Salute 13 Luglio 2022 12:43

Zuccarelli (OMCeO Napoli): «Sanità a rischio collasso, subito quarta dose e assunzioni»

«Tra Covid-19 e fuga dagli ospedali pubblici il personale è all’osso. Rischiamo un autunno drammatico»

Il vero nodo su cui investire per la sanità del futuro? Le risorse umane. “Perché possiamo avere 30 Ferrari pronte a correre, ma se non ci sono piloti, le Ferrari restano in garage”. A fare questo paragone calzante, che ben dipinge le enormi potenzialità della sanità italiana che rischia tuttavia il collasso sotto il peso del personale mancante, è Bruno Zuccarelli, presidente dell’OMCeO di Napoli, intervistato dalle telecamere di Sanità Informazione. Che ci parla anche della necessità di ripensare contenuti e modalità dell’aggiornamento continuo in medicina, per una formazione più fruibile e insieme più al passo coi tempi, ma anche dell’importanza di mettere al sicuro dal Covid-19 una categoria già profondamente in sofferenza: gli operatori sanitari.

Presidente, lei è stato molto chiaro in questi giorni: quarta dose subito per gli operatori sanitari…

«Assolutamente sì, non c’è stata indicazione specifica da parte del Ministero della Salute però ritengo che sia auspicabile. Mediamente un operatore sanitario ha fatto l’ultima dose ad ottobre: gli anticorpi stanno decadendo e la memoria immunitaria è un po’ più pigra, ma abbiamo un dato incontrovertibile: il 10-15% degli operatori sanitari in questo momento è positivo sintomatico. La situazione non è clinicamente drammatica come in passato perché abbiamo gli antivirali e gli anticorpi monoclonali, ma significa comunque ognuno di questi operatori resta fermo per 10 giorni, A chi dice che l’economia è ferma vorrei chiedere: ma le giornate di lavoro che queste persone perdono non sono comunque un colpo per l’economia? Ok la vita di relazione e sociale, ma comunque con prudenza, cioè tornando all’uso delle mascherine al chiuso, altrimenti potremmo scontare conseguenze serie. L’anno scorso l’impennata estiva dei contagi è arrivata ad agosto, quest’anno abbiamo iniziato un mese prima, se continuiamo così cosa succederà in autunno?»

Attualmente abbiamo il 30-40% di medici in meno. Quanto ancora potrebbe andare in affanno la sanità pubblica in particolare gli ospedali?

«Tutta la sanità pubblica è in grandissima sofferenza, l’altro dato preoccupante è che moltissimi medici decidono di andare in pensione anticipatamente perchè non ce la fanno più. Questo è un SOS  sul quale dobbiamo essere attenti altrimenti rischiamo di collassare nella medicina pubblica sempre più in difficoltà: medici di medicina generale, medici del 118, medici che vincono i concorsi per le strutture pubbliche ma si dimettono per andare nel privato. Davvero la sanità pubblica è a rischio collasso».

Intanto però in questi giorni si parla di PNRR e di assunzioni…

«Programmazione e pianificazione sono sacrosante. In Campania abbiamo perso oltre diecimila operatori sanitari e dobbiamo assolutamente recuperare. Mi piace usare un paragone: possiamo avere 30 Ferrari, ma se non abbiamo i piloti, le Ferrari restano in garage. Abbiamo bisogno di professionisti di qualità: oggi abbiamo la chirurgia robotica, bioingegneria e un livello della ricerca altissimo, e per fare tutto questo la risorsa essenziale è quella umana».

C’è bisogno di sempre più competenza e formazione. È necessario alzare il livello di quest’ultima anche considerando che la pandemia ci ha insegnato quanto non si finisca mai di imparare?

«Sì, è necessaria una revisione critica degli ECM dopo diversi anni di osservazione e correggerli di conseguenza. Non voglio giustificare i colleghi che hanno tralasciato l’aggiornamento continuo per pigrizia e indolenza, ma dobbiamo anche considerare che l’emergenza pandemica si è tradotta in un carico di lavoro abnorme per i colleghi che spesso non hanno avuto il tempo materiale di formarsi. Oggi come oggi se voglio partecipare ad un evento formativo, mi consentono di assentarmi da un turno ospedaliero in cui sto probabilmente sostituendo un collega assente a sua volta? La risposta è ovviamente no».

Se ne dovrà quindi tener conto quando a breve arriveranno i dati del COGEAPS su quanti colleghi hanno ottemperato all’obbligo di ECM?

«Ci sono state diverse proroghe e si è quindi lasciato il tempi ai colleghi di cercare di recuperare. Continuo però a dire che veniamo da un periodo durissimo e che quindi parliamo di una sanità diversa da quella di dieci anni fa quando si è programmato sugli ECM. É un discorso che andrebbe ricalibrato e ristrutturato alla luce di questi eventi, fermo restando il dovere di essere al passo coi tempi in materia di formazione, perché il mondo della scienza si evolve di continuo».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La Sanità è diventata un bene di lusso, cresce l’impoverimento delle famiglie
Secondo il 19° Rapporto del CREA Sanità "al Ssn servono 15 miliardi per non aumentare il distacco dal resto dell’UE, personale carente e sottopagato. Rispetto ai partner EU, il nostro Paese investe meno nella Sanità, aumenta la spesa privata ed è a rischio l’equità del sistema". Digitalizzazione necessaria per le “nuove cronicità"
Sanità italiana divisa a metà: 29 milioni di italiani in difficoltà con le cure
La sanità italiana sempre più divisa in due con ben 29 milioni di italiani che potrebbero avere serie difficoltà. Le performance sanitarie per il 2023 vedono infatti otto tra Regioni e Province autonome promosse, sette rimandate e sei bocciate. Sono i risultato del rapporto «Le performance regionali» del Crea Sanità, Centro per la ricerca economica applicata in sanità, presentato oggi a Roma
Se (e quando) fare la quarta dose dopo essere stati positivi al Covid?
Continuare a vaccinarsi contro Covid-19 rimane la strategia più efficace per proteggersi dal rischio di sviluppare una forma grave della malattia. Lo spiega a Sanità Informazione il virologo Fabrizio Pregliasco
Quali criteri deve adottare il Provider in riferimento alla sponsorizzazione commerciale?
Gli eventi possono essere sponsorizzati, mediante apposito contratto, da imprese commerciali operanti anche in ambito sanitario purché ciò non influenzi i contenuti formativi dell’evento. Non è consentito indicare lo sponsor commerciale nell’esposizione dei contenuti formativi, se non indicando il logo dello Sponsor prima dell’inizio e dopo il termine dell’evento. Lo sponsor può essere coinvolto nella […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...