Blockchain, il futuro della sanità 22 Novembre 2018 13:14

Formazione ECM, con la Blockchain certificazione crediti sicura, protetta e trasparente

L’ad di Consulcesi Tech Andrea Tortorella: «Sono necessari nuovi modelli tecnologici per la presa in cura delle persone. Dagli smart contract alla tracciabilità dei farmaci, è la rivoluzione digitale della sanità» 

Il mondo della sanità inizia a mobilitarsi per non perdere il treno della blockchain. A cominciare, è stato l’Istituto Superiore di Sanità, che ha organizzato il convegno “Blockchain in sanità”: medici, ingegneri, tecnici e imprenditori hanno seguito gli interventi degli esperti con curiosità, scoprendo i tanti vantaggi offerti dalla nuova tecnologia. Solo per citarne alcuni, la gestione sicura dei dati dei pazienti, il contributo alla lotta alla contraffazione dei farmaci, la tracciabilità dei dati nell’ambito della ricerca. Ma c’è anche chi propone l’utilizzo della catena dei blocchi per la formazione ECM: consentirebbe di rendere trasparenti, sicure, protette e immodificabili tutte le informazioni legate all’obbligo di aggiornamento continuo di ogni medico.

CLICCA QUI PER ESSERE AGGIORNATO SULLA RIVOLUZIONE BLOCKCHAIN IN SANITA’

 Tra i relatori, è intervenuto anche Andrea Tortorella, CEO di Consulcesi Tech: «La storia del gruppo Consulcesi nel mondo della sanità è ormai pluriventennale. Da un paio di anni, lo spin off Consulcesi Tech, che si occupa di nuove tecnologie, si interessa anche alla Blockchain, declinandola in tutti i suoi aspetti, sanitari e non».

LEGGI ANCHE: BLOCKCHAIN, IL LIBRO “CRIPTO-SVELATE” SPIEGA LA RIVOLUZIONE CHE COINVOLGERÀ ANCHE LA SANITÀ

«L’Italia – prosegue Tortorella – ha il dovere di essere capofila di questa rivoluzione tecnologica, perché il nostro Sistema Sanitario Nazionale è costantemente sotto pressione anche a causa del progressivo invecchiamento della popolazione. Sono quindi necessari nuovi modelli tecnologici per la presa in cura delle persone».

E la Blockchain potrebbe esserne la punta di diamante: «Grazie a questa tecnologia – spiega Andrea Tortorella – si potrà verificare l’identità digitale del paziente, tenere traccia della cronologia delle prescrizioni mediche, delle somministrazioni di farmaci e della relativa assunzione delle terapie. Attraverso gli smart contract, ad esempio l’intero panorama dei dispositivi sanitari indossabili potrebbe compiere un salto di qualità dal punto di vista della protezione dei dati prodotti ad oggi inimmaginabile. A breve, inoltre, convalidare l’identità dei fornitori sanitari e dei farmaci, contrastando così frodi e contraffazioni, sarà una possibilità concreta».

Trattandosi di una tecnologia nuova, tuttavia, è necessario formare nuove figure che sappiano gestire la blockchain, ed è proprio questo uno degli obiettivi che Consulcesi Tech si è posta. Tra le tante iniziative intraprese, c’è infatti un master in “Blockchain ed Economia delle criptovalute”, organizzato insieme alla Link Campus University di Roma: «Sarà lanciato a breve – conclude Tortorella – e fornirà quelle capacità trasversali che sono necessarie per applicare al meglio questa tecnologia nuovissima e pervasiva».

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...