Salute 24 Agosto 2020 10:27

Partita allo Spallanzani la sperimentazione sull’uomo del vaccino italiano anti-Covid

Allo Spallanzani inoculata in una volontaria la prima dose: è una donna di 50 anni. Si dà così inizio alla fase clinica I del vaccino italiano. Il direttore sanitario Vaia: «Il nostro auspicio è che sia prodotto in primavera»

Partita allo Spallanzani la sperimentazione sull’uomo del vaccino italiano anti-Covid

Questa mattina, alle 8.32, la prima dose del vaccino italiano contro Covid-19, sviluppato dallo staff dell’Inmi Spallanzani di Roma, è stata inoculata in un volontario. Si è dato così ufficialmente inizio alle fase clinica I della sperimentazione nostrana. Se gli step successivi dovessero avere successo, le prime dosi potrebbero essere disponibili in primavera.

Questa fase punta a verificare se la dose del vaccino, così com’è preparata, dà effetti collaterali al paziente. Inoltre, serve a capire se è classificabile come “immunogenica“, ovvero se è capace di avviare nell’organismo umano la creazione di anticorpi neutralizzanti. In grado cioè di bloccare la replicazione virale di Covid-19. I volontari saranno 90, divisi in due gruppi di età: metà tra i 18 e i 55 e l’altra metà over 65.

Il vaccino GRAd-COV2 utilizza la tecnologia del “vettore adenovirale non-replicativo”, ovvero incapace di produrre infezione nell’uomo. Il vettore virale agisce come un minuscolo “cavallo di Troia”, che induce transitoriamente l’espressione della proteina spike (S) nelle cellule umane. Questa proteina è la “chiave” attraverso la quale il coronavirus, legandosi ai recettori ACE2 presenti all’esterno delle cellule polmonari, riesce a penetrare ed a replicarsi all’interno dell’organismo umano. La presenza della proteina estranea innesca la risposta del sistema immunitario contro il virus.

ReiThera Srl, società con sede a Castel Romano, ideatrice del vaccino, è stata costituita nel 2014 da un gruppo di ricercatori italiani che avevano ideato l’utilizzo dell’adenovirus dello scimpanzé come “navicella” su cui innestare il materiale genetico necessario per realizzare vaccini contro malattie infettive come Epatite C, malaria, virus respiratorio sinciziale, ed Ebola.

VAIA: «VACCINO SPALLANZANI PRONTO IN PRIMAVERA»

«A noi interessa che il vaccino sia efficace. Se tutto avviene nei tempi programmati, il nostro auspicio è che sia prodotto in primavera» ha spiegato il direttore sanitario dello Spallanzani, Francesco Vaia. «Il primo volontario a cui stamattina è stata inoculata la dose di vaccino verrà tenuto in osservazione per 4 ore da una équipe, poi tornerà a casa e verrà monitorato per 12 settimane – ha aggiunto -. Mercoledì proseguiremo con altri due volontari e così a seguire tutti gli altri fino a 24 settimane». La seconda e terza fase saranno poi probabilmente spostate in America Latina, dove «il virus è in crescita» e sarà più facile trovare l’ambiente richiesto.

IPPOLITO: «GIOCARE SUI TEMPI DEL VACCINO NON UTILE»

Anche il direttore scientifico dello Spallanzani, Giuseppe Ippolito, ha ribadito la necessità di almeno «24 settimane per completare la fase I» del vaccino. Tempi tecnici e assolutamente necessari, ha tenuto a ribadire. «Giocare sui tempi e ridurre la sperimentazione non è utile. L’Italia con questo vaccino entra da protagonista nella guerra dei vaccini, non per arrivare prima ma per arrivare meglio e mettere il Paese in un sistema di parità», sono state le parole di Ippolito.

«Perché avere un vaccino italiano significa non essere schiavi e servi di altri Paesi che diranno “io prima”», ha proseguito, garantendo la scrupolosità del progetto targato Spallanzani.

LA PRIMA VOLONTARIA È UNA DONNA DI 50 ANNI

«Sono emozionata e orgogliosa. Spero di poter essere utile al nostro popolo», sarebbero state queste le prime parole della volontaria cui la prima dose del vaccino è stata inoculata. Altri 90 seguiranno l’iter della donna nelle prossime settimane. «Mi auguro – ha aggiunto la 50enne – che la mia disponibilità potrà essere d’aiuto per salvare vite e che le persone siano sempre più responsabili per non mettere a rischio se stessi e gli altri».

SPERANZA: «INTELLIGENZE ITALIANE AL SERVIZIO DELLA SFIDA»

Soddisfazione anche dal ministro della Salute, Roberto Speranza. Espressa tramite un post sulla sua pagina Facebook. «Una notizia importante – scrive – oggi è iniziata la sperimentazione sull’uomo del vaccino italiano. Le intelligenze e la ricerca del nostro Paese sono al servizio della sfida mondiale per sconfiggere il Covid».

Articoli correlati
Vaccino Covid, Rezza: «Per ora non ai bambini. Pfizer funziona contro forme gravi»
Una conversazione con Ippolito e Rezza al Forum Risk Management della Sanità 2020 sul vaccino Pfizer in arrivo e sul futuro della prevenzione in Italia. Quando arriverà il turno dei giovani? Ci sono dei rischi?
Che cosa abbiamo imparato dalla pandemia secondo il Presidente ISS Brusaferro
Intervenuto al Forum Risk Management in Sanità, il Presidente dell'Istituto Superiore di Sanità spiega come è stato gestito il rischio coronavirus. Ippolito (Spallanzani): «Servono forte gestione centrale e una Rete nazionale malattie infettive»
di Tommaso Caldarelli
Covid, Ippolito (Spallanzani): «Primi risultati vaccino italiano soddisfacenti»
Ippolito (Spallanzani): «A breve - prosegue - avremo anche i dati dei volontari di età superiore a 65 anni, e potremo così pianificare con ReiThera le fasi 2 e 3 della sperimentazione, in linea con i tempi stabiliti»
«L’Europa sia pronta alle epidemie del futuro». L’appello degli scienziati guidati da Ippolito (Spallanzani)
Firmato da Giuseppe Ippolito, riunisce 15 esperti da Europa e Stati Uniti. Si chiede di riflettere sui fallimenti dell'epidemia e preparare un nuovo sistema di allerta precoce
Guida ai test per diagnosticare Covid-19. Spallanzani “boccia” i salivari (per ora)
Quali e quanti sono i test per la diagnosi di Covid-19? Le differenze tra molecolari, antigenici e sierologici. Sui salivari ancora dubbi dall'Istituto Spallanzani: le due soluzioni esaminate avrebbero dei difetti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»