Salute 7 Settembre 2020 11:26

«Sono un volontario per le sperimentazioni del vaccino anti-Covid. E sono stato sommerso dalle offese online»

La storia di Rinaldo Sidoli, candidato idoneo per la Fase 2 della sperimentazione clinica del vaccino sviluppato dallo Spallanzani. Portavoce APE e animalista, molti non hanno capito la sua scelta e ha dovuto fronteggiare l’odio online

«Sono un volontario per le sperimentazioni del vaccino anti-Covid. E sono stato sommerso dalle offese online»

Mette ormai d’accordo scienziati da ogni parte del mondo quella conclusione che vede la fine della pandemia solo con l’arrivo di un vaccino funzionante. Tutti i Paesi stanno dando il loro contributo alla ricerca, sono 236 i candidati vaccini anti-Covid attualmente in via di sviluppo. Alcuni, con sperimentazioni meno complete, sono già stati registrati: uno dei vaccini cinesi e lo Sputnik V di matrice russa. Anche l’Italia ha voluto dare il suo contributo: l’Istituto Nazionale Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani” di Roma ha fatto partire la prima sperimentazione sull’uomo lo scorso 24 di agosto. La prima volontaria ad avere il vaccino inoculato è stata una donna di 50 anni, per poi continuare con 90 candidati. Sanità Informazione ha rintracciato uno dei volontari, indirizzato dai ricercatori per la Fase 2 di sperimentazione clinica.

Rinaldo Sidoli, 39 anni, portavoce dell’associazione Alleanza Popolare Ecologista (Ape). Perché ha deciso di candidarsi e quale procedura ha seguito?

«Le immagini sconcertanti andate in televisione nei mesi scorsi mi hanno fatto capire quanto drammatica fosse la situazione negli ospedali a causa della pandemia. I vari bollettini che venivano diramati in piena emergenza coronavirus contenevano numeri, ma in realtà erano persone. Questa differenza è diventata palpabile quando sfortunatamente è toccato al papà di una mia amica. Da quel momento ho auspicato che la ricerca trovasse un vaccino. Quando il 7 agosto ho letto l’appello della Regione Lazio ho riflettuto attentamente, poi ho inoltrato un’email all’Istituto Spallanzani con la mia candidatura a volontario per il vaccino anti-Covid. È stato un gesto spontaneo, nato dal cuore, come quello di tanti altri volontari che credono nella ricerca e nella sanità pubblica.

Vorrei che questa mia azione servisse ad alleviare la sofferenza di quelle persone che si trovano in terapia intensiva a salvare vite. Il Paese deve tornare alla normalità e solo grazie a questo vaccino potrà ripartire. Mi auguro che il legislatore, dopo questa tragedia, abbia compreso l’importanza nel sostenere gli investimenti in ricerca su biotech e medicale. Se siamo arrivati a un vaccino Made in Italy è grazie a una eccellenza che ci viene invidiata in tutto il mondo. La ricerca non è un “optional”, è un capitale umano che va salvaguardato con strategie di lungo termine, al fine di prevenire future pandemie».

Quando l’hanno chiamata e cosa la aspetta ora?

«Il 26 agosto ho ricevuto una telefonata dallo Spallanzani che mi comunicava la mia idoneità per la fase 2 della sperimentazione. L’inoculazione sarà preceduta da un pre-screening che accerterà il mio buono stato di salute. È necessario che il volontario sia sano affinché le percentuali di efficacia siano molto alte in una risposta anticorpale specifica e sufficiente contro le componenti del vaccino. Il mio percorso dovrebbe iniziare questo mese».

Quali sono state le reazioni alla sua scelta?

«Ho dato comunicazione tramite i social della mia candidatura per la sperimentazione del vaccino anti-Covid e mai mi sarei aspettato commenti triviali senza basi scientifiche. Non mi hanno toccato le frasi gravemente offensive nei miei confronti. Sono stato ferito per i commenti “negazionisti” di talune persone che considerano questo mio atto volontario inutile, in quanto questo contagio virale non esisterebbe. Da attivista speravo che gli amanti degli animali avessero capito l’importanza di questa mia scelta e invece ho scoperto degli estremisti che non hanno a cuore la vita delle persone.
Non può esistere la difesa degli animali senza il rispetto della vita a 360 gradi. Sottoporsi a una sperimentazione volontaria non equivale a sostenere la “vivisezione”. Per la prima volta la ricerca ha dato la possibilità all’uomo di offrirsi come “cavia” al posto degli animali. Una scelta di libertà che apre il percorso di abbandono degli esperimenti su animali. È giusto che un animalista come me capisca cosa si prova a stare dalla parte di chi si sottopone a un vaccino, come succede spesso con gli animali, che purtroppo non hanno la possibilità di scegliere».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Covid-19, il 98% degli operatori sanitari vaccinati ha anticorpi molto alti
Uno studio clinico realizzato dall’Ospedale Niguarda e dall’Università di Milano su 2497 tra medici e infermieri a 14 giorni dall’inoculazione rivela una risposta immunitaria importante. Scaglione (laboratorio di Analisi chimiche e Microbiologia): «Da quando il personale è vaccinato, non ci sono più stati casi di Covid tra gli operatori sanitari. Ripeteremo le analisi a 3, 6 e 12 mesi»
di Federica Bosco
San Marino ricorre allo Sputnik, boom di richieste. Ceccarini (ISS): «Tranquilli su sicurezza prodotto. Ma non ci sarà turismo vaccinale»
I ritardi italiani sulla consegna dei vaccini hanno spinto le autorità sanmarinesi all’accordo con la Russia. Parla il responsabile della campagna vaccinale Agostino Ceccarini: «Già vaccinato l’1% della popolazione. Per noi sarebbe un motivo di orgoglio vaccinare i 6-7mila italiani che vengono a lavorare da noi»
Covid-19, tutto sul vaccino made in Italy ReiThera – Spallanzani
Il vaccino Spallanzani-Reithera Grad-Cov-2 raccoglie i frutti della sperimentazione. La Fase 2 partirà a breve e vedrà arruolati 900 volontari: si punta ad averlo già a settembre
Ippolito (Spallanzani) in audizione alla Camera: «Epidemia occasione per riformare Ssn»
Il direttore scientifico dell'Istituto nazionale malattie infettive Lazzaro Spallanzani di Roma è stato ascoltato in Commissione Affari Sociali alla Camera nell'ambito dell'esame, in sede consultiva, della proposta di Piano nazionale di ripresa e resilienza
Covid, l’allarme di Oxfam e Emergency: «Con i monopoli di Big Pharma impossibile un vaccino per tutti»
Nel 2021, i tre più grandi colossi farmaceutici del mondo produrranno dosi solo per l’1,5% della popolazione mondiale, mentre molti produttori sono tagliati fuori. Le ONG lanciano un appello urgente a Ue, USA e UK per un’immediata inversione di rotta
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 aprile, sono 136.676.442 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.946.124 i decessi. Ad oggi, oltre 788,19 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...