Salute 22 ottobre 2018

Blockchain e filiera farmaco, ecco le declinazioni future in sanità. Tortorella (Consulcesi): «Italia capofila UE»

«Il paziente avrà il pieno controllo dei suoi dati e il medico potrà condividere tutte le informazioni senza limiti fisici o temporali», così Massimo Tortorella, Presidente di Consulcesi group, in occasione della presentazione a Bruxelles del libro ‘Criptosvelate’ scritto a quattro mani con il CEO di Consulcesi tech, Andrea Tortorella

Immagine articolo

«La blockchain sarà il pilastro sul quale poggerà la condivisione dei dati all’interno del Sistema Sanitario Nazionale. Tramite questa «rivoluzione il paziente avrà il pieno controllo delle informazioni sul proprio conto e il medico potrà gestire quei dati in totale sicurezza, in tempo reale, condividendoli con altri professionisti senza limiti fisici o temporali». A spiegarlo con chiarezza è Massimo Tortorella, Presidente di Consulcesi group, network legale leader nella tutela dei medici, che ha scritto – a quattro mani insieme al  CEO di Consulcesi Tech, Andrea Tortorella –  il libro “Cripto-Svelate. Perché da Blockchain e monete digitali non si torna indietro” (edito da Paesi Edizioni), giunto fino a Bruxelles dove è stato presentato nella sede del Parlamento Europeo.

LEGGI ANCHE: UE: BLOCKCHAIN E’ SOLUZIONE GIUSTA PER SICUREZZA E TRASPARENZA IN SANITA’ E PER LA FILIERA DEL FARMACO

«In questo libro parliamo di un grande cambiamento che, a livello mondiale, modificherà gli assetti tecnologici, economici, sanitari e molto altro – prosegue massimo Tortorella -. In questo panorama io credo che l’Italia debba essere capofila dell’Europa e rappresentare anche un esempio nell’ambito della formazione oltre che della sanità. A questo proposito ci tengo a citare un’iniziativa, direi virtuosa, di un’università che è la Link Campus University che sta promuovendo un master di specializzazione che si svolge in multilingua e mira a formare tecnici in grado di deliverare attività di blockchain e parlare alle istituzioni».

CLICCA QUI PER ESSERE AGGIORNATO SULLA RIVOLUZIONE BLOCKCHAIN IN SANITA’

Su questo fronte Consulcesi Tech, società hi-tech negli ambiti della Blockchain e della Cybersecurity, ha promosso il primo fondo al mondo regolato. «Per la prima volta – prosegue massimo Tortorella -, uno Stato, che fa parte dell’Unione europea, in questo caso Malta, ha utilizzato un fondo, dando la possibilità a qualsiasi istituzione bancaria di poter promuovere ai propri investitori anche questa forma alternativa di investimento all’interno del loro portafoglio».

LEGGI ANCHE: CARTELLA CLINICA REGISTRATA IN BLOCKCHAIN? TUTTI I VANTAGGI SPIEGATI DALL’ESPERTO

«Oramai il percorso è avviato – interviene Andrea Tortorella, CEO di Consulcesi Tech – gli ambiti di applicazione sono infiniti, “una rivoluzione dalla quale non si può più tornare indietro” come scriviamo nel nostro libro. Il settore più sensibile a questa innovazione è quello sanitario, non meno importante il controllo sulla Supply Chain farmaceutica: tramite Blockchain infatti è possibile monitorare tutti i passaggi in cui si snoda la filiera di distribuzione, in questo modo è possibile un monitoraggio a 360°».

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano