Sanità internazionale 30 Giugno 2020 14:44

Cina, primo vaccino per i militari. Oms manda un team per trovare l’origine di Covid-19, mentre si parla di un nuovo virus

Il primo vaccino cinese viene somministrato ai militari, su cui la sperimentazione durerà un anno. Ma non è sicuro che il prodotto sarà poi commercializzato. Intanto, un virus simile alla suina è stato trovato nei maiali da allevamento

Cina, primo vaccino per i militari. Oms manda un team per trovare l’origine di Covid-19, mentre si parla di un nuovo virus

Arriva il primo vaccino ed è per l’esercito cinese. L’azienda di Hong Kong CanSino, che lo ha sviluppato con l’Istituto di biotecnologia di Pechino, ha ricevuto l’ok dalla Commissione Militare centrale. La prima distribuzione su larga scala ai soldati in Cina è iniziata lo scorso 25 giugno, anche se il numero di persone a cui sarà somministrato non è stato reso noto. Il vaccino ha riferito un «profilo di sicurezza buono» e sembrerebbe avere il potenziale per prevenire Covid-19. CanSino sarà impegnata con i soldati per un anno, ma ha fatto sapere che in caso di risultati positivi non potrà garantire la commercializzazione del prodotto.

All’interno del prodotto si trovano un adenovirus, ovvero un virus benigno, e un frammento di dna artificiale. Quest’ultimo contiene le istruzioni per fabbricare la proteina Spike, la cui caratteristica forma dà il nome ai coronavirus. Da questa si genera la risposta immunitaria del corpo di chi riceve il vaccino. Il prodotto di CanSino ha saltato la cosiddetta “fase 3”, ovvero la sperimentazione su un numero molto alto di persone, e punta ad abbreviarla con la distribuzione a persone in generale sane e in ottima forma.

LEGGI ANCHE: VACCINO, SPERANZA: «NESSUNO DEVE MAI RESTARE ESCLUSO»

TEAM OMS IN CINA

Nel frattempo, durante l’ultima conferenza stampa, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha fatto sapere che la prossima settimana invierà un team ad indagare l’origine del coronavirus. Tedros Adhanom Ghebreyesus ha specificato che «conoscere l’origine del virus è molto, molto importante». E poi: «Potremo rintracciare meglio il virus quando sapremo tutto su di lui, incluso come è iniziato. Manderemo un team la prossima settimana per prepararci per questo».

Il discorso del direttore generale dell’Oms è iniziato con una previsione molto negativa. «Il peggio deve ancora arrivare – ha sentenziato, dopo aver esposto i dati -. Mi dispiace dirlo ma con questo ambiente e in queste condizioni, noi temiamo il peggio. Un mondo diviso aiuta il virus a diffondersi». La soglia di 10 milioni di contagiati e oltre 500 mila morti dovrebbe «farci riflettere sui progressi che abbiamo fatto e le lezioni che abbiamo imparato, e raccomandare a noi stessi di fare tutto il possibile per salvare vite».

Ghebreyesus ha ricordato che quella da Sars-CoV-2 potrebbe di certo non essere l’ultima pandemia. Pochi giorni dopo dalla Cina è arrivato un nuovo inquietante allarme. Sembra che un nuovo ceppo di influenza, identificato da scienziati cinesi e britannici, potrebbe avere il “potenziale” di scatenare una nuova epidemia. Per ora resta solo un’ipotesi, ma il virus è recentemente emerso perché veicolato dai maiali e in grado di infettare l’uomo.

LEGGI ANCHE: OMS CAMBIA I CRITERI PER USCIRE DALL’ISOLAMENTO: 3 GIORNI SENZA SINTOMI. ANDREONI (TOR VERGATA): «PUO’ RIVELARSI PERICOLOSO»

UNA NUOVA MINACCIA

Si teme che un’ulteriore mutazione di G4 EA H1N1 – questo il nome – possa renderlo trasmissibile da uomo a uomo e quindi innescare quella che è stata la storia del coronavirus con cui il mondo sta lottando. I ricercatori hanno parlato di un problema non immediato, ma hanno richiesto un «attento monitoraggio». Su Proceedings of National Academy of Sciences hanno espresso la necessità di implementare rapidamente le misure per controllare il virus nei suini e un attento monitoraggio dei lavoratori del settore. Ci sono infatti prove di una recente infezione in persone che lavoravano nei macelli e nell’industria dei suini in Cina.

L’ultima influenza pandemica – la suina del 2009 – è stata meno letale di quanto inizialmente si era temuto, soprattutto perché molte persone anziane avevano una forma di immunità al virus, probabilmente a causa della sua somiglianza con altri patogeni influenzali circolati in precedenza. Quel virus, chiamato A/H1N1pdm09, è fra quelli presenti ancora oggi nel vaccino antinfluenzale annuale. Il nuovo ceppo influenzale identificato in Cina è simile all’influenza suina del 2009, ma con alcune differenze. Finora, non ha rappresentato una grande minaccia, ma secondo il gruppo di Kin-Chow Chang è fra quelli da tenere d’occhio.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Cina: milioni di persone in lockdown senza cibo e medicine
Decine di milioni di persone sono bloccate in Cina a causa di lockdown estesi. I residenti denunciano carenze di beni di prima necessità
Langya: il nuovo virus che viene dalla Cina
Identificati 35 casi, nessuno letale, in 4 anni. Gli studiosi dell’University of Hawaii di Honolulu avvertono: «I cambiamenti climatici aggraveranno del 58% l’impatto delle malattie infettive già note sugli esseri umani». Avanzano anche un’ipotesi estrema, ma non impossibile: lo scongelamento del permafrost potrebbe rimettere in circolazione agenti patogeni del tutto sconosciuti al sistema immunitario umano
Vaiolo delle scimmie, cresce emergenza e ora 1 italiano su 3 lo teme
L'Oms ha dichiarato che il vaiolo delle scimmie è un'emergenza sanitaria globale. Sono stati registrati 17mila casi in 70 paesi. l'Italia è fra i 10 paesi più colpiti e forse per questo 1 italiano su 3 ammette di avere paura
Obesità in Europa al 59% negli adulti. Chianelli (AME): «Non è una questione di volontà, è una malattia e va curata»
Secondo l’ultimo Rapporto europeo sull'obesità regionale dell'OMS 2022 l'obesità ha raggiunto "proporzioni epidemiche" in Europa. L'organizzazione mondiale della sanità, dopo la presentazione del suo ultimo report mostra che la malattia sta causando 200.000 casi di cancro e 1,2 milioni di decessi all'anno
di Stefano Piazza
World Health Day. Inquinamento killer, Miani (SIMA): «Ogni anno, uccide 13 mln di persone nel mondo»
I dati OMS: 9 persone su 10 respirano aria inquinata, 3,6 miliardi di individui non dispongono di servizi igienici adeguati, 2 miliardi non hanno acqua potabile. Il presidente della SIMA: «In Italia, le patologie cardiovascolari sono la prima causa di morte per inquinamento»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 settembre 2022, sono 615.090.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.536.966 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi