Formazione 17 Giugno 2022 09:55

Ecm, Anelli: «Formarsi significa garantire la qualità delle prestazioni»

Il Presidente Fnomceo incentiva la formazione medica e invita ad assolvere l’obbligo formativo in vista della stretta sulle polizze assicurative. «Oggi il professionista sanitario non formato si trova di fronte a delle difficoltà di carattere medico legale. Né le assicurazioni, né i giudici potranno comprendere perché non si è formato»

«Siamo alla fine di un periodo pandemico molto gravoso per la professione medica. E forse ci aspetterà un autunno non dico complicato ma sicuramente non facile. Il confronto sulle tematiche della responsabilità e dell’impegno dei medici risulta essere sempre molto importante». Così Filippo Anelli, Presidente Fnomceo, ha dato inizio all’intervista a Sanità Informazione a margine del convegno “Problematiche attuali della medicina legale: contenzioso, assicurazione e autoritenzione” in Sapienza. All’evento, organizzato dagli ordinari di medicina legale Paola Frati e Vittorio Fineschi, hanno partecipato esponenti di rilievo del mondo giuridico e medico legale.

Lo scudo penale per Covid

Anelli ha ricordato come l’azione della federazione dei medici abbia già prodotto una norma di legge, il cosiddetto scudo penale per i professionisti sanitari nel corso dell’emergenza Covid. Si intende la non punibilità di medici ed operatori sanitari durante la fase di emergenza epidemiologica «che si trovano in condizioni difficili nell’espletare la loro attività soprattutto per il Covid» ha detto Anelli. Nell’ambito del dibattito sulla responsabilità professionale in ambito sanitario questa «novella giudiziaria sarà sicuramente trattata. E potrà essere un utile aiuto a tutti gli operatori per dare maggiore serenità e tranquillità nell’esercizio professionale» ha aggiunto.

Anelli: «Formazione continua percepita dai colleghi come un obbligo e non come un’opportunità»

Anelli ha poi affrontato la questione relativa all’aggiornamento professionale permanente e alla formazione medica. Rilevando «una difficoltà oggettiva» da parte dei medici legata al fatto che «il sistema della formazione continua è percepito dai colleghi come un obbligo e non come un’opportunità». Il presidente ha confessato che «il livello di adeguamento e di raggiungimento degli obiettivi formativi nelle federazioni è piuttosto basso».

 

Consulcesi Club: il più vasto catalogo di corsi ECM per professionisti sanitar

Il più ampio catalogo di formazione a distanza per medici e operatori sanitari con oltre 250 corsi e 1.000 crediti ECM, 6 collane tematiche e innovativi modelli formativi. Attiva la prova gratuita di 30 giorni, segui i corsi e ottieni i crediti ECM.

 

L’emendamento al decreto PNRR: se non si è in regola niente copertura assicurativa

Il tema Ecm è di cruciale importanza, anche in virtù del fatto che il mancato assolvimento dell’obbligo formativo potrebbe comportare ricadute assicurative. Un emendamento al decreto-legge per l’attuazione del Pnrr, infatti, lega le due cose.  La copertura delle polizze assicurative per il rischio professionale è condizionata all’assolvimento in misura non inferiore al 70 per cento dell’obbligo formativo dell’ultimo triennio in materia di formazione continua in medicina.

Articolo 38-bis

Anelli: «Né le assicurazioni, né i giudici possono comprendere perché il medico non si è formato»

«È importante – ha continuato Anelli – far comprendere che oggi il medico e l’operatore sanitario non formato si trova di fronte a delle difficoltà di carattere medico legale. Infatti, né le assicurazioni e né i giudici potranno comprendere perché non si è formato. E allora la spinta normativa serve ad “incentivare” l’attività di formazione. In modo tale che tutti comprendano che oggi formarsi per noi significa garantire la qualità delle prestazioni». E l’imprevedibile, incontrollabile quanto disastrosa esperienza pandemica non può che confermarlo.

Formazione medica, controlli e sanzioni spettano agli ordini

Non ottemperare agli obblighi formativi, oltre a incidere sull’efficacia delle polizze assicurative per la responsabilità civile, può causare serie sanzioni. I controlli e le verifiche saranno gestiti dagli ordini di riferimento. «Nella commissione nazionale Ecm abbiamo preso atto del parere dell’ufficio legislativo del ministero. In questo triennio sgrava i medici e gli operatori sanitari di un terzo del fabbisogno formativo a causa dell’impossibilitò di svolgere l’attività formativa nel periodo Covid» ha concluso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Obbligo mascherina in ospedale via tra due settimane? Scienziati divisi, nuovo studio inglese: «Benefici modesti»
In vista della scadenza dell'obbligo di indossare la mascherina negli ospedali e nelle strutture sanitarie italiane, fissata per il 30 aprile, la scienza ragiona su vantaggi e benefici. Dal Regno Unito arriva una nuova ricerca: «Nessuna differenza significativa» sui tassi di trasmissione di Covid-19 negli ospedali
Quali criteri deve adottare il Provider in riferimento alla sponsorizzazione commerciale?
Gli eventi possono essere sponsorizzati, mediante apposito contratto, da imprese commerciali operanti anche in ambito sanitario purché ciò non influenzi i contenuti formativi dell’evento. Non è consentito indicare lo sponsor commerciale nell’esposizione dei contenuti formativi, se non indicando il logo dello Sponsor prima dell’inizio e dopo il termine dell’evento. Lo sponsor può essere coinvolto nella […]
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
Relazioni tossiche: l’amore patologico colpisce almeno il 5% della popolazione
Gori (docente Consulcesi): «Ce ne accorgiamo solo quando sfocia in gesti estremi, necessaria sensibilizzazione tra medici ed educazione affettiva»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...