Salute 1 Giugno 2022 15:07

«Formazione integrata e nuove tecnologie, così si vince la sfida del PNRR». Parla il DG di Tor Vergata Quintavalle

«Abbiamo ottenuto il rinnovo di tutta l’alta diagnostica» spiega Quintavalle che ha partecipato al convegno “Gestione del rischio e PNRR”. Sulla sanità territoriale: «Serve una nuova concezione dell’ospedale di comunità o non avremo nulla di nuovo». A Tor Vergata previsto anche adeguamento sismico e una nuova sezione radiologica

di Francesco Torre

Dopo tanti anni alla guida della Asl Roma 4, quella che copre il territorio nord della provincia, Giuseppe Quintavalle è passato l’anno scorso a dirigere uno dei più grandi Policlinici della Capitale, quello di Tor Vergata.

Una sfida che coincide con il passaggio dalla fase finale della pandemia Covid a quella di rilancio e riorganizzazione della sanità, in particolare dell’assistenza sanitaria territoriale finanziata con i fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Formazione del personale e nuova concezione degli ospedali di comunità sono le chiavi per una riforma che sia davvero funzionale alle esigenze della sanità del futuro, secondo Quintavalle, che ha partecipato al convegno “Gestione del rischio e PNRR” che si è svolto presso l’Aula Magna Fleming del Policlinico. «Dobbiamo rendere efficienti gli ospedali di comunità, il PNRR è un prestito, non dimentichiamocelo. Distretto e territori ora incominciano a parlare con gli ospedali in una logica di prossimità e di effettiva presa in carico dei pazienti» ha detto Quintavalle nel corso del convegno.

Direttore, la riforma dell’assistenza territoriale sta andando nella giusta direzione? Cosa si aspetta?

«Non mi aspetto ulteriori risorse, l’Italia sta passando un momento delicato. Quello che mi aspetto è che ci sia una formazione integrata, permanente, che faccia comprendere ai nostri operatori come si lavora in queste nuove strutture. L’ospedale di comunità, se non lo intendiamo con una nuova concezione, non è altro che l’ospedale di comunità che già esisteva nel 1992. Un ospedale di comunità deve comprendere la presa in carico, prevedere dei collegamenti tra ospedale e territorio, sapere quali persone e con quali tempi debbano essere curate, deve essere sempre relazionato alla presa in carico, al percorso diagnostico terapeutico che non è solo clinico assistenziale ma anche diagnostico e di umanizzazione delle cure. È uno degli aspetti che non va mai trascurato. Dobbiamo costruire un percorso individuale terapeutico per ogni singolo cittadino».

Lei da un anno è diventato direttore del Policlinico Tor Vergata. Che realtà ha trovato?

«È una realtà molto positiva, ci sono persone che appartengono a questa struttura dall’inizio, da quando è stata fondata, è stata una novità rispetto alle varie Asl dove ho operato. C’è molto da fare ma devo dire che in questo anno abbiamo iniziato a recuperare sulla produzione e questo lo si può fare solo se c’è del personale motivato, come appare essere, dando però loro anche fiducia che vuol dire investimenti, tecnologia e PNRR».

Ci sono dei progetti riguardanti il Policlinico Tor Vergata e legati al PNRR?

«Abbiamo ottenuto il rinnovo di tutta l’alta diagnostica. Abbiamo 28 grandi apparecchiature, erano 27 e ora abbiamo avuto un’ulteriore PET. Si va a legare anche agli ulteriori arrivi, il Decreto Legge 34, che ci potenzia sotto altri profili: una nuova sezione radiologica e altre strutture presso il Pronto soccorso. A questo si aggiunge anche un adeguamento sismico necessario per un consolidamento: noi siamo i fortini della salute, dobbiamo essere sempre pronti ed agire sulla sismicità è importante. Poi abbiamo due moduli di ospedale di comunità per un totale di 40 posti e una Centrale Operativa Territoriale. La formazione del personale non può non entrare in gioco: medici e operatori sanitari del futuro devono concepire la fruibilità dei servizi in maniera diversa».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Milano, cittadini contro la Casa di Comunità: «No alla cattedrale nel deserto»
Raccolte 6000 firme dal Comitato Bonola per esprimere il malcontento a Regione Lombardia sulla Casa di Comunità che dovrebbe sorgere tra i palazzi di via Ugo Betti. La vicepresidente: «Mancano i medici di base e il terreno su cui dovrebbe sorgere la Casa di Comunità attende la bonifica dall’amianto»
Digital medicine, i 4 passi prima del decollo: inserimento nei Lea, monitoraggio d’efficacia, 4G e digital assistant
Cicchetti (ALTEMS): «È necessario che ogni prestazione digitale sia inserita nel tariffario dei LEA così da garantirne la rimborsabilità attraverso il Sistema Sanitario Nazionale. La commercializzazione degli strumenti di Digital Medicine, senza le procedure di rimborsabilità e di prezzo, espone tali tecnologie all’acquisto discrezionale da parte delle Regioni e delle ASL, senza assicurare l’unitarietà di accesso per tutti i cittadini»
La medicina legale con Anelli. Palermo (Comlas): «Formazione continua indispensabile, non si finisce mai di studiare»
Vincenza Palermo (Presidente Comlas), Alessandro Dell’Erba (Presidente Famli) e Raffaele Migliorini (Medico legale Inps) concordano con il Presidente Fnomceo sulla importanza dell’aggiornamento professionale nell’ambito della medicina legale e della responsabilità sanitaria
Medicina territoriale, Cavicchi: «DM71 è una controriforma, non si può spaccare il medico di famiglia a metà»
Il professore di Sociologia delle organizzazioni sanitarie contesta la riforma dell’assistenza sanitaria territoriale in atto e mette in guardia dal rischio privatizzazione: «L’obiettivo è quello di mandare in pensione il medico di medicina generale pubblico e di sostituirlo con delle agenzie private, tremo all’idea»
di Francesco Torre
ECM, Leoni (Fnomceo): «Prima responsabilità verso il paziente. Per deontologia e per legge»
L’intervista a tutto tondo a Sanità Informazione: «Formazione ECM uno stimolo ogni giorno. Investire sul personale medico e infermieristico, riprogrammare le risorse per la sanità territoriale. Bisogna considerare la sanità come un investimento e non come un costo in termini di salute dei cittadini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...