Formazione 17 Giugno 2022 09:55

Ecm, Anelli: «Formarsi significa garantire la qualità delle prestazioni»

Il Presidente Fnomceo incentiva la formazione medica e invita ad assolvere l’obbligo formativo in vista della stretta sulle polizze assicurative. «Oggi il professionista sanitario non formato si trova di fronte a delle difficoltà di carattere medico legale. Né le assicurazioni, né i giudici potranno comprendere perché non si è formato»

«Siamo alla fine di un periodo pandemico molto gravoso per la professione medica. E forse ci aspetterà un autunno non dico complicato ma sicuramente non facile. Il confronto sulle tematiche della responsabilità e dell’impegno dei medici risulta essere sempre molto importante». Così Filippo Anelli, Presidente Fnomceo, ha dato inizio all’intervista a Sanità Informazione a margine del convegno “Problematiche attuali della medicina legale: contenzioso, assicurazione e autoritenzione” in Sapienza. All’evento, organizzato dagli ordinari di medicina legale Paola Frati e Vittorio Fineschi, hanno partecipato esponenti di rilievo del mondo giuridico e medico legale.

Lo scudo penale per Covid

Anelli ha ricordato come l’azione della federazione dei medici abbia già prodotto una norma di legge, il cosiddetto scudo penale per i professionisti sanitari nel corso dell’emergenza Covid. Si intende la non punibilità di medici ed operatori sanitari durante la fase di emergenza epidemiologica «che si trovano in condizioni difficili nell’espletare la loro attività soprattutto per il Covid» ha detto Anelli. Nell’ambito del dibattito sulla responsabilità professionale in ambito sanitario questa «novella giudiziaria sarà sicuramente trattata. E potrà essere un utile aiuto a tutti gli operatori per dare maggiore serenità e tranquillità nell’esercizio professionale» ha aggiunto.

Anelli: «Formazione continua percepita dai colleghi come un obbligo e non come un’opportunità»

Anelli ha poi affrontato la questione relativa all’aggiornamento professionale permanente e alla formazione medica. Rilevando «una difficoltà oggettiva» da parte dei medici legata al fatto che «il sistema della formazione continua è percepito dai colleghi come un obbligo e non come un’opportunità». Il presidente ha confessato che «il livello di adeguamento e di raggiungimento degli obiettivi formativi nelle federazioni è piuttosto basso».

L’emendamento al decreto PNRR: se non si è in regola niente copertura assicurativa

Il tema Ecm è di cruciale importanza, anche in virtù del fatto che il mancato assolvimento dell’obbligo formativo potrebbe comportare ricadute assicurative. Un emendamento al decreto-legge per l’attuazione del Pnrr, infatti, lega le due cose.  La copertura delle polizze assicurative per il rischio professionale è condizionata all’assolvimento in misura non inferiore al 70 per cento dell’obbligo formativo dell’ultimo triennio in materia di formazione continua in medicina.

Articolo 38-bis

Anelli: «Né le assicurazioni, né i giudici possono comprendere perché il medico non si è formato»

«È importante – ha continuato Anelli – far comprendere che oggi il medico e l’operatore sanitario non formato si trova di fronte a delle difficoltà di carattere medico legale. Infatti, né le assicurazioni e né i giudici potranno comprendere perché non si è formato. E allora la spinta normativa serve ad “incentivare” l’attività di formazione. In modo tale che tutti comprendano che oggi formarsi per noi significa garantire la qualità delle prestazioni». E l’imprevedibile, incontrollabile quanto disastrosa esperienza pandemica non può che confermarlo.

Formazione medica, controlli e sanzioni spettano agli ordini

Non ottemperare agli obblighi formativi, oltre a incidere sull’efficacia delle polizze assicurative per la responsabilità civile, può causare serie sanzioni. I controlli e le verifiche saranno gestiti dagli ordini di riferimento. «Nella commissione nazionale Ecm abbiamo preso atto del parere dell’ufficio legislativo del ministero. In questo triennio sgrava i medici e gli operatori sanitari di un terzo del fabbisogno formativo a causa dell’impossibilitò di svolgere l’attività formativa nel periodo Covid» ha concluso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
ECM, a fine mese scade la possibilità di spostamento crediti dai trienni passati
Fino al 30 giugno 2022 sarà ancora possibile spostare i crediti di altri trienni per completare quelli in scadenza. Cosa si può fare per raggiungere l'obbligo formativo
ECM, Leoni (Fnomceo): «Prima responsabilità verso il paziente. Per deontologia e per legge»
L’intervista a tutto tondo a Sanità Informazione: «Formazione ECM uno stimolo ogni giorno. Investire sul personale medico e infermieristico, riprogrammare le risorse per la sanità territoriale. Bisogna considerare la sanità come un investimento e non come un costo in termini di salute dei cittadini»
In Italia è Padel-mania, ma gli esperti avvertono: «Contro i traumi in aumento, più prevenzione e preparazione fisica»
Al via i corsi Consulcesi con la collaborazione del dott. Andrea Grasso per formare medici e operatori sanitari a riconoscere e contrastare i danni fisici legati allo sport
Formazione ECM, Monaco (Co.Ge.A.P.S.): «Obbligo morale e deontologico scritto nel DNA del medico»
L’inadempienza potrebbe comportare ricadute assicurative. «Al di là dell’obbligo di legge, ogni medico deve formarsi per dare al cittadino il massimo della professionalità e delle competenze». Così Il segretario della Federazione degli ordini dei medici sull'ECM
Medici e infermieri: patto su assistenza. Anelli (Fnomceo): «Regioni in ritardo sui fabbisogni»
Riuniti i due Comitati Centrali Fnomceo-Fnopi: «Da noi le indicazioni per la qualità e l’efficienza dei servizi. Ai cittadini vanno garantite le competenze delle due professioni». Anelli: «DM 71 ha sottostimato fabbisogno infermieri nelle case di comunità e non ha risolto il problema della carenza dei MMG»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 giugno, sono 546.396.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.334.351 i decessi. Ad oggi, oltre 11,73 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali