Sanità internazionale 24 Agosto 2020

Nessuno si fida del vaccino di Mosca. Nemmeno i medici russi

Secondo molti “una mossa politica” più che una soluzione alla pandemia. Il vaccino russo ha ricevuto l’approvazione prima di iniziare i controlli randomizzati e i professionisti sanitari non vogliono farne uso

Immagine articolo

Da qualche settimana Vlamir Putin e i suoi funzionari, con grande clamore, hanno annunciato l‘approvazione del vaccino russo contro Covid-19. Aggiungendo di avere almeno un miliardo di dosi pronte per essere lanciate, per mettere il punto fine alla pandemia peggiore del secolo. Tuttavia, il resto del mondo sembrerebbe aver ignorato lo Sputnik V – questo il nome del vaccino – bollandolo come poco sicuro.

Convinzioni che i funzionari russi, specie il ministro della Salute Mikhail Murashko, hanno definito «totalmente infondate». Anzi, in una conferenza stampa Murashko ha parlato proprio di «concorrenza e vantaggi competitivi percepiti dai colleghi stranieri». Sul New York Times invece, l’avventura russa con il vaccino viene bollata come una semplice “mossa politica”. E a giustificare questa convenzione ci sarebbero i dubbi proprio dei medici autoctoni.

SPUTNIK V, FUNZIONA?

Ma come è possibile che, mentre gli altri vaccini entrano solo ora nelle fasi cliniche, lo Sputnik V sia già pronto? Semplice, perché ha saltato tutti i test con controlli randomizzati ed estesi. Ovvero le fasi necessarie per assicurare sia sicurezza che efficacia del prodotto. Dunque non solo è potenzialmente pericoloso, ma non sappiamo neppure se funzioni davvero.

Così gli scienziati di tutto il mondo si sono finalmente trovati d’accordo su qualcosa: l’aspra critica del prodotto russo. Ma dall’interno chi ha realizzato il vaccino – l’Istituto Gamaleya con il direttore Aleksandr Gintsburg – ha definito il respingimento del proprio prodotto «una lotta per la quota di mercato». Mentre uno degli investitori, Kirill Dmitriev, ha siglato: «Siamo certi di avere il vaccino migliore, più testato ed efficace al mondo».

LE FASI DI SVILUPPO DI UN VACCINO

I vaccini attualmente più avanzati vengono da Moderna (Usa), Oxford/AstraZeneca (UK) e Cina. Anche quest’ultima ha di recente registrato un vaccino, realizzato da e per i militari. Ma della sua composizione si sa ancora molto poco e non sembra che per ora sia destinato al commercio.
Dopo le prime due fasi, che testano il prodotto su piccoli gruppi di persone per verificarne la risposta immunitaria, si dà l’avvio a un’ultima lunga fase. Qui il vaccino viene somministrato a decine di migliaia di persone con un placebo, per verificare il suo funzionamento come prevenzione. Quest’ultima fase evidenzia anche gli effetti collaterali e verifica se il vaccino indebolisce il soggetto rendendolo più vulnerabile, invece che più forte contro la malattia. La Russia ha prima approvato il vaccino e solo ora ha iniziato la fase avanzata dei test.

Dmitriev ha giustificato questo gesto come una decisione degli scienziati. Lo Sputnik V sarebbe stato realizzato con lo stesso approccio di un vaccino contro l’Ebola che ha avuto successo. In più, pochi mesi prima della pandemia, si erano trovati a esaminare negli studi clinici un vaccino per una sindrome respiratoria causata da un altro coronavirus. Per ora, la Russia sta trattando per esportare il suo prodotto e autorizzarne la produzione in 20 paesi. Tra cui Brasile, Cuba e Arabia Saudita.

CHE NE DICONO I MEDICI RUSSI?

Il Ministero della Salute ha però insistito per inviare le prime dosi agli operatori sanitari e agli insegnanti russi. Ma i medici si sono mostrati riluttanti. Anche i sindacati hanno invitato gli iscritti a non prendere il vaccino. In un sondaggio online solo il 24% dei medici partecipanti ha affermato di sentirsi sicuro nell’utilizzare Sputnik V. Per contro, Putin ha assicurato di averlo già inoculato in sua figlia. Nel mentre il presidente del comitato etico del Ministero della Salute, dottor Aleksandr Chuchalin, si è licenziato e ha rifiutato di commentare.

Tutti sembrano pensare che la motivazione politica abbia accecato il governo e affrettato l’approvazione di un prodotto ben lontano dall’essere pronto per tutti. Anastasia Vasilyeva, direttrice del sindacato Doctor’s Alliance, ha commentato: «I medici non sono stupidi, sanno cosa può fare un medicinale non testato».

Articoli correlati
L’India ha comprato 100 milioni di dosi del vaccino russo anti-Covid
L'annuncio da una società farmaceutica autoctona: l'India avrà il vaccino russo Sputnik V quando le sperimentazioni di Fase 3 saranno finite. Forse per fine anno le prime dosi
Come si raggiunge l’immunità di gregge? L’ipotesi dei matematici parla di una forma imperfetta e forse più vicina
Il New York Times raccoglie alcune ricerche di immunologi e matematici. L'immunità di gregge potrebbe già sussistere all'interno di singole comunità e basterebbero numeri inferiori al 70% globale
Covid, «Italia da paria a esempio per gli altri Paesi». L’editoriale del New York Times
Jason Horowitz, firma del New York Times, ha realizzato un reportage che spiega come l’Italia è riuscita a passare, «dopo un inizio incerto, dall’essere un paria globale ad un modello – per quanto imperfetto – di contenimento virale per i Paesi vicini e per gli Stati Uniti»
New York Times: «Perché l’America di Trump non può fare come l’Italia? Su Covid ci fanno vergognare»
Paul Krugman si scaglia contro l'amministrazione Trump: «Ci si riferisce spesso all'Italia come "il malato d'Europa"; America, questo cosa fa di noi?»
Medici sfruttati, Danielle Ofri (New York Times) a Sanità Informazione: «Ecco tre consigli ai colleghi italiani…»
ESCLUSIVA | La dottoressa Danielle Ofri dell’ospedale Bellevue di New York è l’autrice dell’editoriale sullo sfruttamento dei medici e dei professionisti sanitari che, tradotto da Sanità Informazione, è stato condiviso da oltre 50mila persone. Le abbiamo chiesto tre consigli e perché, secondo lei, i problemi di chi lavora nella sanità statunitense sono così simili a quelli che affrontano i medici italiani...
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...