Politica 19 Ottobre 2018

Formazione ECM, parla Carpani: «Fondamentale aggiornamento costante e conoscenza linee guida»

Il nuovo braccio destro del Ministro Grillo, grande esperto di tematiche sanitarie, tratteggia in una recente intervista rilasciata a Sanità Informazione in occasione delle giornate formative organizzate dalla FNOMCeO a Bari, la sua idea di professionista sanitario ‘modello’. Un medico sempre aggiornato e attento alla cura nel rapporto con il paziente

Immagine articolo

Già Capo di Gabinetto con il ministro della Salute Renato Balduzzi, Guido Carpani torna, dopo 5 anni e con la stessa veste, alla sede ministeriale di Lungotevere Ripa guidata ora dal Ministro Giulia Grillo. Laureato in giurisprudenza all’università di Bologna, Carpani, consigliere dei ruoli della Presidenza del Consiglio dei Ministri dal 1998, subentra ad Alfonso Celotto che ha lasciato l’incarico circa un mese fa.

Il nuovo braccio destro del Ministro, grande esperto di tematiche sanitarie e Direttore affari istituzionali ENPAM, ha tratteggiato, in una recente intervista rilasciata a Sanità Informazione, in occasione delle giornate formative organizzate dalla FNOMCeO a Bari, la sua idea di professionista sanitario ‘modello’. Un medico sempre aggiornato e attento alla cura nel rapporto con il paziente.

Il percorso formativo post laurea del medico ha un’importanza decisiva sia per l’aspetto professionale che sull’approccio con il paziente. Lei cosa ne pensa?

«Ritengo che un buon professionista sanitario debba essere prima di tutto informato, conoscere le linee guida e poterle applicare nella relazione con il paziente. Questo bagaglio di conoscenze del professionista sanitario favorisce un rapporto equilibrato tra medico e paziente anche per quel che riguarda la responsabilità professionale».

LEGGI ANCHE: RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE, MAGI (OMCEO ROMA): «LA LEGGE HA VULNUS, MA L’UNIONE FA LA FORZA, COLMIAMO MANCANZE CON CONFRONTO»

Cosa intende esattamente?

«Un medico aggiornato non solo riesce a garantire una prestazione ottimale al suo paziente, ma riesce anche più facilmente a difendersi qualora un avvento avverso portasse ad incrinare il rapporto con il paziente se questo reputasse necessario chiamarlo in un’aula del tribunale. Dunque un buona formazione rappresenta un’utilità per il medico ma anche per il paziente stesso. Quindi avere un’attenzione a quelli che sono i ritrovati della scienza, all’innovazione tecnologica in costante movimento e aggiornamento, deve rappresentare uno stimolo per il medico».

Da questo punto di vista anche il profilo assicurativo può essere rafforzato da un medico con le sue certificazioni?

«Certamente, forse potrebbe essere un’idea per le assicurazioni, cioè far pagare un premio in qualche modo più contenuto a quel medico che dimostra di avere una particolare attenzione agli aspetti formativi, alla sua formazione personale. Senz’altro un medico aggiornato è un medico che ha meno probabilità che accada un avvento avverso nella sua relazione con il paziente».

Articoli correlati
Dal 29 al 30 marzo il 2° Congresso Goal. Mazzacane (Segretario): «Noi in prima linea nell’oculistica: oltre alla cura guardiamo al benessere psicofisico del paziente»
Danilo Mazzacane a Sanità Informazione: «Clinica, prevenzione, diagnosi precoce e aggiornamento professionale sono fondamentali; il nostro compito non è sempre riuscire a guarire ma è anche quello di alleviare la sofferenza del paziente in tutte le sue manifestazioni»
Malattie rare, per la sclerosi tuberosa la chiave è la diagnosi precoce. Fondamentale una corretta formazione di ginecologi e pediatri
Moavero (neuropsichiatra infantile): «Un intervento precoce, anche prima dell’inizio di sintomi evidenti, può portare un miglioramento notevole nell’outcome a lungo termine». Così la dottoressa a Sanità Informazione
di Lucia Oggianu
Tumori in aumento, dialogo medico-paziente alla base della cura
Le nuove diagnosi di cancro sono in aumento, complice l’allungamento dell’aspettativa di vita e uno stile di vita scorretto. Al medico il compito di creare un filo diretto con il paziente come parte della terapia
Milano, “Grazie di cuore”: il Niguarda festeggia i benefattori
Si dice “Milan col coeur in man” e non è solo un modo di dire: ogni anno, da anni, vengono donati dai privati alla Fondazione A. De Gasperis oltre 170mila euro per finanziare risonanze magnetiche, borse di studio e ferri chirurgici. Per festeggiare il cinquantesimo anniversario ma soprattutto i benefattori che lo hanno reso possibile, la […]
Dalla sanità alla formazione, la Blockchain si studia all’università e apre nuovi posti di lavoro. Scotti (Link Campus): «Primo master ad offrire competenze tecniche, presto laurea specifica»
Cresce la richiesta di esperti in questo settore. Carlo Maria Medaglia, direttore del Dipartimento di Ricerca alla Link Campus University: «Tutti noi, quando andiamo dal medico, vogliamo sapere che non solo ha fatto una serie di corsi, ma che la sua formazione nel day-by-day sia certificata – specifica il professor Carlo Maria Medaglia, direttore del Dipartimento di Ricerca alla Link Campus University -. Questo vale per tutte le professioni, ancora di più per quella medica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone