Salute 9 Novembre 2021 16:33

Influenza aviaria, Ugolini (SIVEMP): «I focolai di Ostia Antica non sono un pericolo per l’uomo»

Il vice-segretario nazionale SIVEMP: «Averli identificati conferma il buon funzionamento del sistema italiano di sorveglianza epidemiologica veterinaria. Quando il virus isolato risulta ad alta patogenicità tutti gli animali presenti nell’allevamento vengono abbattuti e l’ambiente sanificato»

di Isabella Faggiano
Influenza aviaria, Ugolini (SIVEMP): «I focolai di Ostia Antica non sono un pericolo per l’uomo»

«Non si rischia alcun salto di specie. I focolai di influenza aviaria individuati in alcuni allevamenti avicoli ad Ostia non costituiscono un pericolo per l’uomo. Anzi, averli identificati conferma il buon funzionamento del sistema italiano di sorveglianza epidemiologica veterinaria». È così che Pierluigi Ugolini, vice Segretario Nazionale SIVEMP (Sindacato italiano Veterinari medicina pubblica) commenta a Sanità Informazione la notizia dei focolai individuati oggi nella zona di Ostia Antica.

Focolai ad Ostia: le misure di contenimento

In queste ore, per contenere la diffusione del virus, il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, ha firmato un’ordinanza per l’istituzione di 2 fasce, una di 3 km ed una di 10, rispettivamente di prescrizione e contenimento. La misura coinvolge circa 35 piccoli allevamenti. «Le misure di contenimento – spiega Ugolini – evitano la circolazione del virus verso altre aree. Gli animali non possono né entrare, né uscire dal luogo ritenuto a rischio. Proprio come disposto per i cittadini italiani durante le fasi più critiche della pandemia da Covid-19, quando non era consentito lasciare la zona rossa o accedervi».

I protocolli di azione

I gradi di protezione previsti nel caso venga identificato un focolaio di influenza aviaria sono di diversa entità. Stabiliti i confini della zona a rischio, gli allevamenti che si trovano all’interno di quest’area diventano sorvegliati speciali: «Tanto più un allevamento si trova vicino al focolaio identificato, maggiore sarà la sorveglianza applicata – dice Ugolino -. Eventuali morti sospette di animali allevati anche al di fuori di questa zona saranno comunque valutati con attenzione».

Le sorti dell’allevamento in cui viene identificato un focolaio sono decise in base al grado di patogenicità del virus isolato: «Quando il virus identificato è quello dell’influenza aviaria e la patogenicità risulta molto elevata tutti gli animali presenti nell’allevamento, che siano o meno infetti, vengono abbattuti e l’ambiente sanificato. Va considerato che questo tipo di virus ha un alto grado di trasmissibilità e il tasso di mortalità tra i polli che lo contraggono è del 98%».

E stando alle parole del presidente della regione Lazio quello di Ostia potrebbe essere proprio un focolaio ad alta patogenicità: «È un ceppo grave – ha spiegato il governatore del Lazio all’Ansa -. Un fatto di una certa rilevanza e, per questo, siamo intervenuti in maniera molto tempestiva e rapida con interventi molto rigorosi. Ovviamente c’è un monitoraggio non quotidiano ma ad horam della situazione. L’identificazione di questi focolai è la prova che i controlli servono e funzionano».

Il sistema di sorveglianza in sintesi

Il monitoraggio effettuato ad Ostia, che ha portato all’individuazione del focolaio di influenza aviaria, rientra in un preciso programma. «Il sistema di reti di sorveglianza epidemiologica veterinaria – spiega il vice Segretario Nazionale SIVEMP – previene e controlla le malattie animali, le zoonosi e la sicurezza alimentare. Questo sistema assicura, in via prioritaria, l’identificazione precoce, la diagnosi e la risposta tempestiva in caso di presenza delle malattie animali, comprese le zoonosi. Tali controlli vengono effettuati tutto l’anno, a prescindere dalla stagione in corso, con particolare attenzione alle aree ritenute più a rischio. In regioni come l’Emilia Romagna, la Lombardia e il Veneto, ad esempio, il numero superiori di controlli è giustificato da una maggiore concentrazione di allevamenti».

Sono sottoposte ad una sorveglianza stringente anche le zone più frequentate dagli uccelli migratori che, in alcuni casi, possono veicolare i virus da un allevamento all’altro, anche se situati in luoghi molto lontani tra loro. «Le reti di contenimento ed altri sistemi di sicurezza messi a punto negli allevamenti per evitare l’ingresso di animali esterni (come gli uccelli migratori, ndr), in alcuni casi, possono non essere sufficienti. E per questo – aggiunge il veterinario – si dispongono controlli più intensivi».

Salti di specie: eventi rarissimi (soprattutto in Italia)

I monitoraggi costanti non sono l’unica garanzia di sicurezza. «Anche chi opera all’interno di un allevamento, quotidianamente o saltuariamente, è tenuto a rispettare delle regole ben precise. L’utilizzo di dispositivi individuali di protezione evita che allevatori o visitatori possano portare un virus all’interno dell’allevamento. Se, ad esempio – dice Ugolini -, il virus dell’influenza stagionale, che tipicamente infetta l’uomo in questo periodo dell’anno, dovesse entrare in un allevamento, incontrando un virus tipicamente animale, come quello dell’aviaria, potrebbe generare, dall’incrocio di questi due virus (dell’influenza stagionale umana e dell’influenza aviaria dei polli, ndr), un terzo virus, potenzialmente capace di infettare sia l’uomo che l’animale. E un virus di questo tipo potrebbe essere responsabile di un salto di specie. Un evento rarissimo, soprattutto in Italia dove vigono regole precise e stringenti, ma – conclude l’esperto – (come ci ha insegnato la pandemia da Covid-19) non impossibile».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Intimidazioni ai medici veterinari, Grasselli (FVM): «Fenomeno in clamoroso aumento da anni»
Il commento del Presidente della Federazione Veterinari, Medici e Dirigenti Sanitari dopo l’ennesimo caso a Foggia: «Situazione per noi ormai ingestibile»
Emergenza blue tongue in Sardegna, l’appello di SIVeMP: «Servono più medici veterinari»
L'epidemia causata dalla scarsa disponibilità di vaccini per ovini. Vacca: «Il Covid-19 non ha determinato un cambio di mentalità dei livelli decisionali, che continuano a considerare la prevenzione primaria come il fanalino di coda della sanità»
di Federica Bosco
Aumentano i contagi da SARS-CoV-2 fra gli addetti dei macelli nel mondo. E in Italia?
Grasselli: «In Italia i Servizi Veterinari e i Dipartimenti di Prevenzione hanno fatto bene, nessun focolaio di Covid-19 e la situazione è sotto controllo»
Coronavirus, il contributo dei medici veterinari. Lettera al Ministro
Di seguito la lettera inviata a Al Ministro della Salute, Assessori Regionali alla Sanità, Presidente dell’ISS, Direttori Generali ASL, Direttori Generali IIZZS, Direttori delle Scuole di Veterinaria delle Università, Direttori dei Dipartimenti di Prevenzione delle ASL.   Gentilissimi,             abbiamo atteso qualche settimana prima di decidere di scrivere questa lettera. La drammatica sequenza degli avvenimenti […]
di Aldo Grasselli - Segretario Nazionale Sivemp
Maratona Patto Salute, Grasselli (SIVeMP): «Nessuna traccia di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare»
Oggi alla partenza della Maratona di audizioni del Ministero sul Patto per la salute il Segretario Nazionale SIVeMP Aldo Grasselli ha esordito così rivolgendosi al Ministro della salute Giulia Grillo: “Prendendo la parola in questo consesso sento che tutto, tranne la sua personale cortesia – gentile Ministro Grillo – è contro di me. Si parla […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...