Salute 9 Maggio 2022 17:08

PNRR e case della salute, Aiop Lazio le boccia: «Pazienti preferiscono il PS. Pochi investimenti in formazione»

Secondo la presidente Faroni, il Piano nazionale di ripresa e resilienza «corre esclusivamente su binari di tipo edilizio. Le risorse andrebbero spese per i pazienti, non per le strutture»

Un no deciso quello di Aiop Lazio al PNRR così come è stato scritto. Secondo i rappresentanti dell’ospitalità privata, infatti, la carenza di attenzione verso la formazione del personale sanitario (presente e futuro) e la realizzazione delle case della salute non andrebbero nella direzione auspicata. Ne abbiamo parlato con la presidente Veronica Jessica Faroni.

Presidente Faroni, ci può dire in poche parole come Aiop Lazio vede il PNRR e come dovrebbe essere sfruttato per essere un’opportunità e non un rischio?

«Attualmente non lo vediamo positivamente perché corre esclusivamente su binari di tipo edilizio, senza pensare assolutamente a quelle che sono le necessità del paziente. Non si sa chi andrà ricoverato, non si sa come mantenere queste strutture. Noi siamo sempre a disposizione. Sia nel pubblico che nel privato sono stati tagliati posti letto che potevano essere riutilizzati. A cosa serve andare a costruire o riesumare strutture che avranno sicuramente dei costi di manutenzione eccessivi? Spendiamo queste risorse per i pazienti, non per l’edilizia…».

Per quanto riguarda le case della salute, invece, qual è il giudizio di Aiop Lazio su come sono state pensate?

«Le case della salute diciamo hanno già dimostrato che non danno quella risposta che ci aspettavamo. Il paziente potrebbe andare nella casa della salute ma preferisce andare in pronto soccorso, ovvero in un qualcosa di multidisciplinare più organizzato».

Nel PNRR ci sarà ci saranno tante innovazioni, sia a livello di telemedicina che digitalizzazione. La formazione del personale è adeguata oppure si dovrà fare qualcosa per renderlo capace di seguire al meglio tutte queste innovazioni?

«C’è una grande lacuna sulla formazione. Sono previsti degli interventi ma c’è si è investito poco sull’ università e, in generale, su quella che poi è la vera risorsa del paese, per l’appunto la formazione».

Per quanto riguarda invece la formazione continua, chi si è specializzato anni fa si ritroverà ad avere a che fare con innovazioni che non facevano parte del suo corso di studi. È una lacuna che si deve in qualche modo colmare…

«C’è un aumento delle borse delle scuole di specializzazione che dovrebbe comportare un aumento di specialisti. Il problema, però, è che se non viene cambiato il concorso nazionale si tratta di uno spreco di risorse e di borse di studio».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Milano, cittadini contro la Casa di Comunità: «No alla cattedrale nel deserto»
Raccolte 6000 firme dal Comitato Bonola per esprimere il malcontento a Regione Lombardia sulla Casa di Comunità che dovrebbe sorgere tra i palazzi di via Ugo Betti. La vicepresidente: «Mancano i medici di base e il terreno su cui dovrebbe sorgere la Casa di Comunità attende la bonifica dall’amianto»
Digital medicine, i 4 passi prima del decollo: inserimento nei Lea, monitoraggio d’efficacia, 4G e digital assistant
Cicchetti (ALTEMS): «È necessario che ogni prestazione digitale sia inserita nel tariffario dei LEA così da garantirne la rimborsabilità attraverso il Sistema Sanitario Nazionale. La commercializzazione degli strumenti di Digital Medicine, senza le procedure di rimborsabilità e di prezzo, espone tali tecnologie all’acquisto discrezionale da parte delle Regioni e delle ASL, senza assicurare l’unitarietà di accesso per tutti i cittadini»
Medicina territoriale, Cavicchi: «DM71 è una controriforma, non si può spaccare il medico di famiglia a metà»
Il professore di Sociologia delle organizzazioni sanitarie contesta la riforma dell’assistenza sanitaria territoriale in atto e mette in guardia dal rischio privatizzazione: «L’obiettivo è quello di mandare in pensione il medico di medicina generale pubblico e di sostituirlo con delle agenzie private, tremo all’idea»
di Francesco Torre
ECM, Leoni (Fnomceo): «Prima responsabilità verso il paziente. Per deontologia e per legge»
L’intervista a tutto tondo a Sanità Informazione: «Formazione ECM uno stimolo ogni giorno. Investire sul personale medico e infermieristico, riprogrammare le risorse per la sanità territoriale. Bisogna considerare la sanità come un investimento e non come un costo in termini di salute dei cittadini»
Sanità di prossimità: quale sarà il ruolo del farmacista?
Mandelli (FOFI): «Alcuni testi normativi sanciscono nuove funzioni per i farmacisti, in parte assunte durante l’emergenza, ma per il futuro ancora più estese e di natura strutturale. Saranno sempre di più i corresponsabili del raggiungimento di alcuni imprescindibili obiettivi di salute pubblica come l’incremento delle coperture vaccinali e la prevenzione con riguardo alle malattie non trasmissibili»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...