Lavoro 4 Maggio 2022 17:41

PNRR e Case della comunità: la sanità privata non le vuole

Vietti (ACOP): «Le case e gli ospedali di comunità, senza un’adeguata programmazione degli investimenti, rischiano di diventare delle cattedrali nel deserto. Per rinforzare l’assistenza territoriale meglio investire sulle strutture sanitarie (private-convenzionate) già esistenti»

Dirottare i finanziamenti previsti dal PNRR dalla realizzazione di ospedali e case della comunità al restyling delle strutture (private-convenzionate) già esistenti. È questa la proposta lanciata dai vertici dell’Associazione Coordinamento Ospedalità Privata (ACOP) al Governo italiano, affinché il Piano di Ripresa e Resilienza non si trasformi in un’occasione persa per la sanità pubblica del Paese. «Le case e gli ospedali di comunità, senza un’adeguata programmazione degli investimenti, rischiano di diventare delle cattedrali nel deserto», spiega il presidente ACOP, Michele Vietti.

Case di comunità: cattedrali nel deserto

Il PNNR prevede la costruzione di quasi 1.300 case della comunità, circa una ogni 40-50 mila abitanti, entro il 2026. «Se è chiaro quanti soldi dovranno essere investiti per la costruzione di queste strutture sanitarie – continua Vietti -, non è altrettanto evidente quali professionisti vi lavoreranno e che tipologia di pazienti accederà. Gli investimenti previsti nella Missione Salute, la numero 6, del PNRR non sono accompagnati da alcuna programmazione di spesa e strategia complessiva, mancano finanziamenti per l’assunzione di nuovo personale e per la riorganizzazione del settore della prevenzione».

Chi pagherà i costi di gestione?

La costruzione è solo il primo passo. «Una volta realizzati, ospedali e case e della comunità andranno gestiti. E per farlo serviranno circa 3-4 miliardi all’anno», dice Emmanuel Miraglia, membro del comitato esecutivo Acop e presidente del gruppo Giomi. Ma gli ostacoli non finiscono qui: «Pur ipotizzando di riuscire a reperire i finanziamenti adeguati alla gestione di queste strutture sanitarie territoriali, chi vi lavorerà, considerando che in Italia c’è carenza sia di medici che di infermieri?», aggiunge Miraglia. Ci vorrà ancora qualche anno, almeno 4 o 5, prima che si possano raccogliere i frutti delle oltre 30 mila borse di specializzazione in medicina finanziate dall’attuale Governo. Fino ad allora i medici specialisti in Italia continueranno ad essere ancora troppo pochi.

Puntare sulla sanità privata

«Procedere ad un restyling delle strutture già esistenti è, nell’immediato, l’unica soluzione possibile», assicura Vietti. Si risolverebbero molti problemi in un’unica mossa: «I consigli regionali non litigherebbero più sul luogo migliore dove costruire nuove strutture sanitarie, si eviterebbe la realizzazione di edifici inutili che rischierebbero di restare vacanti e si avrebbe a la disponibilità immediata di personale già formato», aggiunge il presidente ACOP.

Governo-sanità privata: serve una strategia comune

«Negli ultimi dieci anni – continua Michele Vietti – abbiamo assistito a tagli per 33 mila posti letto, l’annullamento del relativo personale ospedaliero e ad una riduzione di 37 miliardi della spesa in sanità. Per questo, per garantire a tutti i cittadini italiani, in tutte le Regioni, pari accesso a cure e prestazioni, ci auguriamo che il Governo coinvolga il settore privato per elaborare una strategia comune e attuare le riforme dei modelli di salute previsti e garantiti dalla Costituzione. Non possiamo perdere la grande occasione offerta dal PNRR – conclude Vietti – di ridisegnare la sanità del nostro Paese in chiave moderna e di prossimità».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nel 2050 SSN non sostenibile senza interventi, nuovo report
La sanità pubblica non sarà sostenibile se non ci saranno interventi di correzione rispetto alle attuali dinamiche socio sanitarie. Questo è quanto emerso dal rapporto Meridiano Sanità realizzato da The European House - Ambrosetti e presentato a Roma
PNRR, l’allarme: «Con vincoli ad assunzioni rischio che Case di Comunità non abbiano sufficiente personale»
Il Presidente della Commissione Sanità del Consiglio del Regionale del Lazio, Rodolfo Lena, spiega: «Dobbiamo dare gambe importanti al PNRR». E aggiunge: «C’è carenza di alcuni professionisti: al San Giovanni a un concorso per il Pronto soccorso si sono presentati solo 65 medici per 169 posti. Serve l’abolizione del numero chiuso»
Oscar sanità: oltre 200 candidature, a novembre i vincitori
Partecipazione record alla quinta edizione del Lean Healthcare Award, gli Oscar della sanità italiana. Più di 200 candidature da oltre 90 strutture pubbliche e private distribuite in tutte le regioni italiane. I vincitori saranno proclamati il prossimo 10 novembre
di Redazione
Long Covid, dopo 12 mesi crescono solo i sintomi psichiatrici
Uno studio tutto italiano condotto per 12 mesi denuncia un aumento dei sintomi psichiatrici. La Sinpf denuncia «una situazione difficilissima per la psichiatria italiana alle prese con un drammatico calo di risorse, strutture, personale e completamente dimenticata dal PNRR»
PNRR e nuove sfide in sanità: la centralità del ruolo dell’infermiere
«Le risorse in arrivo con il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza comportano una serie di sfide che dobbiamo affrontare nell’ottica di una nuova, organizzata ed efficiente integrazione socio-sanitaria. Integrazione che non è poi così scontata»
di Barbara Mangiacavalli (Presidente Fnopi)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 febbraio 2023, sono 671.921.477 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.845.807 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...