Giovani 10 Dicembre 2020 13:19

Giovani medici dagli atenei ai reparti Covid. Buonauro (OMCeO Napoli): «Impreparati a gestire l’emergenza»

L’allarme del coordinatore dell’Osservatorio giovani medici di Napoli: «La laurea abilitante ha questa grande criticità, e a questo si somma il pasticcio burocratico del blocco dei contratti di specializzazione»

Giovani medici dagli atenei ai reparti Covid. Buonauro (OMCeO Napoli): «Impreparati a gestire l’emergenza»

Scaraventati dietro le linee nemiche, praticamente dall’oggi al domani. Senza armi adeguate per combattere le quotidiane battaglie, quelle necessarie per vincere, definitivamente, la guerra al SARS-CoV-2. È questa la realtà in cui versano oggi molti neolaureati in Medicina, il rovescio della medaglia sull’espediente della laurea abilitante, pur benemerita per rimpolpare le corsie Covid sguarnite di personale. Il grido d’allarme è lanciato dal dottor Agostino Buonauro, coordinatore dell’Osservatorio giovani medici dell’Ordine dei medici di Napoli. Ecco cosa ha spiegato ai nostri microfoni.

Laurea abilitante, il rovescio della medaglia

«Molti giovanissimi medici si sono trovati, con l’iscrizione immediata all’Albo subito dopo la laurea, a passare dalle aule di università ai reparti Covid senza la dovuta preparazione. Un rischio enorme, perché questo virus è spietato. I giovani medici – aggiunge Buonauro – negli ultimi mesi sono stati assunti nelle U.S.C.A. (unità speciali di continuità assistenziale), dove vengono gestiti a domicilio pazienti lievemente sintomatici, ma che spesso  hanno molte comorbilità. Il tutto, spesso senza avere una preparazione ad hoc o una sufficiente manualità per effettuare tamponi oro-faringei. Sono anche stati reclutati per i reparti che accolgono e curano persone sintomatiche al virus SARS-CoV-2, spesso senza un’adeguata formazione, mettendo a rischio la loro salute e quella dei pazienti. Penso ad esempio alle pratiche di vestizione e svestizione, che necessitano di competenze specifiche per essere condotte in sicurezza. Si tratta di reparti ad alta specializzazione, dove è rischioso impiegare personale neolaureato».

Il pasticcio dei contratti di specializzazione

Ma non sono solo questi i problemi che attanagliano oggi i giovani medici. Come sottolinea Buonauro «c’è anche la questione del blocco dei contratti di formazione specialistica. Sappiamo che, fortunatamente, quest’anno le borse di specializzazione sono sensibilmente aumentate, pur non arrivando ancora a coprire completamente la domanda. Dopo il concorso, che si è svolto a settembre, ci sono stati dei ricorsi, alcuni legittimi altri no, da parte dei concorrenti sia su alcune specifiche tecniche del bando, sia sulla formulazione di due domande del concorso. Tutto ciò – continua Buonauro – ha rallentato la pubblicazione delle graduatorie nazionali e quindi l’assegnazione dei contratti, nonostante i colleghi abbiano già potuto esprimere le loro preferenze. Ad oggi, il Tribunale amministrativo ha posto come data il 15 dicembre, tuttavia – conclude – 22mila ragazzi si trovano ad avere già scelto una specializzazione ma, di fatto, non vi è ancora stata l’assegnazione ufficiale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccini anti-Covid: cosa si intende per “evento avverso”?
L’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) spiega cosa sono gli eventi avversi (AEFI - Adverse Event Following Immunization) e perché è importante studiarli
L’appello di Conte alla Camera: «Momento delicato, servono costruttori». Sulla pandemia: «Rivendico scelta di tutelare salute»
Il Presidente del Consiglio è intervenuto a Montecitorio. Un passaggio è stato dedicato alle risorse destinate alla sanità: «21 miliardi per potenziare l'assistenza ospedaliera e territoriale, valorizzare e assumere il personale e investire nella formazione»
Il patentino vaccinale su una app. E così chi non è immune al Covid non potrà viaggiare
Mentre continua la discussione sul patentino vaccinale, sono allo sviluppo molte app che certificano lo stato di avvenuta vaccinazione: compagnie aeree e altri business sono pronte a implementarle
di Tommaso Caldarelli
Vaccini, Fials: «Patentino di immunità per chi opera in reparti sensibili»
«Ricorrere all’obbligo è sempre un po’ una sconfitta della ragione»
Ritardi Pfizer, l’Italia a dosi ridotte. Preoccupa la variante brasiliana: Speranza blocca i voli
A causa di un ritardo nelle consegne del vaccino Pfizer verranno distribuite il 29% di dosi in meno, annuncia Arcuri. Tagli maggiori per Lombardia, Emilia Romagna e Veneto. Intanto l'Italia chiude al Brasile, la nuova variante cerca di sfuggire agli anticorpi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 gennaio, sono 95.077.677 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.031.599 i decessi. Ad oggi, oltre 39,47 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...