Lavoro 18 Maggio 2022 09:00

Formazione ECM, sanità territoriale e intesa pubblico-privato. La ricetta di D’Amato per non sprecare il PNRR

Sanità Informazione ha chiesto all’assessore alla Sanità del Lazio D’Amato cosa ci ha insegnato la pandemia e come utilizzare al meglio i fondi in arrivo dall’Europa

Sinergia tra sanità pubblica e privata, così come fatto durante i periodi più difficili della pandemia. E poi formazione delle nuove leve della sanità ma anche aggiornamento continuo per chi nel Ssn lavora già da tempo. Sono questi gli elementi su cui punta l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato, per fare in modo che i fondi in arrivo con il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza non vadano sprecati. Sanità Informazione lo ha incontrato in occasione della Tavola Rotonda sul PNRR organizzata da AIOP Lazio.

Assessore D’Amato, cosa abbiamo imparato dalla pandemia? Cosa dobbiamo fare con le risorse del PNRR per non ritrovarci in situazioni come quella che abbiamo vissuto?

«Dalla pandemia abbiamo imparato che dobbiamo rafforzare il territorio e lavorare uniti in maniera trasversale, superando ogni logica di “silos”, di vincolo e di tetti. Credo che l’esperienza del Covid ci insegni proprio questo».

In quest’ottica, come devono collaborare sanità pubblica e privata?

«Come hanno collaborato durante la pandemia. Se il Lazio è stato un modello è perché la gestione del Covid è avvenuta in sinergia in tutte le fasi: da quella acuta ospedaliera delle terapie intensive ai tracciamenti, dai tamponi ai vaccini. Ecco, questo modello deve essere replicato».

Lei ha parlato di formazione. Con le risorse in arrivo con il PNRR ci saranno tantissime innovazioni sia a livello di digitalizzazione che ti telemedicina e via dicendo. Quanto è importante formare adeguatamente il personale sanitario per fare in modo che queste innovazioni non vengano perse?

«Il capitale umano è la prima cosa. Per cui dobbiamo puntare sui giovani medici, infermieri e professionisti sanitari. Ecco perché chiediamo uno sforzo importante di integrazione al sistema formativo per acquisire nuove specializzazioni. Soprattutto riguardo alla digitalizzazione e, soprattutto, riguardo alla medicina territoriale. Ecco, credo che questa sia la sfida che avremo dinnanzi nei prossimi mesi».

E per chi non è più così giovane ed è uscito dalle scuole di specializzazione già da tempo, cosa si può fare?

«In questo caso vanno utilizzati i corsi di formazione continua ECM, soprattutto per l’utilizzo delle nuove tecnologie e della digitalizzazione che ci poterà progressivamente a fare un salto nel futuro molto importante».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Donne in Sanità: studiano di più ma emergono di meno
Al via la seconda edizione di iWIN, l’hub per ricerca e innovazione a livello mondiale, fondata per affrontare le questioni dell’uguaglianza di genere. Rubulotta (anestesista): «La biotecnologia, disegnata per il 68% da ingegneri uomini, è usata nel 70% da giovani donne infermiere e medici impegnati al letto del malato»
Sanità, Parente (Iv): «Bene standard per assistenza territoriale ma servono assunzioni e formazione personale»
«Senza medici, infermieri e personale socio-sanitario e senza la formazione le nuove case di comunità sono destinate a restare delle scatole vuote» mette in guardia la presidente della commissione Igiene e Sanità del Senato
Sanità di prossimità: quale sarà il ruolo del farmacista?
Mandelli (FOFI): «Alcuni testi normativi sanciscono nuove funzioni per i farmacisti, in parte assunte durante l’emergenza, ma per il futuro ancora più estese e di natura strutturale. Saranno sempre di più i corresponsabili del raggiungimento di alcuni imprescindibili obiettivi di salute pubblica come l’incremento delle coperture vaccinali e la prevenzione con riguardo alle malattie non trasmissibili»
Rivoluzione digitale in Sanità, la Campania ai blocchi di partenza nonostante le difficoltà
«La pandemia ha scaldato i motori dell’innovazione, ora sotto con la sfida del PNRR»
Liste d’attesa, la proposta CIMO-FESMED per recuperare 22 milioni di ore di assistenza l’anno
Il sindacato: «Dedicare le 4 ore a settimana previste per attività non assistenziali a prestazioni mediche aggiuntive per abbattere le liste d’attesa, prevedendo una retribuzione extra-contrattuale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali