Salute 14 Novembre 2018

Sicurezza alimentare, Sorice (SIMeVeP): «Etichettatura e tracciabilità fondamentali. Spreco si risolva in donazioni»

Una passeggiata nella filiera alimentare passando dalla tracciabilità alla commercializzazione, fino a giungere al consumo e allo spreco che in alcuni casi – quelli più felici – può risolversi in donazione. Antonio Sorice: «Educare consumatore»

di Arnaldo Iodice e Serena Santi

Etichettatura, trasparenza e controllo della filiera. Sono queste le regole fondamentali per garantire al consumatore la sicurezza della qualità del cibo che si mette in tavola. «Una categoria che vigila costantemente sulla qualità degli alimenti è quella dei veterinari pubblici», a spiegarlo è Antonio Sorice, Presidente SIMeVeP (Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva) intervistato da Sanità Informazione in occasione del 50° Congresso Nazionale Sivemp (Sindacato Italiano Veterinari Medicina Pubblica).

«È importante che il consumatore abbia notizie certe dei prodotti, soprattutto di origine animale. Il primo punto su cui soffermarsi è l’etichettatura: già dire che c’è differenza tra data di scadenza e termine minimo di conservazione è un elemento importante. La data di scadenza non è procrastinabile mentre il termine minimo di conservazione è suggerito ma non vincolante».

Un tema strettamente connesso alla scadenza dei cibi è «la conservazione nelle case e conseguentemente lo spreco: due temi portanti per il sistema della filiera alimentare» prosegue Sorice. «In tutto il mondo si spreca un terzo del cibo prodotto. Per produrre quel cibo si consumano acqua, risorse del territorio e lavoro; parte di questo spreco è provocata dal consumatore stesso che magari non ha troppa accuratezza nel fare la spesa e quindi poi produce rifiuti. Un aspetto altrettanto fondamentale è la corretta gestione del frigorifero di casa: si deve tenere in considerazione la scadenza, consumare quello che è prossimo, riporre negli scomparti più nascosti gli alimenti che scadono più in là con il tempo. Queste sono già delle minime accortezze che il consumatore può mettere in atto».

Proprio perché lo spreco alimentare rappresenta una piaga per la filiera, per l’ambiente e per l’intera società, il riuso e la donazione assumono un ruolo importantissimo: «Per questo nel 2016 è entrata in vigore la legge 166, nota anche come “Legge Gadda”, che allarga il paniere di prodotti che si possono donare per finalità sociali» prosegue Sorice, che sottolinea quanto questa normativa vada anche a semplificare alcune procedure estendendo le agevolazioni fiscali.

«La Legge è stata un passo importante, ma in ogni caso non basta – conclude il Presidente -. Si può fare molto di più cominciando dalla formazione di volontari perché, pur facendo un lavoro encomiabile, è bene che siano ancor più consapevoli per passare un messaggio corretto ai consumatori e aiutare coloro che hanno necessità».

Articoli correlati
Aggressioni ai Veterinari Pubblici, condannate due persone. SIVeMP: «Segnale positivo ma c’è ancora tanto da fare»
Condannate a 8 e 9 mesi di reclusione due persone che nel 2015 avevano preso a calci e pugni un veterinario in un piccolo paese del Leccese. Il veterinario era stato aggredito per aver denunciato un illecito conseguente alla vendita fraudolenta di un cavallo sottoposto a sequestro amministrativo. Gli imputati sono stati condannati per lesioni […]
Nanotecnologia e sicurezza alimentare: opportunità e rischi
di Vitantonio Perrone - Vice Presidente SIMeVeP
di Vitantonio Perrone – Vice Presidente SIMeVeP
Medici Veterinari Campani “precari da sempre” verso la stabilizzazione definitiva. SIVeMP: “Si chiude un capitolo che dura da più di 15 anni”.
“Finalmente la Regione Campania ha fatto la sua parte sottoscrivendo e avviando le procedure per il completamento orario degli Specialisti Ambulatoriali Veterinari ancora non a tempo pieno, in servizio da anni nelle AA.SS.LL. di Caserta e Salerno. Ringraziamo il Presidente De Luca per aver accolto la nostra proposta; siamo felici di aver raggiunto un risultato […]
Ddl aggressioni, continuano le audizioni in Senato. Sumai: «Asl denuncino d’ufficio». SIVeMP: «Veterinari operino in equipe»
Si studiano le misure per fronteggiare l’ondata di violenze contro gli operatori sanitari. Il segretario Sumai Antonio Magi: «Il più delle volte infatti, il medico aggredito non denuncia per vergogna, per rassegnazione, ma anche per paura». Il Fimeuc (Emrgenza – Urgenza): «Serve formare personale per gestire situazioni»
Lavoro, turnover, legge di bilancio. Il punto di Grasselli (SIVeMP): «Situazione allarmante, 40% sanitari in pensione nei prossimi 5 anni»
Tutte le preoccupazioni del Sindacato Veterinari Pubblici espresse nel corso del 50° Congresso Nazionale: «È bene che il Governo ascolti e risponda ai nostri allarmi per il bene del Paese»