Lavoro 21 Giugno 2022 14:46

Formazione ECM, Monaco (Co.Ge.A.P.S.): «Obbligo morale e deontologico scritto nel DNA del medico»

L’inadempienza potrebbe comportare ricadute assicurative. «Al di là dell’obbligo di legge, ogni medico deve formarsi per dare al cittadino il massimo della professionalità e delle competenze». Così Il segretario della Federazione degli ordini dei medici sull’ECM

Non un obbligo di legge, ma un dovere civico e morale. «Scritto nel nostro codice deontologico, nel DNA del medico». Descrive così l’ECM (Educazione continua in medicina) e la formazione professionale Roberto Monaco, Segretario Fnomceo e presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie (Co.Ge.A.P.S).

ECM, Monaco: «Formarsi per dare al cittadino il massimo della professionalità»

Secondo il presidente Co.Ge.A.P.S., la formazione continua è essenziale per una prestazione di qualità. «Ogni medico deve formarsi per dare al cittadino il massimo della professionalità e delle competenze» ha specificato Roberto Monaco ai nostri microfoni. Lo abbiamo incontrato a margine del convegno sulla medicina legale che si è svolto di recente in Sapienza. Protagonisti del dibattito illustri esponenti del mondo giuridico e medico legale.

«La medicina si aggiorna di continuo». E i medici devono restare al passo

La pandemia ha rivelato un estremo bisogno di investire nel personale sanitario e ha rinforzato l’importanza del capitale umano. Le competenze dei sanitari sono preziose e non possono essere trascurate, anzi «devono essere continuamente aggiornate. La medicina si aggiorna di continuo» ha ricordato Monaco. E non permette di rallentare o peggio fermarsi ma impone di cogliere gli insegnamenti delle esperienze passate per prepararsi ad eventuali emergenze future.

Il segretario della Federazione degli ordini dei medici si è detto convinto del fatto che l’obbligo formativo venga rispettato dalla maggior parte dei sanitari, anche se negli ultimi due anni sono stati impegnati in prima linea nella guerra al Sars-Cov-2. Per avere la certezza di essere in regola con l’obbligo ECM è sufficiente visionare la propria situazione sul sito o utilizzare la App del Co.Ge.A.P.S.

 

Consulcesi Club: il più vasto catalogo di corsi ECM per professionisti sanitar

Il più ampio catalogo di formazione a distanza per medici e operatori sanitari con oltre 250 corsi e 1.000 crediti ECM, 6 collane tematiche e innovativi modelli formativi. Attiva la prova gratuita di 30 giorni, segui i corsi e ottieni i crediti ECM.

Scopri di più

 

I rischi per chi non è in regola con l’ECM

La formazione è un obbligo di legge: chi non ha adempiuto all’aggiornamento professionale rischia azioni disciplinari. Possono andare dall’avvertimento alla multa passando per la sospensione fino ad arrivare alla radiazione dall’Albo. E non solo. L’inadempienza potrebbe comportare ricadute assicurative. Secondo un emendamento al decreto-legge per l’attuazione del Pnrr, la copertura delle polizze assicurative per il rischio professionale è condizionata all’assolvimento in misura non inferiore al 70 per cento dell’obbligo formativo dell’ultimo triennio in materia di formazione continua in medicina.

Articolo 38-bis

Ordini a far rispettare obblighi. Come procede verifica iscritti?

Sono gli ordini professionali a dover verificare la posizione dei professionisti e decidere quali azioni intraprendere per chi non risulta in regola con il numero di crediti ECM richiesti nel triennio dalla normativa vigente.

«Si sono gli ordini a dover controllare ed è corretto che questo avvenga – ha aggiunto il presidente Monaco -. Stiamo aspettando che i provider inseriscano tutti i crediti dell’anno. Al momento, non possiamo ancora dire quanti crediti mancano ai medici o quanti ne hanno. Senz’altro – ha sottolineato – seguiremo quello che dice la legge».

E in merito alla questione assicurativa, Monaco ha detto: «C’è contezza del triennio precedente ma c’è una legge nuova che è quella delle assicurazioni. Per questo, da una parte dobbiamo soppesare il fabbisogno formativo dei medici e dall’altra valutare e confrontarci con la nuova legge».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Quali criteri deve adottare il Provider in riferimento alla sponsorizzazione commerciale?
Gli eventi possono essere sponsorizzati, mediante apposito contratto, da imprese commerciali operanti anche in ambito sanitario purché ciò non influenzi i contenuti formativi dell’evento. Non è consentito indicare lo sponsor commerciale nell’esposizione dei contenuti formativi, se non indicando il logo dello Sponsor prima dell’inizio e dopo il termine dell’evento. Lo sponsor può essere coinvolto nella […]
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
Relazioni tossiche: l’amore patologico colpisce almeno il 5% della popolazione
Gori (docente Consulcesi): «Ce ne accorgiamo solo quando sfocia in gesti estremi, necessaria sensibilizzazione tra medici ed educazione affettiva»
ECM, ultimi due mesi per mettersi in regola. Anelli: «Assicurazione a rischio»
Dopo le lettere del Cogeaps alle Federazioni (trasmesse poi agli Ordini), i principali esponenti della sanità ribadiscono ai propri iscritti l’importanza di farsi trovare in regola alla scadenza del triennio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni