Formazione 16 Novembre 2021 12:08

Formazione ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini valuteranno sanzioni per chi non è in regola»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei medici: «Siamo enti sussidiari dello Stato, non possiamo che applicare le leggi»

Formazione ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini valuteranno sanzioni per chi non è in regola»

Quello della formazione continua è «un dovere deontologico e un obbligo di legge». Lo ripete più volte Roberto Monaco, segretario della Federazione degli Ordini dei Medici, commentando le dichiarazioni del presidente del Co.Ge.A.P.S. Enrico De Pascale, che ha annunciato l’invio agli Ordini dei nominativi degli iscritti che non risultano in regola con i trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019. In questo modo avranno tutte le informazioni necessarie, nei primi mesi del prossimo anno, per sanzionare chi non ha rispettato l’obbligo formativo.

«Ogni Ordine farà in autonomia le sue valutazioni in merito alle azioni da intraprendere nei confronti degli irregolari. Siamo perfettamente consapevoli – continua il segretario FNOMCeO – che tutto questo avviene in un periodo complicato, dopo due anni di pandemia, ma questo non può esimere un professionista dal formarsi. Lo dobbiamo al mondo della scienza».

«D’altro canto – aggiunge – gli Ordini professionali sono enti sussidiari dello Stato, quindi non possono che applicare le leggi». Leggi, lo ricordiamo, che prevedono un illecito disciplinare che può andare dall’avvertimento alla sospensione, oltre ad una serie di ulteriori conseguenze che possono arrivare anche alla radiazione.

«Ma oltre a questo – aggiunge Monaco – dobbiamo ricordare che il nostro faro è il Codice deontologico, in cui la parola formazione compare più volte, perché siamo convinti che una prestazione di qualità non possa prescindere dalla formazione continua».

«Noi non facciamo i medici, noi siamo medici – prosegue Monaco -. Sentiamo moltissimo il senso di missione di questo mestiere e l’appartenenza a questa famiglia professionale. Ed è chiaro che una famiglia professionale deve anche avere un grande senso di dignità. L’appello che rivolgo a tutti i medici è quindi di mantenere alto il senso di appartenenza all’Ordine e di rispettare gli strumenti deontologici, che comprendono senza ombra di dubbio anche la formazione continua», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Quarta dose al palo, Anelli (Fnomceo): «Medico torni a essere punto di riferimento»
La quarta dose stenta a decollare. Per il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli, solo restituendo al medico le sue competenze è possibile rilanciare il secondo richiamo
di Valentina Arcovio
«Il decreto specializzandi è una soluzione tampone. No al task shifting». Intervista a Filippo Anelli
Il presidente della FNOMCeO: «Chiediamo una ristrutturazione della formazione specialistica: va esercitata all’interno degli ospedali. Il task shifting può essere adottato solo nei Paesi del terzo mondo o nei teatri di guerra. Il tempo della comunicazione fra il medico e paziente, così come per legge, è tempo di cura»
Nasce tavolo permanente FNO TSRM e PSTRP-FNOMCeO, Anelli: «Confronto progettuale tra Federazioni»
Un luogo di confronto, un percorso condiviso per garantire e tutelare la salute pubblica, gli assistiti e i professionisti sanitari
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
La “Questione Medica”, Speranza e Fedriga all’ascolto di ordini e sindacati
L'evento Fnomceo ha visto la presenza di tutte le sigle sindacali, federazioni, Enpam e società scientifiche. Sono 20 i punti esposti da risolvere con urgenza per tornare a permettere al personale medico di amare la propria professione. La soluzione di Speranza vede un approccio straordinario verso gli specializzandi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 maggio, sono 522.071.859 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.267.246 i decessi. Ad oggi, oltre 11,41 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...