Formazione 16 Giugno 2022 11:13

Problematiche della medicina legale in Sapienza. Frati e Fineschi sulla formazione che apre nuove frontiere

Come la medicina legale ha affrontato la pandemia e i dilemmi di contenzioso ad essa connessi? Di questo e molto altro si è discusso in un’occasione di confronto in Sapienza al Convegno “Problematiche attuali della medicina legale: contenzioso, assicurazione e autoritenzione”

Due giorni di confronto sulla medicina legale tra chi ne scrive la letteratura da anni e chi ne analizza le evoluzioni da anni. Questo è stato il Convegno “Problematiche attuali della medicina legale: contenzioso, assicurazione e autoritenzione” in Sapienza, organizzato dalla professoressa Paola Frati e dal prof. Vittorio Fineschi, ordinari di Medicina legale nello stesso ateneo. Con la pandemia la necessità di mettere la medicina legale al centro del dibattito in sanità si è fatta anche maggiore e, dopo due anni di incontri da remoto, questo appuntamento live ha riportato il dibattito in vita più che mai.

«Un appuntamento fisso, interrotto solo dal Covid – lo ha definito la prof. Frati -. Ci teniamo molto con il prof. Fineschi a portare in Sapienza questo incontro multidisciplinare. C’è bisogno di qualità nella formazione, quindi reperire relatori di livello che possano attivare un confronto tra vari compartimenti: mondo giuridico, mondo medico-legale e mondo dei professionisti sanitari in generale. C’è sempre bisogno di un confronto, di capire quali sono i problemi e quali possono essere le soluzioni. Devo dire che questo incontro vede sempre tanti partecipanti: c’è voglia di confrontarsi e di formarsi. Spesso questo confronto con la magistratura ha portato nel tempo ad educarci».

La medicina legale nei casi di infezioni

«Come nel caso delle infezioni – conferma ancora Frati – ci è stato chiarito dalla magistratura che occorre fornire “la prova”, non una generale (come quella che conferma che le strutture sanitarie hanno adottato controlli) ma proprio verificare se su quel singolo caso sono stati attuati. Devo dire che su questo confronto ci siamo attrezzati come medicina legale e vediamo le prime risposte positive della magistratura che riconosce un’assenza di responsabilità». È l’esempio portato sull’attualità dalla professoressa Frati.

Il convegno ha visto molti punti di vista e nuove modalità di apprendimento. «Tanta dottrina, formare ma aprire anche un dialogo costruttivo – conclude Frati -. Voglio ancora sottolineare l’importanza della formazione: l’ambito medico si deve formare, è una continua crescita e l’accademia deve avere un ruolo fondamentale. Devo dire che quest’anno questo convegno ha visto la sinergia di società importanti nell’ambito medico-legale. Ringrazio la SIMLA con il prof. Introna, la FAMLI con il prof. Dell’Erba e la COMLAS con la dottoressa Palermo. Ringrazio Vimercati con la FISM e Filippo Anelli, con tutta la FNOMCeO. Mi sembra che stiamo centrando questa idea di formazione multidisciplinare».

Consulcesi Club: il più vasto catalogo di corsi ECM per professionisti sanitari

Il più ampio catalogo di formazione a distanza per medici e operatori sanitari con oltre 250 corsi e 1.000 crediti ECM, 6 collane tematiche e innovativi modelli formativi. Attiva la prova gratuita di 30 giorni, segui i corsi e ottieni i crediti ECM.

Scopri di più

La gestione della pandemia è stata al centro dell’evoluzione della medicina legale. Regolare il contenzioso su un caso Covid si è rivelato quanto mai difficile, mancando giurisprudenza a riguardo, e in un periodo concitato come quello degli inizi. Una parte del Convegno è stata così dedicata a quello che si è imparato.

«Parliamo anche – prosegue Fineschi – degli aspetti connessi alla patologia Covid-correlata che è in gran parte relegata alla medicina legale in quanto l’ondata pandemica ha prodotto numero morti e le gestioni medico-legali autoptiche sono state tutte a carico della medicina legale. Declineremo questo tema anche negli aspetti organizzativi, nelle difficoltà che abbiamo avuto nel primo periodo e a quanto la medicina legale con la diagnostica su cadavere ha potuto contribuire alla conoscenza del fenomeno Covid e anche come ha modificato le terapie in un momento in cui poco si sapeva del virus».

Un’occasione di formazione apprezzata da tutti i colleghi. «È stato affrontato il tema della formazione continua – conclude Fineschi -. Essere formati per un medico significa essere pronto a rispondere alle esigenze che la quotidianità ci propone e dire che la formazione così come è possibile fare, è un ruolo fondamentale è un fulcro che regge la scientificità dell’agire medico».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo
La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio
Congresso AME. Dall’obesità all’osteoporosi: ecco tutti i trattamenti innovativi
È stato inaugurato a Roma il 21esimo Congresso AME “Update in Endocrinologia Clinica”. Grimaldi (AME): «Oltre mille esperti si confronteranno, finalmente in presenza dopo oltre due anni di pandemia, sulle nuove evidenze scientifiche e le terapie di ultima generazione». Non solo salute, ma anche Sanità: dalla riorganizzazione dell’assistenza sanitaria ospedaliera e territoriale, passando per il ruolo dell’endocrinologo, fino ai pregi e difetti dei servizi ospedalieri e territoriali
Creato ceppo Covid letale all’80% nei topi, la condanna della scienza
Un gruppo di ricercatori americani ha creato un nuovo ceppo Covid mortale all'80% nei topi. La comunità scientifica sostiene che si sta «giocando con il fuoco»
Covid, ricoveri crescono del 37%. Migliore (Fiaso): «Andiamo verso endemizzazione»
Incremento nei reparti ordinari, in terapia intensiva situazione stabile: «Anziani e fragili rimangono soggetti a rischio e sono proprio loro ad avere complicazioni»
Malattie cardiovascolari nelle donne, specie nel post Covid. Nasce un progetto per sostenerle
Realizzata dal Gruppo San Donato, l’iniziativa vuole fare una fotografia dello stato di salute della popolazione femminile post Covid. Serenella Castelvecchio (responsabile Prevenzione Cardiovascolare e medicina di genere): «Lavoro necessario per cure sempre più personalizzate»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 3 febbraio 2023, sono 671.338.563 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.838.235 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...