Lavoro 17 Novembre 2020 16:12

Stanchi nel corpo, avviliti nello spirito. Lo stato d’animo dei professionisti sanitari coinvolti nell’emergenza

La situazione in Italia resta grave e la pressione sugli ospedali non si alleggerisce. Medici e infermieri lavorano senza sosta, al limite delle forze. Ma devono difendersi anche dal fuoco amico

Stanchi nel corpo, avviliti nello spirito. Lo stato d’animo dei professionisti sanitari coinvolti nell’emergenza

Da eroi a vittime. È amaro il sorriso di chi lotta tutti i giorni per salvare vite umane nei reparti Covid degli ospedali italiani. Medici, professionisti sanitari e operatori sociosanitari sono allo stremo delle forze, sfiniti fisicamente: non hanno avuto il tempo di metabolizzare e smaltire la stanchezza accumulata nella prima ondata che la seconda si è abbattuta prepotentemente su di loro.

La fase della pandemia che stiamo vivendo si sta rivelando sempre più faticosa e impegnativa per il personale sanitario. Carenza di personale specializzato, errori di programmazione, turni massacranti, blocco delle assunzioni e mancanza di organizzazione li hanno assai demoralizzati, ma la vera mortificazione è doversi difendere anche dal fuoco amico, dagli attacchi e dalla mancanza di riconoscenza dei cittadini. Quel sentimento di vicinanza che univa i professionisti sanitari alla popolazione, così vivo a marzo, sembra essersi affievolito per lasciar spazio a manifestazioni di aggressività, ignoranza e ingratitudine. Anziché ricevere solidarietà, arrivano offese, provocazioni e perfino aggressioni fisiche. “Stanchi di cosa?” e “Lo hai scelto tu, è il tuo lavoro, fai solo il tuo dovere e sei pagato per farlo” sono gli insulti che più spesso si leggono sui social.

Pagano gli appelli al rispetto delle regole oppure la mancanza delle dosi vaccinali. La casa della salute di Rubiera di Reggio-Emilia ha segnalato che alcuni utenti «si rivolgono in modo sgarbato e con linguaggio offensivo al personale. Questo è del tutto inaccettabile – sostiene il sindaco Emanuele Cavallaro – il personale medico non ha il potere di creare il vaccino dal nulla».

Considerati il capro espiatorio delle debolezze del sistema – posti letto che mancano, file al pronto soccorso, inefficienze territoriali  – ci si dimentica che sono loro a lottare al fronte contro il virus, ad assistere al meglio i malati negli ospedali, oggi come a marzo, a fare il conto di colleghi, familiari e amici contagiati o, peggio, deceduti. I malati aumentano, così come medici e infermieri contagiati.

Martina Benedetti, l’infermiera che divenne il simbolo del sacrificio dei sanitari grazie alla foto pubblicata sui social in cui mostrava i segni lasciati sul viso dai dispositivi di protezione, è molto rammaricata: «Nella prima fase venivamo celebrati come eroi, con i canti e gli applausi dai balconi, adesso abbiamo visto vari fenomeni aberranti, come i negazionisti o i no mask. Varie categorie di persone se la sono presa con noi» evidenzia nel format “I Lunatici” su Rai Radio2. «Da eroi – sottolinea Martina – siamo diventati assassini, oppure ‘assicurati’, quelli con lo stipendio statale, che devono stare zitti. Io e i miei colleghi siamo basiti, dopo tutto l’impegno che abbiamo messo a marzo e aprile e stiamo mettendo ora. Ti fa male» ammette.

Anche la dottoressa Alessandra D’Angelo, medico palermitano che lavora all’ospedale Covid di Partinico, si esprime con amarezza all’Adnkronos: «Per alcuni siamo diventati degli ‘speculatori’, se non degli ‘untori’. Tutto questo è molto triste. E fa male». Ma è il menefreghismo e la mancanza di responsabilità a preoccuparla: «Dobbiamo affrontare a mani nude, inermi, questa valanga, questo tsunami – spiega -. Ecco perché fa male sentire tante cose orribili sui social, con gente che ci attacca. Noi facciamo solo il nostro mestiere -conclude -. Non c’è bisogno di esibirci, siamo lì per questo». Non pretendono di essere chiamati eroi, ma il rispetto, quello sì.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sit-in al Ministero della Salute di medici e odontoiatri libero professionisti: «Noi ancora senza vaccino»
I camici bianchi in piazza per protestare contro l’ineguale trattamento con gli altri medici: «Perché siamo stati esclusi dalla fascia prioritaria del piano vaccinale?». A guidare la protesta Paolo Mezzana: «Nel Lazio differenze anche tra ASL. Ministro Speranza è consapevole della nostra condizione»
Covid-19, ogni 100 contagi professionali, 70 riguardano le donne
Giuseppe Carbone, Segretario generale Fials: «Drammatica disparità di genere. Numeri drammatici che ci allarmano e destano preoccupazione per questa terza ondata»
Covid e scenari futuri, l’infettivologo Stefano Vella: «Immunità di gregge? Meglio trovare strategie di convivenza»
«Vaccinare i fragili in via prioritaria. Un altro lockdown nazionale porterebbe al tracollo finanziario, l'Italia non può permetterselo»
Nel 2020 mai così tanti morti dal secondo dopoguerra in Italia. Pubblicato il quinto rapporto sui decessi ISTAT-ISS
Il documento fa, inoltre, il punto sulle principali caratteristiche dell’epidemia e i loro effetti sulla mortalità totale, distinguendo tra la prima (febbraio-maggio 2020) e la seconda (ottobre-gennaio 2021) ondata epidemica
Giornata Europea della Logopedia, Rossetto (FLI): «La tele-riabilitazione può aiutare l’85% dei pazienti»
“Così lontani, così vicini”: cinque giorni di consulti on-demand. I logopedisti italiani saranno a disposizione di pazienti, famiglie e insegnanti per domande o dubbi sulla logopedia a distanza dall’8 al 12 marzo
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 marzo, sono 115.618.088 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.569.422 i decessi. Ad oggi, oltre 275,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...