Diritto 3 Marzo 2015

Assicurazioni: i ginecologi sfidano il Governo

Nella diffida dell’Aogoi la richiesta di eliminare le clausole “claims made” emanando il nuovo regolamento

Immagine articolo

Ginecologi contro il Governo. L’Aogoi (l’associazione che tutela gli interessi dei ginecologi ospedalieri italiani) ha presentato una diffida formale al Governo a provvedere “all’emanazione del Regolamento governativo previsto dall’art.3 del D.L. 158/2012” entro 60 giorni dalla notificazione della diffida stessa.

In caso contrario si ricorrerà al Tar del Lazio. Insomma, secondo Aogoi il Governo è sostanzialmente obbligato a provvedere all’emanazione (inizialmente prevista per il 30 giugno 2013) di un regolamento governativo che avrebbe dovuto “agevolare l’accesso alla copertura assicurativa agli esercenti le professioni sanitarie”. Tutto questo in un’ottica di solidarietà sociale e con “l’introduzione di disposizioni settoriali anche integrative del Codice Civile”.

Aogoi chiede espressamente all’esecutivo che vengano previste condizioni generali di contratto che vietino in toto, in ambito assicurativo, le clausole “claims made”. Si tratta di un tipo di clausola non contemplata dall’articolo 1979 del Codice Civile e che, secondo Aogoi, la giurisprudenza civile considera “vessatoria se non addirittura nulla”.

Il problema è che negli ultimi anni si sarebbe assistito “al passaggio generalizzato dei contratti assicurativi italiani e stranieri da un’operatività sottoposta alla clausola c.d. di “loss occurrence” ad un sistema c.d. di “claims made”. Con tutto ciò che questo comporta.

In sostanza, con la clausola “claims made”, in assenza di altra copertura supplementare (come copertura retroattiva o copertura postuma), gli incidenti devono accadere ed essere denunciati mentre la polizza è in vigore; la retroattività della copertura e la copertura postuma devono essere acquistate separatamente. Inizialmente il costo è relativamente basso – specialmente se paragonato a quello della clausola “loss occurrence” – perché la polizza copre il medico soltanto degli atti che avvengono e sono denunciati nell’anno, ma con il passare del tempo i premi aumentano in rapporto alla stima crescente delle potenziali denunce (per un tempo medio di 4-7 anni).

In definitiva, il cambiamento da una polizza “claims made” ad una “loss occurrence” può richiedere, secondo Aogoi, “l’acquisto, ad un costo che può essere proibitivo, di una estensione di copertura per i reclami di incidenti avvenuti durante la validità della polizza “claims made”. Questa prassi assicurativa si porrebbe quindi “in contrasto con l’obbligo di garantire idonea ed effettiva copertura assicurativa”.

Articoli correlati
Colpa medica, Antonio Panti: «No al penale. Necessaria assicurazione nazionale»
L’ex presidente dell’Ordine dei Medici di Firenze: «Il diritto è molto più arretrato della medicina, che non può essere ingabbiata in categorie rigide. Bisogna ripensare il rapporto tra società e scienza ed il sistema della responsabilità professionale»
Medici sotto processo, Maggiorotti (Amami): «Impatto psicologico devastante. Ma forse il civile è anche peggio…»
Il presidente dell’Associazione per i medici accusati di malpractice ingiustamente: «La polizza assicurativa di un chirurgo costa circa 12-15mila euro l’anno, ma se negli ultimi 10 anni ha ricevuto una richiesta di risarcimento, a prescindere dall’esito, la cifra può raddoppiare o, peggio, il medico può avere difficoltà a trovare una copertura assicurativa, e deve quindi smettere di lavorare»
Il Gruppo Aon tutela la salute dei pazienti con tecnologia e prevenzione. L’AD Vanin: «Sanità in evoluzione, necessario stare al passo»
Enrico Vanin, amministratore delegato Aon Spa e Aon Hewitt Risk & Consulting: «Il cittadino sta chiedendo nuovi servizi in grado di ottimizzare il proprio tempo: dalla prenotazione online, alla ricerca di strutture/professionisti in ambiti specifici, alla consultazione attraverso servizi di telemedicina»
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Nella compilazione di un questionario assicurativo cosa intendono le compagnie assicurative per atti invasivi diagnostici e terapeutici?
In fase di stipula di una polizza di assicurazione, è importante avere chiare le definizioni di atti invasivi diagnostici e terapeutici e di interventi chirurgici a cui le diverse Compagnie rimandano nel definire piani tariffari e condizioni della polizza Rc Medico. Mentre alcune Compagnie riportano indicazioni precise segnalando, tra le condizioni di una  polizza Rc […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...