Sanità internazionale 16 Giugno 2020 12:26

L’Ecuador ha l’indice di mortalità più alto dell’America Latina. Ma la città di Cayambe, con i suoi metodi indigeni, registra zero decessi

La storia di Cayambe, la comunità indigena che si è isolata dal Covid-19. Un coprifuoco di 13 ore al giorno in cui nessuno può entrare o uscire dalla città e punizioni all’antica per chi infrange il regolamento. I morti sono ancora zero

L’Ecuador ha l’indice di mortalità più alto dell’America Latina. Ma la città di Cayambe, con i suoi metodi indigeni, registra zero decessi

L’Ecuador è uno degli Stati più colpiti dal Covid-19, con l’indice di mortalità per milione di abitanti più alto di qualsiasi altro Paese in America Latina. A questi dati preoccupanti fa eccezione una particolare comunità indigena: quella di Cayambe, su cui ha messo luce Al Jazeera. La lotta al virus per loro è un prosieguo dell’eterna battaglia per la sopravvivenza, fatta di antichi e nuovi metodi che stanno funzionando.

Cayambe è una cittadina situata nella parte settentrionale della regione, nella provincia del Pichincha dominata dall’omonimo vulcano. Per secoli è stato il centro di rifornimento di prodotti agricoli per la vicina Capitale, Quito. Ma rispetto al resto del Paese, sembra rappresentare un mondo a parte. All’ingresso della città oggi si può trovare un cartello intagliato nel legno. “Comunità in quarantena“, si legge.

Ci sono 132 check-point attorno a tutti i possibili punti di ingresso alla città. Qualsiasi mezzo debba entrare viene completamente disinfettato. La comunità indigena controlla gli arrivi e le partenze, sia dei veicoli che delle persone a piedi. Sono pochissimi i soggetti esterni alla comunità ammessi. C’è, inoltre, un coprifuoco rigidissimo tra le 2 di pomeriggio e le 5 di mattina, in cui nessuno può uscire o entrare dalla città. Per qualsiasi necessità bisognerà aspettare l’indomani.

LEGGI ANCHE: BRASILE, LA STRAGE DEL COVID-19 IN AMAZZONIA. HIRATA (MSF): «È TRA LE REGIONI CON IL MAGGIOR NUMERO DI MORTI»

«Bisogna capire che le comunità indigene hanno una loro filosofia di vita», ha spiegato il sindaco di Cayambe, Guillermo Churuchumbi. «Abbiamo le nostre tradizioni – ha continuato – e il nostro linguaggio. La nostra visione che si lega strettamente all’eterna lotta per un posto in cui vivere e continuare a prosperare. Che oggi dobbiamo preservare dalla pandemia con la stessa forza».

Particolari sono anche le “punizioni” per chi infrange il coprifuoco o si comporta irresponsabilmente. Quella che gli abitanti di Cayambe chiamano «la giustizia indigena». Da 8 a 16 ore di lavori socialmente utili, di qualsiasi genere. Dalla pulizia delle strade, a quella delle stalle e dei bagni pubblici. Una specie di “epifania morale”, che porta i colpevoli a sentirsi imbarazzati di fronte alla comunità tutta. Spesso anche la polizia affida dei piccoli criminali alla squadra di sicurezza cittadina, per la stessa punizione.

I risultati sono sbalorditivi. Nella comunità di Cayambe, che conta 120 mila persone, non c’è stato nemmeno un morto per coronavirus. Un unicum nel Paese dal primato più terribile in Sud America: quello del tasso di decessi. Tuttavia, se Cayambe non sta soffrendo le difficoltà sanitarie della pandemia, sta certamente affrontando quelle economiche.

LEGGI ANCHE: COVID-19, LA SVEZIA PAGA IL PREZZO DEL LOCKDOWN SOFT. IL RACCONTO DI UN MEDICO ITALIANO: «TURNI DI 60 ORE E SELEZIONE DEI PAZIENTI DA SALVARE»

L’esportazione e il commercio di rose sono la fonte remunerativa più quotata nella zona. L’80% della comunità indigena vive con quei guadagni. Con il lockdown praticamente contemporaneo in tutte le zone del mondo, tuttavia, i loro prodotti non sono stati richiesti e per buona parte sono andati sprecati. Sono ancora molto pochi i carichi ripartiti con i prodotti dei roseti di Cayambe.

«Ma la nostra vita profuma ancora di rose, finché vinciamo il virus», dicono gli abitanti della città.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Estensione Green Pass, depressione, fine vita e commissione d’inchiesta su origine Sars-CoV-2 nella settimana in Parlamento
Attesa per l’esame in commissione Affari costituzionali del Senato del decreto legge che estende il Green Pass ai luoghi di lavoro. A Montecitorio in discussione due mozioni: una per la cura delle cerebrolesioni e una per potenziare gli strumenti per la diagnosi e la cura della depressione
di Francesco Torre
Liste d’attesa e fondi a Regioni per recupero prestazioni sanitarie, Cittadinanzattiva: «Disomogeneità e poca trasparenza»
Le PA sono state interpellate su emanazione del piano regionale per il recupero delle liste d'attesa e fondi previsti, programmi/azioni per il recupero delle liste d'attesa, numero prestazioni effettivamente recuperate e ancora da recuperare
Il vaccino anti-Covid può causare infertilità?
Una delle preoccupazioni alla base della resistenza di molte persone alla vaccinazione anti-Covid riguarda le presunte ricadute sulla fertilità maschile. Uno studio del dipartimento di Urologia della University of Miami Miller School of Medicine prova a dare una risposta
Biobanche, Lavitrano (BBMRI Italia): «Ecco come funzionano e a cosa servono»
«Incoraggiamo una sinergia tra le Biobanche di ricerca e quelle terapeutiche, affinché il materiale biologico donato a scopi terapeutici, e non utilizzato, possa essere destinato alla ricerca»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 ottobre, sono 240.692.909 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.898.901 i decessi. Ad oggi, oltre 6,61 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?