Formazione 16 Novembre 2021 12:08

Formazione ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini valuteranno sanzioni per chi non è in regola»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei medici: «Siamo enti sussidiari dello Stato, non possiamo che applicare le leggi»

Formazione ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini valuteranno sanzioni per chi non è in regola»

Quello della formazione continua è «un dovere deontologico e un obbligo di legge». Lo ripete più volte Roberto Monaco, segretario della Federazione degli Ordini dei Medici, commentando le dichiarazioni del presidente del Co.Ge.A.P.S. Enrico De Pascale, che ha annunciato l’invio agli Ordini dei nominativi degli iscritti che non risultano in regola con i trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019. In questo modo avranno tutte le informazioni necessarie, nei primi mesi del prossimo anno, per sanzionare chi non ha rispettato l’obbligo formativo.

«Ogni Ordine farà in autonomia le sue valutazioni in merito alle azioni da intraprendere nei confronti degli irregolari. Siamo perfettamente consapevoli – continua il segretario FNOMCeO – che tutto questo avviene in un periodo complicato, dopo due anni di pandemia, ma questo non può esimere un professionista dal formarsi. Lo dobbiamo al mondo della scienza».

«D’altro canto – aggiunge – gli Ordini professionali sono enti sussidiari dello Stato, quindi non possono che applicare le leggi». Leggi, lo ricordiamo, che prevedono un illecito disciplinare che può andare dall’avvertimento alla sospensione, oltre ad una serie di ulteriori conseguenze che possono arrivare anche alla radiazione.

«Ma oltre a questo – aggiunge Monaco – dobbiamo ricordare che il nostro faro è il Codice deontologico, in cui la parola formazione compare più volte, perché siamo convinti che una prestazione di qualità non possa prescindere dalla formazione continua».

«Noi non facciamo i medici, noi siamo medici – prosegue Monaco -. Sentiamo moltissimo il senso di missione di questo mestiere e l’appartenenza a questa famiglia professionale. Ed è chiaro che una famiglia professionale deve anche avere un grande senso di dignità. L’appello che rivolgo a tutti i medici è quindi di mantenere alto il senso di appartenenza all’Ordine e di rispettare gli strumenti deontologici, che comprendono senza ombra di dubbio anche la formazione continua», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?
La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso materiale cartaceo, può essere somministrato con modalità di verifica diversa da quella on-line. Il Provider, sulla base delle indicazioni formulate dal Comitato scientifico o dal Responsabile scientifico dell’evento, rende […]
Agenas al lavoro per migliorare l’offerta ECM. Di Falco: «Fondamentale la sinergia con i provider»
Il direttore dell’Ufficio Formazione ECM di Agenas: «Dal prossimo anno verifiche e sanzioni per chi non è in regola con i trienni prorogati al 31 dicembre. Imparare a pianificare aggiornamento per non ridursi all’ultimo»
Consulta ECM all’ultimo miglio, i provider ci sono
La conferma è arrivata nel webinar promosso dall’Associazione Provider ‘Formazione nella Sanità’. Monaco (FNOMCeO): «Ridiamo centralità all’obbligo formativo anche attraverso provvedimenti e sanzioni». De Pascale (Co.Ge.APS): «In collaborazione con gli Ordini, attivato il controllo del curriculum Ecm di ogni singolo professionista»
Medici e infermieri senza vaccino: il punto sui sospesi. Alcuni lavorano ancora per carenze in organico
3.800 infermieri e 1.656 medici sospesi, 522 invece sono tornati indietro e si sono vaccinati contro Covid. A che punto siamo con i lavoratori della sanità che non hanno adempiuto all'obbligo vaccinale
Formazione ECM, Lazzari (CNOP) : «Aggiornamento deve essere vissuto come risorsa dai professionisti»
Sileri ha annunciato il no a ulteriori proroghe per la formazione obbligatoria, dal 1 gennaio via alle sanzioni. Il presidente del Consiglio nazionale degli Psicologi chiede di valorizzare l'aggiornamento continuo senza farlo vivere agli iscritti come un mero adempimento burocratico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...