Salute 20 Giugno 2018

Ministro Grillo: «Priorità al personale. Assunzioni, borse per specialisti e contratto per contrastare liste d’attesa» | VIDEO

Primo incontro del nuovo titolare della Salute con gli Assessori della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome. «Siamo arrivati in un ministero con tante zavorre, ce la metterò tutta», afferma il Ministro. Poi sul tema delle risorse: «Non ci faremo commissariare dal Mef»

Immagine articolo

«Ho visto una grande comunione di intenti per mantenere attivo e vivo un servizio sanitario pubblico efficiente, ci sono ancora margini di lotta agli sprechi o comunque di non utilizzo adeguato delle risorse». Con queste parole il Ministro della Salute Giulia Grillo ha commentato la prima riunione in Conferenza delle Regioni con gli assessori alla Sanità da cui sono emerse quattro priorità: carenze di organico, liste d’attesa, governance del farmaco, disuguaglianze.

VIDEO INTERVISTA | «FONDAMENTALE RIVEDERE FABBISOGNO FORMAZIONE SPECIALISTI»

Un incontro importante, sollecitato dal Coordinatore della Commissione Salute Antonio Saitta sul tema della governance farmaceutica e che poi si è esteso ai temi caldi della sanità italiana. Con il Ministro il sottosegretario alla Salute Armando Bartolazzi, alla sua prima uscita pubblica, che, fresco di nomina, annuncia il suo impegno su temi concreti, come il costo dei farmaci di nuova generazione sul cancro, portando in dote la sua esperienza di ricercatore.

Grande attesa da parte delle Regioni: al tavolo di confronto c’erano tutti i big, dall’assessore Veneto e presidente Agenas Luca Coletto a quello lombardo Giulio Gallera, dal siciliano Ruggero Razza a quello campano Ettore Cinque.  Tra loro anche il Presidnente della Regione Calabria Marco Oliverio che ha chiesto un incontro con il Ministro sulla difficile situazione della sanità nella sua regione. Il Ministro ha annunciato, inoltre, l’intenzione di stipulare un nuovo Patto della Salute con le Regioni, una richiesta sollecitata proprio dai rappresentanti regionali.

FINANZIAMENTO FONDO SANITARIO

«Questo governo – ha spiegato Grillo – ha intenzione di intervenire sul tema del finanziamento del fondo sanitario nazionale. Senza fare il giochetto che facevano i governi della vecchia legislatura che da una parte aumentavano di pochissimo il fondo sanitario nazionale e dall’altra parte inserivano degli articoli o dei commi in legge di bilancio in cui riducevano i finanziamenti alle Regioni con ricadute sui servizi essenziali dei cittadini». A scanso di equivoci, Grillo sottolinea che «il ministero della Salute non sarà commissariato dal Mef».

VACCINI

Altro tema caldo quello dei vaccini, su cui però, almeno per il momento, non c’è grande interesse da parte delle Regioni: «È stato un punto toccato pochissimo perché le Regioni al momento hanno problemi più grandi. Mi hanno parlato del problema del fabbisogno di medici specialisti: non hanno in alcuni ospedali sufficienti anestesisti e pediatri, questo mette in crisi la possibilità di erogare i servizi negli ospedali».

GOVERNANCE FARMACEUTICA

Il ministro ha annunciato che presterà particolare attenzione al tema della governance farmaceutica e a quella delle liste d’attesa, dopo la circolare in cui ha chiesto informazioni alle Regioni: «Ho chiesto come sapete molta collaborazione sul tema delle liste d’attesa e anche delle trasparenze, cioè dell’accessibilità dei cittadini alle informazioni. È un tema che riguarda tutti i campi del vivere ma in particolare la sanità perché il cittadino quando è malato è più fragile, perciò ha bisogno di più attenzione e più semplicità e facilità di accesso alle informazioni.

CONTRATTO MEDICI

Sul tema del rinnovo del contratto dei medici, la cui trattativa procede a rilento, non si è sbilanciata: «Abbiamo toccato questa tema. Non posso dire che farò tutto immediatamente, purtroppo siamo arrivati in un ministero con tante zavorre del passato però metterò il massimo impegno per togliere le zavorre».

Articoli correlati
Patto salute, Fugatti (Trentino): «Rimodulare rete punti nascita alla luce del calo demografico e intervenire su carenza medici specialisti»
«I cittadini trentini chiedono maggiori servizi e nuovi investimenti: se non interveniamo, anche a causa della denatalità, rischiamo lo spopolamento della montagna». E sulla carenza degli specialisti: «Il Governo deve adoperarsi o mancheranno, soprattutto, pediatri, medici di base, guardie mediche e anestetisti» così il Presidente della Provincia autonoma di Trento
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Migranti e salute: prevenzione, cura e false notizie. L’evento all’Ordine dei Medici di Palermo
Secondo i dati del Forum Sociale delle Migrazioni 2018, svoltosi in Mexico, una persona su sette sul pianeta è migrante, avendo sperimentato una qualche forma di mobilità umana. Nel passato le migrazioni erano favorite, in Italia dal sud verso le industrie del Nord, e similmente in altre parti del mondo che soffrono denatalità e scarsa […]
Quota 100, Sottosegretario al Lavoro Durigon (Lega): «Presto nuove assunzioni per gestire uscite nella sanità»
INTERVISTA | L’esponente di Governo della Lega intervenuto all’incontro dell’UDC “Politica e Impresa – Niente trucchi, solo lavoro” risponde ai nostri microfoni ai dubbi del mondo della sanità sull’esodo avviato con i pensionamenti di “Quota 100”
“Lean Management”, alla Lum Jean Monnet partono i master per insegnare a ottimizzare i costi e eliminare gli sprechi in sanità
Angelo Rosa, direttore Laboratorio Lean Area sviluppo e Operations della Lum School of Management: «Tra i principali indicatori che influenzano l’aumento dei costi in sanità c’è l’allungamento della vita media che secondo gli studi fatti dall’INPS al 2040 arriverà a 88 anni per gli uomini e 92 per le donne, i costi assicurativi generati dal triplicarsi delle denunce negli ultimi 15 anni per sinistri accaduti all’interno di una struttura sanitaria ed anche l’aumento del costo delle terapie e gli sprechi»
di Federica Bosco
SSN, governo apre a nuove assunzioni. Giuliano (UGL): «Bene emendamenti a quota 100, soddisfatti dalla strada intrapresa»
In relazione ai due emendamenti al decreto Quota 100, riguardanti le novità per le assunzioni nel SSN, il segretario nazionale dell’Ugl Sanità, Gianluca Giuliano, ha voluto commentare così: «Siamo soddisfatti di questi due emendamenti al decreto su quota 100. Come abbiamo ripetuto più volte, il SSN è tra i settori più sensibili agli effetti delle […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «Alzare il limite da 45 a 50 anni o molti resteranno fuori»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone