Formazione 10 gennaio 2019

Asse Italia-Finlandia per la sicurezza alimentare, Riva (EFSA): «Formazione e tecnologie al centro del nostro progetto europeo»

Il presidente del COCI e membro del Comitato Scientifico di Sanità in-Formazione spiega ai nostri microfoni gli obiettivi del percorso intrapreso con l’Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare: «Fondamentale fare “massa critica” con tutti i Paesi membri e migliorare la preparazione di medici e dentisti»

Educazione, tecnologie avanzate e creazione di una “massa critica” che coinvolga tutte le realtà europee che fanno parte della filiera alimentare. È da questi tre punti che passa una nuova e più completa ricerca di sinergie e consapevolezza verso una questione di fondamentale importanza per i cittadini di tutta Europa: la sicurezza alimentare. «L’alimentazione è alla base di tutto – spiega ai nostri microfoni il professore Franco Riva, membro del Comitato Scientifico del Provider n.2506 Sanità In-Formazione e membro permanente dell’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) –, così come lo sono cultura e benessere. Il progetto che, insieme ad altri esperti come il dottor Marco Ancora, stiamo sviluppando in questi mesi mira proprio a questo: creare un’unione di tutte le realtà europee, sia di chi produce sia di chi poi è chiamato a mettere in pratica questi strumenti».

In che modo? «Educando e formando», appunto. E non solo i cittadini e i pazienti, che sono poi i veri, ultimi utilizzatori di queste pratiche virtuose, ma anche, soprattutto e prima di tutti chi è chiamato a diffondere loro conoscenza teorica e applicazioni concrete: i medici. «La medicina – spiega ancora ai nostri microfoni il professor Riva, che ricopre anche la carica di presidente del Cenacolo Odontostomatologico del Centro Italia (COCI) – non è solo un ‘prodotto’, una cura successiva, ma anche una pratica che dà prima di tutto salute, ed è per questo che vogliamo dare una formazione adeguata a medici e dentisti. Per questo, insomma, vogliamo aiutarli a migliorare».

Strategica in questo progetto è la figura dell’EFSA. Si tratta di un’agenzia europea finanziata dall’Ue ma che opera in maniera indipendente dalla Commissione, dal Parlamento e dagli Stati membri. Istituita nel 2002 a seguito di una serie di crisi alimentari che si sono verificate verso la fine degli anni ’90, l’EFSA è nata ai sensi del regolamento 178/2002 della legislazione alimentare generale, la quale ha creato un sistema europeo di sicurezza alimentare in cui la responsabilità di valutare i rischi e quella di gestirli sono tenute separate. Tra i suoi compiti, in qualità di organismo incaricato della valutazione del rischio, l’EFSA elabora pareri scientifici e consulenza che fanno da supporto alla legislazione e alle politiche europee in tema di catena alimentare. Il suo ambito di competenza comprende: sicurezza degli alimenti e dei mangimi; nutrizione umana; salute e benessere degli animali; protezione e salute delle piante.

Il progetto dunque è ambizioso e vedrà l’adesione di nuovi Paesi nei prossimi mesi. L’occasione per parlarne è stata infatti offerta dall’incontro Italia-Finlandia, organizzato di recente dalla Segreteria Nazionale della Confederazione Italiana di Unione delle Professioni Intellettuali (CIU) di Roma. La CIU è membro da oltre vent’anni del Comitato Economico e Sociale Europeo di Bruxelles (CESE), organo consultivo dell’Unione Europea che raccoglie i rappresentanti delle Organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori e di altri importanti gruppi di interesse diverso. Per la sua composizione, in sostanza, il CESE costituisce l’organizzazione di rappresentanza europea della globalità degli interessi della Società Civile. La conferenza di Roma fa dunque parte di un ciclo dedicato al rapporto tra l’Italia e i Paesi membri dell’Unione Europea ed arriva dopo analoghi incontri con Danimarca e Portogallo. «Oggi – conclude il professor Riva – incontriamo la Finlandia, che in questo momento è uno dei nostri partner più importanti nell’ambito delle tecnologie digitali, nonché una delle mete privilegiate da aziende straniere attirate dalla sicurezza di tutti i suoi prodotti. Ma sono ancora tanti i Paesi da incontrare…».

 

Articoli correlati
La trasformazione digitale nella (e per) la salute pubblica. Gli igienisti nella palestra dell’innovazione
Per costruire una società più sana giocano un ruolo strategico, oltre a big data e intelligenza artificiale, anche altri strumenti digitali come Internet delle cose, blockchain, realtà aumentata e virtuale, e un uso corretto dei social media per campagne di prevenzione realizzate da esperti e in grado di raggiungere la popolazione in modo efficace. Il […]
Agenas, De Lillo presidente ad interim. L’intervista all’ex senatore: «Formazione chiave per rendere assistenza sanitaria più eccellente»
In attesa della nomina del nuovo presidente, prende le redini dell’Agenzia Nazionale per i servizi sanitari Regionali Stefano De Lillo: «Puntiamo su formazione a distanza per rendere efficace la qualità dei servizi»
di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
Medicina generale, Grillo prolunga slittamento graduatorie: «Nessuna borsa andrà perduta»
«Questo provvedimento permetterà di assegnare tutte le borse disponibili per la formazione post laurea in Medicina generale. Nessuna borsa andrà perduta, questo è essenziale per il futuro dei giovani camici bianchi, ma anche per il nostro sistema sanitario» ha specificato il ministro
Rischio clinico, Stella (Agenas): «Per abbatterlo va trasformato il modello formativo dando spazio alla simulazione»
Il componente della Commissione nazionale per la formazione continua: «I professionisti sanitari affrontano sempre più situazioni di alto impegno clinico professionale. Un apprendimento diretto di procedure e metodiche in un ambiente protetto, grazie a manichini e simulatori, consente di ridurre il rischio e aumentare la sicurezza per il paziente»
Manovra, Simmas (massofisioterapisti): «Non è sanatoria, ma permette a professionisti di continuare a lavorare»
Il provvedimento del Governo inserito in legge di Bilancio ha stabilito una deroga per l’iscrizione al maxi Ordine delle professioni sanitarie anche per i professionisti senza titoli che abbiano lavorato almeno per 36 mesi nell’arco di 10 anni. Questa decisione ha suscitato critiche e polemiche da più parti; il SIMMAS (Sindacato italiano massofisioterapisti e massaggiatori sportivi) approva l’emendamento, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano