Salute 17 Agosto 2020 11:00

Covid-19, registrato il primo vaccino cinese

Basato sulla tecnica dell’adenovirus vettore di versione ricombinata del coronavirus, il vaccino cinese potrebbe essere prodotto velocemente su larga scala

Covid-19, registrato il primo vaccino cinese

Dopo quello russo, è stato registrato anche il primo vaccino cinese contro il Covid-19. Il brevetto è stato concesso dall’Amministrazione nazionale per la proprietà intellettuale, rende noto l’agenzia ufficiale Xinhua, citando il Quotidiano del popolo. A farne richiesta erano state insieme l’Accademia per le scienze militari e CanSino Biologics.

Il vaccino cinese è stato sviluppato da un gruppo di ricercatori guidato da Chen Wei, dell’Istituto di medicina militare. Basato sulla tecnica dell’adenovirus vettore di una versione ricombinata del coronavirus. Sono state completate le fasi 1 e 2 della sperimentazione, che è iniziata lo scorso marzo. Da allora, il vaccino ha dimostrato di indurre una risposta immunitaria e di non avere effetti tossici. Può essere prodotto velocemente su larga scala, si assicura.

Articoli correlati
Cina: milioni di persone in lockdown senza cibo e medicine
Decine di milioni di persone sono bloccate in Cina a causa di lockdown estesi. I residenti denunciano carenze di beni di prima necessità
Vaccinazione pediatrica flop? L’Italia dona dosi alla Tunisia
La vaccinazione pediatrica non decolla. Fino ad oggi sono stati vaccinati poco più del 35% dei bambini 5-11 anni. Su 6.726.393 dosi disponibili, ne sono state usate 2.595.995. L'Italia dona 150mila dosi alla Tunisia
Miocardite, il rischio è più alto con infezione Covid che con vaccino
Uno studio britannico conferma che il rischio miocardite è 11 volte più alto dopo un'infezione Covid-19 rispetto alla vaccinazione. «Vaccinatevi senza paura», dice Ciro Indolfi presidente della Società italiana di cardiologia
A che punto siamo con i vaccini anti-Covid aggiornati?
I vaccini anti-Covid aggiornati sono attesi per il prossimo autunno. Ma ancora nessuno è stato autorizzato e il «più aggiornato» deve ancora essere sottoposto ai test clinici
Langya: il nuovo virus che viene dalla Cina
Identificati 35 casi, nessuno letale, in 4 anni. Gli studiosi dell’University of Hawaii di Honolulu avvertono: «I cambiamenti climatici aggraveranno del 58% l’impatto delle malattie infettive già note sugli esseri umani». Avanzano anche un’ipotesi estrema, ma non impossibile: lo scongelamento del permafrost potrebbe rimettere in circolazione agenti patogeni del tutto sconosciuti al sistema immunitario umano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi