Salute 20 Luglio 2020 17:15

Covid, primo studio su The Lancet: il vaccino di Oxford «innesca una forte risposta immunitaria»

I primi risultati su 1.077 adulti sani mostrano risultati promettenti. Per il 90% è stata sufficiente una sola dose per sviluppare anticorpi neutralizzanti, febbre e mal di testa gli effetti collaterali. Gilbert (Oxford): «Ancora molto lavoro da fare»

Covid, primo studio su The Lancet: il vaccino di Oxford «innesca una forte risposta immunitaria»

Buone notizie dal Regno Unito. Il vaccino contro Covid-19 sviluppato dall’Università di Oxford con l’italiana Irbm sembra sicuro per l’essere umano e in grado di innescare una risposta immunitaria. I risultati, pubblicati su The Lancet, mostrano il responso della prima fase di sperimentazione sull’uomo. I test condotti su 1.077 adulti sani hanno mostrato come l’iniezione abbia dato il via alla produzione di anticorpi e cellule T che possono combattere il coronavirus.

«Segnali promettenti» li ha definiti Sarah Gilbert, una delle studiose del progetto. Anche se è ancora presto per sapere se ChAdOx1, questo il nome del vaccino di Oxford, sarà in grado di offrire protezione sufficiente a tutti. Per cui il prodotto si avvia a una terza prova che includerà un numero molto più alto di persone e test incrociati.

Il vaccino è costruito intorno a un “vettore virale“. Ossia un virus simile per caratteristiche a quello che si vuole sconfiggere ma senza l’elemento di aggressività, in quanto geneticamente modificato. Nel caso di ChAdOx1, si tratta di un virus che provoca il raffreddore negli scimpanzé. Cui è stata aggiunta la proteina Spike che il coronavirus utilizza come “porta d’ingresso” per invadere le cellule umane. Con questo metodo, il sistema immunitario viene a contatto con un virus che somiglia a Sars-CoV-2 e, contemporaneamente, impara a contrastarlo.

Su Lancet, lo studio (che ha avuto il plauso del Ministro Speranza) ha mostrato come a 14 giorni dalla somministrazione del vaccino le cellule T abbiano raggiunto il picco. Queste ultime sono un tipo di globuli bianchi che stimola il sistema immunitario, in accordo con gli anticorpi, che invece hanno raggiunto il picco dopo 28 giorni. Il 90% delle persone coinvolte nella sperimentazione ha sviluppato anticorpi neutralizzanti dopo una sola dose di vaccino. A 10 persone ne sono state necessarie due, ma poi anche loro hanno sviluppato le difese necessarie.

Il vaccino sembra sicuro, ma ci sono alcuni effetti collaterali. Il 70% delle persone che si sono sottoposte alla somministrazione ha poi sviluppato mal di testa o febbre. Per i ricercatori, tuttavia, si potrebbe facilmente gestirli con paracetamolo. «C’è ancora molto lavoro da fare – ha concluso la dottoressa Gilbert – prima di poter confermare se il vaccino di Oxford aiuterà a gestire la pandemia di Covid-19, ma questi primi risultati sono promettenti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Miocarditi post vaccino, Simedet: «Eventi rari, vantaggi superano rischi. Opportuno monitorare andamento»
«Tra le ipotesi più probabili, per questa rara reazione flogistica, è quella che i vaccini a mRNA indurrebbero un’eccessiva quantità di autoanticorpi» spiega il professor Claudio Di Veroli, Vicepresidente del Comitato Scientifico della SIMEDET
Covid-19, Cittadini (Aiop): «Obbligo vaccinazione personale sanitario scelta giusta per uscire da emergenza»
«Il Governo si appresta ad adottare provvedimenti giusti per affrontare, in maniera risolutiva, la crisi pandemica. Con la previsione, contenuta nel decreto legge che entrerà in vigore dopo Pasqua, dell’obbligo di vaccinazione per tutto il personale sanitario, altrimenti sanzionabile e di uno scudo penale per coloro che somministreranno il vaccino, si adottano due importanti norme […]
Vaccini in farmacia, il no di ALS: «Deriva del ‘task shifting’, così si umilia la classe medica»
L’Associazione Liberi Specializzandi contesta l’accordo che consente di somministrare i vaccini in farmacia senza la presenza di un medico: «Viene legittimato dallo Stato il Dottor Google a tutti gli effetti»
Vaccini, Regimenti (Lega): «Incontro tecnico con Commissione Ue per fare luce su contratti con case farmaceutiche»
«La decisione di Austria e Danimarca di voler collaborare con Israele per i vaccini di seconda generazione e di non fare più affidamento, in futuro, sull'Ue dimostra la necessità di riorganizzare la strategia europea sui vaccini», spiega l'europarlamentare della Lega
Covid-19, UNID Lazio: «Ecco i volti degli Igienisti dentali, operatori sanitari dimenticati dal piano vaccinale della regione»
«Riteniamo doveroso e giusto essere considerati come operatori ad alto rischio quindi in diritto di essere vaccinati al più presto» si legge in una nota dell'Unione Nazionale Igienisti Dentali del Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 maggio, sono 527.841.227 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.284.538 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...