Giovani 10 Dicembre 2020 13:19

Giovani medici dagli atenei ai reparti Covid. Buonauro (OMCeO Napoli): «Impreparati a gestire l’emergenza»

L’allarme del coordinatore dell’Osservatorio giovani medici di Napoli: «La laurea abilitante ha questa grande criticità, e a questo si somma il pasticcio burocratico del blocco dei contratti di specializzazione»

Giovani medici dagli atenei ai reparti Covid. Buonauro (OMCeO Napoli): «Impreparati a gestire l’emergenza»

Scaraventati dietro le linee nemiche, praticamente dall’oggi al domani. Senza armi adeguate per combattere le quotidiane battaglie, quelle necessarie per vincere, definitivamente, la guerra al SARS-CoV-2. È questa la realtà in cui versano oggi molti neolaureati in Medicina, il rovescio della medaglia sull’espediente della laurea abilitante, pur benemerita per rimpolpare le corsie Covid sguarnite di personale. Il grido d’allarme è lanciato dal dottor Agostino Buonauro, coordinatore dell’Osservatorio giovani medici dell’Ordine dei medici di Napoli. Ecco cosa ha spiegato ai nostri microfoni.

Laurea abilitante, il rovescio della medaglia

«Molti giovanissimi medici si sono trovati, con l’iscrizione immediata all’Albo subito dopo la laurea, a passare dalle aule di università ai reparti Covid senza la dovuta preparazione. Un rischio enorme, perché questo virus è spietato. I giovani medici – aggiunge Buonauro – negli ultimi mesi sono stati assunti nelle U.S.C.A. (unità speciali di continuità assistenziale), dove vengono gestiti a domicilio pazienti lievemente sintomatici, ma che spesso  hanno molte comorbilità. Il tutto, spesso senza avere una preparazione ad hoc o una sufficiente manualità per effettuare tamponi oro-faringei. Sono anche stati reclutati per i reparti che accolgono e curano persone sintomatiche al virus SARS-CoV-2, spesso senza un’adeguata formazione, mettendo a rischio la loro salute e quella dei pazienti. Penso ad esempio alle pratiche di vestizione e svestizione, che necessitano di competenze specifiche per essere condotte in sicurezza. Si tratta di reparti ad alta specializzazione, dove è rischioso impiegare personale neolaureato».

Il pasticcio dei contratti di specializzazione

Ma non sono solo questi i problemi che attanagliano oggi i giovani medici. Come sottolinea Buonauro «c’è anche la questione del blocco dei contratti di formazione specialistica. Sappiamo che, fortunatamente, quest’anno le borse di specializzazione sono sensibilmente aumentate, pur non arrivando ancora a coprire completamente la domanda. Dopo il concorso, che si è svolto a settembre, ci sono stati dei ricorsi, alcuni legittimi altri no, da parte dei concorrenti sia su alcune specifiche tecniche del bando, sia sulla formulazione di due domande del concorso. Tutto ciò – continua Buonauro – ha rallentato la pubblicazione delle graduatorie nazionali e quindi l’assegnazione dei contratti, nonostante i colleghi abbiano già potuto esprimere le loro preferenze. Ad oggi, il Tribunale amministrativo ha posto come data il 15 dicembre, tuttavia – conclude – 22mila ragazzi si trovano ad avere già scelto una specializzazione ma, di fatto, non vi è ancora stata l’assegnazione ufficiale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, Gelli: «Sia esteso Green pass anche al personale scolastico»
«Il Paese deve farsi trovare pronto alla riapertura delle scuole» dichiara Federico Gelli. Poi, sui vaccini: «Prodotti altamente sicuri»
Attacco hacker, Ue preoccupata: «Sanità sempre più nel mirino». Danni a professionisti e pazienti
Quella che poteva sembrare una storia locale e di breve durata si sta dimostrando un problema molto più grosso che interessa anche l’Unione europea. In ballo ci sono dati sensibili, il lavoro degli operatori sanitari e la salute dei cittadini
Israele, casi in aumento: il «bollettino più preoccupante da inizio marzo». Restrizioni allo studio
Secondo i dati del Ministero della Salute, il 42% dei pazienti in condizioni gravi non è vaccinato contro Covid-19
Covid-19, con l’introduzione delle ‘zone’ evitati 25mila ricoveri solo nel primo mese
È questo il risultato principale di uno studio congiunto tra Fondazione Bruno Kessler, Istituto Superiore di Sanità e INAIL pubblicato sulla rivista Nature Communications
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 agosto, sono 200.242.092 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.257.056 i decessi. Ad oggi, oltre 4.27 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva