Politica 28 Giugno 2018

Congresso Anaao-Assomed, il Ministro Grillo: «No a una sanità per i ricchi e una per i poveri. Su specialistica apriremo tavolo con Regioni»

«Sulle liste d’attesa una delle mie più grandi battaglie», annuncia la titolare del dicastero di Lungotevere Ripa. Poi la critica alla politica: «Finora non ha considerato la sanità centrale nel dibattito»

Immagine articolo

Diseguaglianze tra Regioni, formazione degli specialisti, rifinanziamento del Sistema Sanitario Nazionale. È stato un intervento a tutto tondo quello del Ministro della Salute Giulia Grillo alla platea del sindacato Anaao Assomed che celebra a Roma il suo 24esimo Congresso, ultimo dell’era di Costantino Troise, alla guida del sindacato da otto anni.

«Sarò ministro medico ma non solo dei medici e ce la metterò tutta nell’ascoltare e dare seguito ai problemi», ha affermato il Ministro chiedendo in cambio «la rinuncia a pregiudizi e a posizioni precostituite, perché il nostro Servizio Sanitario Nazionale rappresenta un fiore all’occhiello ma va riempito di contenuti e fatti». Priorità assoluta, come già messo in evidenza con i primi atti, la lotta alle liste d’attesa: «Il primo atto governativo che ho fatto è stato inviare alle Regioni una lettera sulle liste d’attesa. Farò di questo una delle mie più grandi battaglie, bisogna però superare ostacoli amministrativi e burocratici».

LEGGI ANCHE: LISTE D’ATTESA, IL MINISTRO GRILLO CHIEDE INFORMAZIONI ALLE REGIONI: «PRESTO PIANO NAZIONALE PER ABBATTERE I TEMPI»

Nella relazione di chiusura, Troise aveva toccato tanti temi non ignorando i tanti punti di criticità del Sistema sanitario dalla perdita in 10 anni di oltre 70mila posti letto al taglio di novemila medici con l’innalzamento della loro età media al vertice mondiale.

Argomenti a cui il Ministro ha indirettamente risposto con la volontà di «aprire il rubinetto degli investimenti, chiuso da troppi anni, perché investire in salute non è una spesa ma un investimento e noi dobbiamo farlo capire a tutti gli attori della società, anche della politica che ha sempre considerato la sanità non centrale nel dibattito». Grillo ha ricordato che «il finanziamento del Servizio Sanitario Nazionale è il punto principale. Da circa 10 anni si sono ridotte le risorse destinate al Ssn di 3 decimi di punto all’anno, cosa che non è accaduta in altri Paesi».

Altro tema nell’agenda del Ministro e del contratto di Governo Lega-M5S quello della trasparenza e delle nomine in sanità: «La trasparenza deve guidarci in ogni atto soprattutto nelle nomine dove deve prevalere il merito e liberarci dal bastone dei partiti. Sono cosciente del compito che ho davanti e ce la metterò tutta».

LEGGI ANCHE: MINISTRO GRILLO: «PRIORITA’ AL PERSONALE. ASSUNZIONI, BORSE PER SPECIALISTI E CONTRATTO PER CONTRASTARE LISTE D’ATTESA»

Poi un passaggio sulle diseguaglianze tra le varie Regioni, un tema che aveva diviso gli ex Ministri della Salute, da De Lorenzo a Rosy Bindi, dalla Turco alla Lorenzin, intervenuti al Congresso Anaao. «La situazione del Ssn la conoscete meglio di me: ci sono ancora troppe difformità tra Regioni, questo produce il rischio di una sanità dei ricchi e una sanità dei poveri, e a perdere poi sono i più deboli e fragili». Il Ministro ha citato gli ultimi dati Istat, da cui emergono 5 milioni di italiani in povertà assoluta, specie al Sud. «Loro sperano più di altri in un concreto universalismo della sanità, perché più di tutti abbandonano le cure», conclude.

Infine un passaggio sulla formazione specialistica, altro tema caro all’Anaao, e l’annuncio dell’apertura di un tavolo con le Regioni: «Sulla formazione specialistica in 5 anni non ho mai visto atti parlamentari o governativi, invece lo ritengo uno dei temi cruciali del Ssn, tanto che è stato anche uno dei primi argomenti che mi ha proposto la conferenza Stato-Regioni», ha affermato il Ministro che ha aggiunto: «Il ritardo con cui arriviamo a questo argomento è disarmante. Investirò molto della mia attività su questo tema, consapevoli che non si fa tutto in due mesi». Da una programmazione ragionata dei fabbisogni dei medici specialisti dovrebbero dipendere infatti i posti nelle scuole di specializzazione medica. Ma attualmente, ogni anno, a fronte di circa 10mila laureati in medicina, i contratti di formazione specialistica sono poco più di 6mila. Questo genera carenza di medici in alcune aree professionali e in alcune zone del Paese, oltre che precariato e disoccupazione nella categoria.

 

Articoli correlati
Emofilia, presentato il Rapporto di Omar nell’ottica del ‘Value Based Health Care’
Binetti: «Sia finanziato il nuovo piano delle malattie rare». E le associazioni dei malati chiedono che i pazienti vengano messi al centro
Covid e assicurazioni, è infortunio? Per l’INAIL sì, per le compagnie no. Ma in caso di risarcimento negato si può fare ricorso
Larussa (Sapienza): «Le compagnie assicurative vogliono far passare l’infezione da Covid non come infortunio ma come malattia e, in quanto tale, non indennizzarla». L’avvocato Cecconi: «Una disparità inaccettabile tra dipendenti e libero professionisti»
Anaao su Ccnl 2016-18: «Subisce l’effetto Covid, pochi contratti decentrati e confronto regionale»
I risultati dell’indagine Anaao Assomed sullo stato delle relazioni sindacali e della contrattazione collettiva integrativa nelle aziende sanitarie
Liste di attesa, l’ex ministro Grillo: «Mettere a bando le prestazioni». Cittadinanzattiva: «Serve piano straordinario»
Il lockdown ha messo in standby milioni di prestazioni sanitarie che ora devono essere recuperate. Per Moccia (Cittadinanzattiva) bisogna tornare al Piano nazionale «che stabilisce tempi massimi per esami e visite». Interpellanza della Grillo a Speranza: «Siano illustrate le modalità di monitoraggio dei tempi di attesa»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 9 luglio, sono 12.051.561 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 549.735 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 9 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)