMPI»

Nella relazione di chiusura, Troise aveva toccato tanti temi non ignorando i tanti punti di criticità del Sistema sanitario dalla perdita in 10 anni di oltre 70mila posti letto al taglio di novemila medici con l’innalzamento della loro età media al vertice mondiale.

Argomenti a cui il Ministro ha indirettamente risposto con la volontà di «aprire il rubinetto degli investimenti, chiuso da troppi anni, perché investire in salute non è una spesa ma un investimento e noi dobbiamo farlo capire a tutti gli attori della società, anche della politica che ha sempre considerato la sanità non centrale nel dibattito». Grillo ha ricordato che «il finanziamento del Servizio Sanitario Nazionale è il punto principale. Da circa 10 anni si sono ridotte le risorse destinate al Ssn di 3 decimi di punto all’anno, cosa che non è accaduta in altri Paesi».

Altro tema nell’agenda del Ministro e del contratto di Governo Lega-M5S quello della trasparenza e delle nomine in sanità: «La trasparenza deve guidarci in ogni atto soprattutto nelle nomine dove deve prevalere il merito e liberarci dal bastone dei partiti. Sono cosciente del compito che ho davanti e ce la metterò tutta».

LEGGI ANCHE: MINISTRO GRILLO: «PRIORITA’ AL PERSONALE. ASSUNZIONI, BORSE PER SPECIALISTI E CONTRATTO PER CONTRASTARE LISTE D’ATTESA»

Poi un passaggio sulle diseguaglianze tra le varie Regioni, un tema che aveva diviso gli ex Ministri della Salute, da De Lorenzo a Rosy Bindi, dalla Turco alla Lorenzin, intervenuti al Congresso Anaao. «La situazione del Ssn la conoscete meglio di me: ci sono ancora troppe difformità tra Regioni, questo produce il rischio di una sanità dei ricchi e una sanità dei poveri, e a perdere poi sono i più deboli e fragili». Il Ministro ha citato gli ultimi dati Istat, da cui emergono 5 milioni di italiani in povertà assoluta, specie al Sud. «Loro sperano più di altri in un concreto universalismo della sanità, perché più di tutti abbandonano le cure», conclude.

Infine un passaggio sulla formazione specialistica, altro tema caro all’Anaao, e l’annuncio dell’apertura di un tavolo con le Regioni: «Sulla formazione specialistica in 5 anni non ho mai visto atti parlamentari o governativi, invece lo ritengo uno dei temi cruciali del Ssn, tanto che è stato anche uno dei primi argomenti che mi ha proposto la conferenza Stato-Regioni», ha affermato il Ministro che ha aggiunto: «Il ritardo con cui arriviamo a questo argomento è disarmante. Investirò molto della mia attività su questo tema, consapevoli che non si fa tutto in due mesi». Da una programmazione ragionata dei fabbisogni dei medici specialisti dovrebbero dipendere infatti i posti nelle scuole di specializzazione medica. Ma attualmente, ogni anno, a fronte di circa 10mila laureati in medicina, i contratti di formazione specialistica sono poco più di 6mila. Questo genera carenza di medici in alcune aree professionali e in alcune zone del Paese, oltre che precariato e disoccupazione nella categoria.

 

Articoli correlati
Salute, De Poli (Udc): «Serve Piano Marshall per ‘nuova primavera’ sanità italiana»
«Il Servizio Sanitario nazionale ha da poco compiuto i 40 anni. Nonostante i limiti presenti e passati, rimane uno tra i migliori al mondo. C’è un ‘ma’. Oggi dobbiamo chiederci cosa fare per mantenere questo modello sostenibile, considerando la stagione dei tagli in sanità, gli aumenti dei costi dovuti all’invecchiamento della popolazione e all’aumento della […]
Studio Nazionale Fertilità, l’87% degli adolescenti si rivolge al “dottor Google”. Grillo: «Creare un database di notizie verificate, adatto a giovani e adulti»
La salute arriva tra i banchi di scuola, il ministro: «Di recente approvazione, in concerto con il Miur, un documento sugli indirizzi di policy integrate per gli istituiti scolastici che promuovono la salute».
di Isabella Faggiano
Autonomia differenziata, nord avanti ma crescono i dubbi. Luca Zaia (Veneto): «Governo ha ribadito più volte che si farà»
Per la FNOMCeO a rischio «l’uguaglianza dei cittadini nell’accesso al diritto alla salute», ma Zaia e Toti confermano. «Vogliamo trovare accordo ma nessuna soluzione annacquata», annuncia il Presidente della Regione Veneto. «Presenteremo testo al Ministro Stefani con cui chiederemo un’intesa al Governo», spiega invece il Governatore della Liguria
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Autonomia differenziata, nodo sanità. Michele Emiliano (Puglia): «Bloccare processo separatista e aumentare poteri di tutte le Regioni»
Il governatore della Puglia è favorevole ad un aumento dei poteri delle Regioni ma non al processo che vede coinvolte solo Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna. Intanto è scontro nel governo tra Lega e M5S sul tema, nulla di fatto in Consiglio dei Ministri
Tecnici di laboratorio, Saverio Stanziale (F.I.Te.La.B.): «Tra titoli non conformi e potenziali abilitanti albo a rischio per il 20% dei professionisti»
Il presidente della Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico: «Fondata un’associazione tecnico-scientifica per evidenziare il valore delle nostre risorse umane»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...