Formazione 28 Giugno 2022 16:27

ECM, a fine mese scade la possibilità di spostamento crediti dai trienni passati

Fino al 30 giugno 2022 sarà ancora possibile spostare i crediti di altri trienni per completare quelli in scadenza. Cosa si può fare per raggiungere l’obbligo formativo

ECM, a fine mese scade la possibilità di spostamento crediti dai trienni passati

Solo pochi giorni alla scadenza del termine utile per spostare i crediti dei corsi ECM dei trienni precedenti e recuperare il debito formativo. Il 1 luglio, salvo interventi ulteriori, non sarà più possibile effettuare questa operazione per i professionisti sanitari.

L’obbligo formativo, e le sanzioni ad esso legate, sono al centro dell’attenzione nella comunità sanitaria. L’intenzione di rispettarlo prosegue anche fornendo ai professionisti la possibilità di spostare crediti dei corsi ECM (fatti entro dicembre 2021) nei trienni precedenti a breve sottoposti a verifica.

La Commissione Nazionale ECM già lo scorso anno aveva prorogato questa possibilità fino al 30 giugno 2022. I crediti utilizzabili per lo spostamento possono solo essere eccedenti all’obbligo individuale. Si possono spostare dal 2020-22 al 2017-19, dal 20-22 al 2014-16, oppure dal 2017-19 al 14-16. Lo spostamento è irreversibile e dunque le partecipazioni non verranno più conteggiate nel triennio in cui sono state originariamente acquisite.

Il COGEAPS in ogni caso provvederà a trasferire d’ufficio i crediti utili a certificare il 2014-16, ma solo nel caso in cui nel 2017-19 i professionisti abbiano avuto crediti in eccedenza all’obbligo individuale. I crediti spostabili devono essere stati effettuati entro dicembre 2021, come specificato, dunque per il 2022 il professionista sanitario dovrà proseguire nell’accumulo dei propri al fine di non trovarsi nella stessa situazione con la scadenza del triennio successivo, nonché di adempiere all’obbligo individuale.

 

Consulcesi Club: il più vasto catalogo di corsi ECM per professionisti sanitari

Il più ampio catalogo di formazione a distanza per medici e operatori sanitari con oltre 250 corsi e 1.000 crediti ECM, 6 collane tematiche e innovativi modelli formativi. Attiva la prova gratuita di 30 giorni, segui i corsi e ottieni i crediti ECM.

Scopri di più

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Scadenza triennio ECM: «Nessuna scusa per chi non ha completato aggiornamento per pigrizia o indolenza»
Mazzacane (Goal): «Lettera Cogeaps è un atto di buona volontà. Gli ordini si adopereranno per informare gli iscritti». Foschi (Cic): «Paradossale che una professione complessa come quella medica abbia un unico momento di “abilitazione”». D’Anna (Onb): «Solo aggiornandosi un operatore sanitario può svolgere al meglio la propria professione»
Formazione ECM, Magi (OMCeO Roma): «Azioni disciplinari per chi non è in regola»
Falcinelli (OMCeO Ravenna): «Compito degli Ordini stimolare gli iscritti e verificare crediti». Lazzari (Cnop): «Aggiornamento continuo essenziale»
Formazione ECM: «Fino a 6 mesi di sospensione per chi non è in regola»
Rossi (OMCeO Milano): «Mancato aggiornamento rischioso da un punto di vista medico legale e assicurativo». Boldrini (Pd): «La formazione continua è diventata ancora più importante con il Covid». Filippini (OPI Varese): «Sarà necessario agire con un sistema punitivo anche se non ci piace»
ECM, i vertici della sanità: «Nessuna proroga. Provvedimenti amministrativi per chi non sarà in regola»
Monaco (FNOMCeO): «Mettersi in regola per evitare sanzioni». Bartoletti (Fimmg): «Dura lex sed lex, se ci sono sanzioni l’Ordine le applica». Amato (OMCeO Palermo): «Nel momento in cui arriveranno le lettere dal Co.Ge.A.P.S dovremo procedere». Mangiacavalli (Fnopi): «No a nuovo allargamento maglie: si svilirebbe il senso della formazione continua»
Zuccarelli (OMCeO Napoli): «Sanità a rischio collasso, subito quarta dose e assunzioni»
«Tra Covid-19 e fuga dagli ospedali pubblici il personale è all'osso. Rischiamo un autunno drammatico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale