Lavoro 28 Giugno 2022 18:38

I giovani, le donne, e un contratto “rivoluzionario”. Al 25° Congresso Anaao tracciata la road map della sanità del futuro

Abolire il gender gap, promuovere i diritti LGBT, aumentare retribuzioni e ferie. Il PNRR? La digitalizzazione non distolga dall’investimento sul capitale umano

La sicurezza e le condizioni di lavoro negli ospedali, un contratto nuovo non solo sulla carta, e ancora i giovani e le donne all’interno del servizio sanitario nazionale e all’interno di una squadra, il sindacato, coeso più che mai per valorizzare la professione. Questi, insieme alla questione del finanziamento pubblico e alle nuove sfide del PNRR, tra i temi al centro del 25° Congresso Nazionale Anaoo Assomed, in corso in questi giorni a Napoli, al grido di “né angeli né eroi”, ma protagonisti attivi e riconosciuti della sanità che verrà.

Le criticità attuali

La tre giorni partenopea ha evidenziato la necessità di operare una serie di riforme, non più rinviabili, per tutelare da un lato medici e dirigenti sanitari, incentivandoli a non abbandonare la sanità pubblica e, di riflesso, per migliorare la qualità dell’assistenza fornita all’utenza. Questo perché tra un numero esorbitante di ore di lavoro straordinario, che si sommano a ferie non pagate e a una retribuzione non adeguata, i professionisti si trovano a fare i conti non solo con l’impossibilità di provvedere al proprio aggiornamento professionale, ma con un vero e proprio aggravarsi delle proprie condizioni psicofisiche.

La ricetta di Anaao

Come correggere il tiro? Tra i punti principali della “ricetta Anaao” per il rinnovo del CCNL 2019/2021, tenendo conto degli spunti introdotti dal PNRR anche a livello europeo, troviamo: una maggiore valorizzazione economica, attraverso finanziamenti aggiuntivi adeguati, una remunerazione più gratificante per le attività più disagiate e pericolose, una rotazione dei dipendenti che lavorano in reparti ad alto rischio di burn-out per limitarne il rischio di insorgenza, una ridefinizione dei carichi di lavoro, la defiscalizzazione di alcune voci accessorie, la valorizzazione della leadership femminile e un lavoro costante per l’abolizione del gender gap, la previsione di strumenti contrattuali per facilitare l’assistenza ai familiari, un maggiore investimento nell’attività sindacale come trait d’union tra organizzazione e amministrazione.

Sicurezza sul lavoro e diritti sociali

«Il nuovo contratto parte dalle reali esigenze dei dirigenti medici e sanitari, esigenze che sono anche figlie di un blocco contrattuale ultradecennale – ha dichiarato alle nostre telecamere Maurizio Cappiello. Direzione nazionale Anaao Assomed -. L’ultimo rinnovo ha sanato solo in parte questi aspetti legati all’evoluzione del nostro ruolo. Oggi i nostri colleghi chiedono migliori condizioni di lavoro, rivalutazione professionale e la possibilità di conciliare i tempi di lavoro con la vita personale e familiare. Altro tema fondamentale – ha aggiunto Cappiello – la sicurezza sul luogo di lavoro in un momento che ci vede costantemente vittime di aggressioni e, il riconoscimento dei diritti dei medici LGBT relativi al supporto psicologico per il coming out e il diritto di essere riconosciuti in base all’identità di genere dagli stessi percepita».

Investire su risorse umane prima che infrastrutture

«Investire sul professionista prima ancora che sulle infrastrutture, ma non solo in termini economici ma di qualità del lavoro. Il 30% dei medici oggi scegli di non far parte della sanità pubblica, è assolutamente necessario correggere il tiro» ha osservato Pierino Di Silverio, Esecutivo Nazionale Anaao Assomed.

Colmare il gender gap su retribuzioni e incarichi di lavoro

«Il contratto non fa differenza di genere nella retribuzione, ciononostante in busta paga ci sono delle voci accessorie che risentono di quest’aspetto, legato soprattutto alla disparità lampante nella distribuzione degli incarichi tra uomini e donne e al tempo di lavoro – denuncia Alessandra Spedicato, Capo Delegazione Anaao Assomed in FEMS -. È vero, le donne medico usufruiscono maggiormente di congedi parentali e della legge 104 per assolvere anche al loro ruolo familiare e domestico, ma oggi – ha aggiunto – è impensabile ritenere la retribuzione ancora così ancorata al tempo materiale di lavoro e non alla professionalità, alle competenze, e alla capacità di dare cura, anche in virtù del fatto che andiamo verso il 70% di forza lavoro in sanità al femminile».

Il PNRR non distragga dall’investimento sul capitale umano

«Il PNRR prevede una serie di rinforzi indirizzati soprattutto nella digitalizzazione, ma è chiaro che tutte queste innovazioni organizzative e tecnologiche possono essere, se gestite al meglio, declinate in una maggiore assistenza al cittadino – ha commentato infine ai nostri microfoni Nino Cartabellotta, presidente Fondazione GIMBE. È importantissimo quindi che questa spinta all’informatizzazione non distolga dall’investimento sul capitale umano. Oggi- ha concluso – abbiamo un’esigenza di uniformare l’assistenza sanitaria sul territorio: colmare i gap di partenza sarà essenziale per non esacerbare ulteriormente le differenze tra regione e regione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Sanità, Cittadini (Aiop): «SSN pilastro fondamentale, Governo lo tuteli»
Secondo la presidente Aiop Cittadini «oltre ai problemi strutturali che affliggono il sistema da anni, la pandemia, la guerra russo-ucraina e la crisi energetica stanno mettendo in grande difficoltà il SSN e più volte abbiamo evidenziato il pericolo che si debba ricorrere al blocco delle prestazioni sanitarie a causa del caro bollette e di una crisi che investe a catena l’intero indotto del settore»
Oltre il 37% dei medici è pronto a lasciare il SSN per lavorare a gettone
Circa 4 medici su 10 sono pronti a lasciare il posto fisso in ospedale per lavorare come gettonisti. È il risultato emerso da un sondaggio flash proposto dalla Federazione CIMO-FESMED ad un campione di 1000 medici. Si rischia di dover celebrare presto il funerale del nostro Servizio sanitario nazionale
di Redazione
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Grandi dimissioni in sanità: nel 2021 via dal Ssn 3mila medici
Migliore (Fiaso): «Per recuperare attrattività bisogna assumere personale e garantire migliori condizioni di lavoro e retribuzioni adeguate. Incentivi per chi lavora nei pronto soccorso»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 3 febbraio 2023, sono 671.338.563 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.838.235 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...