Salute 26 Maggio 2022 17:16

Cosa unisce cambiamenti climatici, malattie infettive e crisi alimentari? Il punto di Sorice (Simevep)

A Sanità Informazione, il Presidente della Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva spiega qual è il filo conduttore che unisce tre delle principali problematiche mondiali degli ultimi anni

Qual è il legame tra cambiamenti climatici, malattie infettive e crisi alimentari? Cosa correla tre delle principali problematiche che stiamo vivendo ormai da diversi anni e mai così pressanti in questo momento? L’occasione per parlarne è stata rappresentata dal 51° Congresso Nazionale del Sindacato Italiano Veterinari di Medicina Pubblica, chiusosi da poco a Roma. Abbiamo chiesto ad Antonio Sorice, Presidente Simevep (Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva), di fare il punto della situazione.

Presidente, cosa unisce i cambiamenti climatici, le malattie infettive e le crisi alimentari, temi centrali di questo convegno?

«Malattie infettive, cambiamenti climatici e crisi alimentari sono strettamente correlate. I cambiamenti climatici hanno portato a una diffusione di malattie infettive che non conoscevamo anche nei nostri territori. La proliferazione di malattie infettive che colpiscono sia gli animali che l’uomo porta a delle restrizioni, agli abbattimenti degli animali e a crisi economiche e alimentari che impattano sulla salute pubblica».

In questi giorni si parla molto di peste suina, presente sul nostro territorio nazionale. Quanto è importante la figura del veterinario pubblico per prevenire questo tipo di situazioni?

«La peste suina africana è arrivata in Italia di recente ma noi ne parliamo da anni. Abbiamo allertato le istituzioni di questo pericolo, che imperversava fino a pochi mesi fa in Europa. La figura del veterinario è importantissima perché intercettare il prima possibile positività e focolai sul territorio consente di delimitare le Regioni in cui applicare restrizioni. Questo ci consente di poter esportare i prodotti di carne suina nel mondo, un settore assolutamente fondamentale per la nostra economia».

Cosa fare per limitare la diffusione della peste suina?

«Evidentemente, la peste suina africana ormai ce l’abbiamo sul territorio. Le azioni da mettere in atto sono quelle che sono state previste ma occorre anche un’azione congiunta, integrata di tutti gli attori istituzionali e del territorio. Nelle zone rosse, dove sono stati riscontrati animali infetti, occorre delimitarle con chiarezza. Occorre inoltre un’azione forte di depopolamento su tutto il territorio italiano per contenere più possibile il contagio in quelle regioni in cui sono state riscontrate queste positività».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Non solo peste suina. Grasselli (Sivemp): «Il 70% delle malattie infettive è di origine animale»
Al via il 51° Congresso Nazionale del Sindacato Italiano Veterinari di Medicina Pubblica sui temi di “Agenda 2030 per la Veterinaria Pubblica: malattie infettive, cambiamenti climatici e crisi alimentari”. Il Segretario nazionale: «Cambiamenti climatici fanno migrare animali che portano con sé le loro patologie». Attenzione anche ad antibiotico-resistenza e crisi alimentari (peggiorate dalla guerra)
Emergenza peste suina, l’esperto: «Nessun rischio per l’uomo, ma salto di specie imprevedibile»
È stato individuato il primo caso di peste suina africana a Roma su un cinghiale morto. Marco Melosi, presidente Associazione nazionale medici veterinari italiani: «il virus non colpisce l'uomo, ma con mutazioni genetiche possibile spillover»
Sivemp scrive al Ministro Speranza: «Rischio imminente di inadeguatezza organici veterinari nel Ssn»
di Aldo Grasselli, Segretario Nazionale Sivemp
di Aldo Grasselli, Segretario Nazionale Sivemp
A Bologna si apre il consiglio nazionale FNOVI
Tutto è pronto per l’appuntamento a Bologna dall’8 al 10 aprile prossimo che vedrà riuniti i Presidenti dei 100 Ordini provinciali dei medici veterinari
Influenza aviaria, Ugolini (SIVEMP): «I focolai di Ostia Antica non sono un pericolo per l’uomo»
Il vice-segretario nazionale SIVEMP: «Averli identificati conferma il buon funzionamento del sistema italiano di sorveglianza epidemiologica veterinaria. Quando il virus isolato risulta ad alta patogenicità tutti gli animali presenti nell’allevamento vengono abbattuti e l’ambiente sanificato»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...