Lavoro 12 Maggio 2022 16:32

PNRR e responsabilità professionale, Gelli: «Fondamentale formazione del personale sanitario per non sprecare risorse»

Cosa è cambiato a cinque anni dalla Legge 24 del 2017? Lo abbiamo chiesto alla persona che le ha dato il nome

Decreti attuativi in arrivo (almeno per quanto riguarda l’aspetto delle assicurazioni). Giurisprudenza che, durante la pandemia, ha rafforzato le misure di tutela e garanzia nei confronti degli operatori sanitari. Formazione che diventa sempre più importante alla luce delle risorse in arrivo dal PNRR. Cosa è cambiato a cinque anni dalla Legge 24 del 2017 (cd. Legge Gelli-Bianco) sulla responsabilità professionale? Se ne è parlato durante la presentazione a Roma del volume “Responsabilità, rischio e danno in sanità – La sicurezza delle cure dopo la pandemia di Covid-19”, curato da Federico Gelli e da Maurizio Hazan, insieme a Daniela Zorzit e Fidelia Cascini (edito da Giuffrè in collaborazione con Fondazione Italia in Salute), dedicato proprio a un’analisi critica e aggiornata della legge 24 del 2017. E abbiamo chiesto approfondimenti a Federico Gelli, attuale Direttore Generale Sanità, welfare e coesione sociale della Regione Toscana, nonché “padre” di quella legge.

Presidente Gelli, cos’è cambiato da quando è stata approvata la legge che porta il suo nome ad oggi?

«È cambiato moltissimo. E non solo perché la giurisprudenza si è pronunciata innumerevoli volte, anche con la Corte Suprema, sia sulla parte penale, con tre sentenze importanti che vanno a puntualizzare meglio il tema della responsabilità, che sul settore della giurisprudenza civile, con il decalogo di San Martino che ha disciplinato notevolmente la materia. Abbiamo fatto insomma un percorso molto impegnativo. Durante la pandemia il legislatore, ispirandosi proprio alla legge 24, ha rafforzato alcune misure di tutela e di garanzia nei confronti degli operatori sanitari. Faccio gli esempi della depenalizzazione della responsabilità dei medici vaccinatori o dei medici che durante lo Stato d’emergenza sono stati chiamati a curare pazienti affetti da Covid. La completezza di questo percorso risente dei decreti attuativi. È imminente la firma dei decreti attuativi che riguardano la parte assicurativa. Ne seguiranno poi altri due a completamento dell’intera applicazione della norma. Credo insomma che potremmo veramente dirci soddisfatti di un percorso complesso e articolato, con materie di non facile comprensione».

Oltre alla pandemia un grosso cambiamento, in prospettiva, lo darà il PNRR e le tantissime risorse in arrivo per la sanità. Secondo lei cosa si deve fare per evitare il rischio di sprecarle?

«Il tema è legato sempre alla pandemia, la quale ci ha fatto capire, esaltandolo, un grande elemento di difficoltà e di sofferenza del sistema sanitario nazionale, che è appunto il servizio dell’assistenza territoriale. Abbiamo guardato sempre con attenzione agli ospedali e alla loro modernizzazione, ma nel corso di questi ultimi decenni abbiamo trascurato l’assistenza territoriale. Per questo motivo il PNRR, attraverso il DM 71, destina ingenti risorse sul fronte degli investimenti. Investimenti che riguarderanno le case della comunità, gli ospedali di comunità, le centrali operative territoriali, e così via. Purtroppo, dobbiamo dire che, a fronte di questa ingente entità di risorse dal lato degli investimenti, le risorse che sono state destinate alla spesa corrente, ovvero il finanziamento del fondo sanitario nazionale, che pure ha subito un importante incremento a seguito della pandemia, creano al mio avviso qualche elemento di difficoltà che potrebbe manifestarsi una volta che queste strutture vengono realizzate a causa della possibile mancanza di professionisti. Quindi bisognerebbe porre attenzione verso questo problema. Il PNRR è un’opportunità straordinaria che però va attuata nei tempi e nelle scadenze previste dalle indicazioni europee. Soprattutto, però, dobbiamo capire se le politiche del governo italiano sono sufficienti per mantenere e alimentare il sistema con risorse aggiuntive. In particolare, attraverso l’assunzione di nuovi medici, infermieri e operatori sanitari che dovranno andare ad animare e gestire queste strutture».

Il Piano porterà anche tante innovazioni a livello di telemedicina e medicina digitale. Dal suo punto di vista, come si esprime il PNRR per quanto riguarda la cultura della formazione degli operatori sanitari? Ci siamo o bisogna fare qualcosa in più?

«Il PNRR prevede importanti investimenti nel settore dell’Innovazione tecnologica e nella sanità digitale e questo può favorire notevolmente anche il percorso della formazione a distanza, che ormai è diventato lo strumento più importante e rilevante della formazione degli operatori sanitari. Credo però che sia fondamentale la volontà del decisore politico nazionale, e poi anche delle regioni che hanno la competenza in questa materia, nel riuscire a tradurre in occasioni e opportunità di innovazione tecnologica, finanziata dal PNRR, attraverso la capacità di risposte nell’ambito formativo. Ambito che necessita di ulteriore impegno, perché attività come la televisita, il teleconsulto o la teleassistenza necessitano comunque di un background formativo molto importante e noi non possiamo dare per scontato che tutti gli operatori sanitari siano sufficientemente preparati per gestire queste nuove opportunità».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo
La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio
Nel 2050 SSN non sostenibile senza interventi, nuovo report
La sanità pubblica non sarà sostenibile se non ci saranno interventi di correzione rispetto alle attuali dinamiche socio sanitarie. Questo è quanto emerso dal rapporto Meridiano Sanità realizzato da The European House - Ambrosetti e presentato a Roma
PNRR, l’allarme: «Con vincoli ad assunzioni rischio che Case di Comunità non abbiano sufficiente personale»
Il Presidente della Commissione Sanità del Consiglio del Regionale del Lazio, Rodolfo Lena, spiega: «Dobbiamo dare gambe importanti al PNRR». E aggiunge: «C’è carenza di alcuni professionisti: al San Giovanni a un concorso per il Pronto soccorso si sono presentati solo 65 medici per 169 posti. Serve l’abolizione del numero chiuso»
Sulla responsabilità penale del pediatra
Una recente sentenza si è espressa sulla responsabilità penale del pediatra: non trattenere il minore per accertamenti è omicidio colposo
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Oscar sanità: oltre 200 candidature, a novembre i vincitori
Partecipazione record alla quinta edizione del Lean Healthcare Award, gli Oscar della sanità italiana. Più di 200 candidature da oltre 90 strutture pubbliche e private distribuite in tutte le regioni italiane. I vincitori saranno proclamati il prossimo 10 novembre
di Redazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 2 dicembre 2022, sono 644.116.374 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.637.943 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa