Salute 16 Settembre 2020 14:01

L’India ha comprato 100 milioni di dosi del vaccino russo anti-Covid

L’annuncio da una società farmaceutica autoctona: l’India avrà il vaccino russo Sputnik V quando le sperimentazioni di Fase 3 saranno finite. Forse per fine anno le prime dosi

L’India ha comprato 100 milioni di dosi del vaccino russo anti-Covid

Il fondo sovrano russo e una società farmaceutica indiana hanno siglato un accordo per la distribuzione in India di 100 milioni di dosi del candidato vaccino russo contro Sars-Cov-2. Le consegne di Sputnik V potrebbero aver luogo già a fine anno, previa approvazione delle autorità regolatorie indiane e il completamento con successo della sperimentazione, come si legge in un comunicato congiunto.Russian Direct Investment Fund (Rdif) e Dr Reddy’s Laboratories Limited collaboreranno anche nelle sperimentazioni cliniche in India, aggiunge la nota.

Sputnik V si basa su una piattaforma di vettori adenovirali umani e si trova ora in fase di sperimentazione clinica. Gv Prasad, amministratore delegato di Dr Reddy’s Laboratories Limited, ha fatto sapere che le prime due fasi del trial clinico sul vaccino hanno mostrato risultati promettenti. La fase 3 verrà condotta dall’azienda in India. Per garantire la sicurezza e l’efficacia nella popolazione indiana e per soddisfare i requisiti regolatori locali, ha aggiunto Prasad

L’EMERGENZA IN INDIA

L’India si trova in un momento particolarmente difficile dal punto di vista sanitario. Da giorni segna i numeri più alti di nuovi contagi al mondo, da poco sono stati superati i 5 milioni di positivi e le morti sono più di 82 mila. Insieme a Usa e Brasile è in cima alle classifiche dell’emergenza e le misure di contenimento mostrano difficoltà.

Il vaccino russo ha fatto molto discutere dopo l’annuncio sul suo completamento ad agosto da parte delle autorità. I test su larga scala, infatti, non erano ancora stati completati quando il presidente Vladimir Putin ne ha lodato la registrazione da parte del team dell’istituto di ricerca Gamaleya. Il premier russo è stato il primo a testimoniare la sicurezza del prodotto, affermando di averne predisposto l’inoculazione in una delle figlie. Consigliato ai medici russi, ha ricevuto ancora poche adesioni per la mancanza dei test randomizzati.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

 

Articoli correlati
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
A Delhi più di 49°C, paura per effetti del caldo su anziani e bambini
Un'intensa ondata di caldo sta investendo l'India settentrionale con temperature che hanno raggiunto il record di 49,2°C in alcune parti della capitale, Delhi. Preoccupanti i rischi per la salute delle fasce di popolazioni più fragili
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa