Formazione 16 Novembre 2021 12:08

Formazione ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini valuteranno sanzioni per chi non è in regola»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei medici: «Siamo enti sussidiari dello Stato, non possiamo che applicare le leggi»

Formazione ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini valuteranno sanzioni per chi non è in regola»

Quello della formazione continua è «un dovere deontologico e un obbligo di legge». Lo ripete più volte Roberto Monaco, segretario della Federazione degli Ordini dei Medici, commentando le dichiarazioni del presidente del Co.Ge.A.P.S. Enrico De Pascale, che ha annunciato l’invio agli Ordini dei nominativi degli iscritti che non risultano in regola con i trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019. In questo modo avranno tutte le informazioni necessarie, nei primi mesi del prossimo anno, per sanzionare chi non ha rispettato l’obbligo formativo.

«Ogni Ordine farà in autonomia le sue valutazioni in merito alle azioni da intraprendere nei confronti degli irregolari. Siamo perfettamente consapevoli – continua il segretario FNOMCeO – che tutto questo avviene in un periodo complicato, dopo due anni di pandemia, ma questo non può esimere un professionista dal formarsi. Lo dobbiamo al mondo della scienza».

«D’altro canto – aggiunge – gli Ordini professionali sono enti sussidiari dello Stato, quindi non possono che applicare le leggi». Leggi, lo ricordiamo, che prevedono un illecito disciplinare che può andare dall’avvertimento alla sospensione, oltre ad una serie di ulteriori conseguenze che possono arrivare anche alla radiazione.

«Ma oltre a questo – aggiunge Monaco – dobbiamo ricordare che il nostro faro è il Codice deontologico, in cui la parola formazione compare più volte, perché siamo convinti che una prestazione di qualità non possa prescindere dalla formazione continua».

«Noi non facciamo i medici, noi siamo medici – prosegue Monaco -. Sentiamo moltissimo il senso di missione di questo mestiere e l’appartenenza a questa famiglia professionale. Ed è chiaro che una famiglia professionale deve anche avere un grande senso di dignità. L’appello che rivolgo a tutti i medici è quindi di mantenere alto il senso di appartenenza all’Ordine e di rispettare gli strumenti deontologici, che comprendono senza ombra di dubbio anche la formazione continua», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Come si viene inseriti nella Lista degli Enti di Formazione Esteri?
Per l’inserimento nella Lista degli Enti di Formazione Esteri (LEEF) non è necessario che gli Enti medesimi facciano direttamente domanda alla CNFC. L’inserimento può avvenire anche su segnalazione o indicazione, motivata, di chiunque, ad esempio il professionista sanitario interessato o dall’Ente stesso, previa valutazione della CNFC che si avvale della valutazione della Sezione V. La […]
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Medici stranieri assunti «in deroga», Anelli (Fnomceo) perplesso scrive a Mattarella
Il presidente di Fnomceo Anelli scrive una lettera al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per sollecitare l'attenzione sulla normativa che permette l'impiego di medici extracomunitari in deroga al normale iter di riconoscimento dei titoli e all'obbligo di iscrizione all'ordine
Appello FNOMCeO a tutte le forze politiche: «Rilanciare il Servizio sanitario nazionale»
Anelli: «L’auspicio è che il nuovo Parlamento e il nuovo Governo siano sempre attenti alle tematiche relative alla salute dei cittadini e al lavoro dei professionisti della sanità»
Formazione ECM: «Fino a 6 mesi di sospensione per chi non è in regola»
Rossi (OMCeO Milano): «Mancato aggiornamento rischioso da un punto di vista medico legale e assicurativo». Boldrini (Pd): «La formazione continua è diventata ancora più importante con il Covid». Filippini (OPI Varese): «Sarà necessario agire con un sistema punitivo anche se non ci piace»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 dicembre 2022, sono 646.415.951 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.644.903 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa