Formazione 21 Giugno 2022 14:46

Formazione ECM, Monaco (Co.Ge.A.P.S.): «Obbligo morale e deontologico scritto nel DNA del medico»

L’inadempienza potrebbe comportare ricadute assicurative. «Al di là dell’obbligo di legge, ogni medico deve formarsi per dare al cittadino il massimo della professionalità e delle competenze». Così Il segretario della Federazione degli ordini dei medici sull’ECM

Non un obbligo di legge, ma un dovere civico e morale. «Scritto nel nostro codice deontologico, nel DNA del medico». Descrive così l’ECM (Educazione continua in medicina) e la formazione professionale Roberto Monaco, Segretario Fnomceo e presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie (Co.Ge.A.P.S).

ECM, Monaco: «Formarsi per dare al cittadino il massimo della professionalità»

Secondo il presidente Co.Ge.A.P.S., la formazione continua è essenziale per una prestazione di qualità. «Ogni medico deve formarsi per dare al cittadino il massimo della professionalità e delle competenze» ha specificato Roberto Monaco ai nostri microfoni. Lo abbiamo incontrato a margine del convegno sulla medicina legale che si è svolto di recente in Sapienza. Protagonisti del dibattito illustri esponenti del mondo giuridico e medico legale.

«La medicina si aggiorna di continuo». E i medici devono restare al passo

La pandemia ha rivelato un estremo bisogno di investire nel personale sanitario e ha rinforzato l’importanza del capitale umano. Le competenze dei sanitari sono preziose e non possono essere trascurate, anzi «devono essere continuamente aggiornate. La medicina si aggiorna di continuo» ha ricordato Monaco. E non permette di rallentare o peggio fermarsi ma impone di cogliere gli insegnamenti delle esperienze passate per prepararsi ad eventuali emergenze future.

Il segretario della Federazione degli ordini dei medici si è detto convinto del fatto che l’obbligo formativo venga rispettato dalla maggior parte dei sanitari, anche se negli ultimi due anni sono stati impegnati in prima linea nella guerra al Sars-Cov-2. Per avere la certezza di essere in regola con l’obbligo ECM è sufficiente visionare la propria situazione sul sito o utilizzare la App del Co.Ge.A.P.S.

I rischi per chi non è in regola con l’ECM

La formazione è un obbligo di legge: chi non ha adempiuto all’aggiornamento professionale rischia azioni disciplinari. Possono andare dall’avvertimento alla multa passando per la sospensione fino ad arrivare alla radiazione dall’Albo. E non solo. L’inadempienza potrebbe comportare ricadute assicurative. Secondo un emendamento al decreto-legge per l’attuazione del Pnrr, la copertura delle polizze assicurative per il rischio professionale è condizionata all’assolvimento in misura non inferiore al 70 per cento dell’obbligo formativo dell’ultimo triennio in materia di formazione continua in medicina.

Articolo 38-bis

Ordini a far rispettare obblighi. Come procede verifica iscritti?

Sono gli ordini professionali a dover verificare la posizione dei professionisti e decidere quali azioni intraprendere per chi non risulta in regola con il numero di crediti ECM richiesti nel triennio dalla normativa vigente.

«Si sono gli ordini a dover controllare ed è corretto che questo avvenga – ha aggiunto il presidente Monaco -. Stiamo aspettando che i provider inseriscano tutti i crediti dell’anno. Al momento, non possiamo ancora dire quanti crediti mancano ai medici o quanti ne hanno. Senz’altro – ha sottolineato – seguiremo quello che dice la legge».

E in merito alla questione assicurativa, Monaco ha detto: «C’è contezza del triennio precedente ma c’è una legge nuova che è quella delle assicurazioni. Per questo, da una parte dobbiamo soppesare il fabbisogno formativo dei medici e dall’altra valutare e confrontarci con la nuova legge».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La medicina legale con Anelli. Palermo (Comlas): «Formazione continua indispensabile, non si finisce mai di studiare»
Vincenza Palermo (Presidente Comlas), Alessandro Dell’Erba (Presidente Famli) e Raffaele Migliorini (Medico legale Inps) concordano con il Presidente Fnomceo sulla importanza dell’aggiornamento professionale nell’ambito della medicina legale e della responsabilità sanitaria
ECM, a fine mese scade la possibilità di spostamento crediti dai trienni passati
Fino al 30 giugno 2022 sarà ancora possibile spostare i crediti di altri trienni per completare quelli in scadenza. Cosa si può fare per raggiungere l'obbligo formativo
ECM, Leoni (Fnomceo): «Prima responsabilità verso il paziente. Per deontologia e per legge»
L’intervista a tutto tondo a Sanità Informazione: «Formazione ECM uno stimolo ogni giorno. Investire sul personale medico e infermieristico, riprogrammare le risorse per la sanità territoriale. Bisogna considerare la sanità come un investimento e non come un costo in termini di salute dei cittadini»
In Italia è Padel-mania, ma gli esperti avvertono: «Contro i traumi in aumento, più prevenzione e preparazione fisica»
Al via i corsi Consulcesi con la collaborazione del dott. Andrea Grasso per formare medici e operatori sanitari a riconoscere e contrastare i danni fisici legati allo sport
Ecm, Anelli: «Formarsi significa garantire la qualità delle prestazioni»
Il Presidente Fnomceo incentiva la formazione medica e invita ad assolvere l’obbligo formativo in vista della stretta sulle polizze assicurative. «Oggi il professionista sanitario non formato si trova di fronte a delle difficoltà di carattere medico legale. Né le assicurazioni, né i giudici potranno comprendere perché non si è formato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...