Formazione 25 Settembre 2018

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s

Immagine articolo

‘Accreditation of Prior Experiential Learning’ è l’espressione che in UK viene utilizzata per indicare il riconoscimento delle esperienze pratiche e teoriche che quotidianamente un professionista vive sul campo. Dare un valore all’apprendimento non certificato, quando è pertinente alla professione che si esercita, nel Regno Unito, come in altri paesi europei, è fondamentale per la crescita del professionista e per il riconoscimento della sua attività. «L’Italia vorrebbe seguire il percorso intrapreso dall’Europa» spiega ai microfoni di Sanità Informazione, Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale dell’Age.na.s., intervistato in occasione delle ‘Giornate della Formazione medica’ organizzate dall’OMCeO Bari e dalla FNOMCeO.

La proposta arriva dalla Commissione mista Centro Studi e Area Formazione della Fnomceo e focalizza l’attenzione sull’esigenza di una rivalidazione delle conoscenze, dei progressi, delle qualifiche che il medico acquisisce nel corso della sua esperienza in studio, in corsia o in sala operatoria. Questa necessità nasce «da parte del medico per avere cognizione delle proprie capacità e da parte del paziente per conoscere le competenze del professionista che ha di fronte», prosegue il vicepresidente.

LEGGI LE NOSTRE FAQ SU FORMAZIONE ECM E FAD

«Un professionista dopo gli esami di Stato non si rivalida più – continua -, cioè non fa nessun atto che possa dimostrare che sia adeguatamente preparato per poter continuare a fare il proprio lavoro. Noi proponiamo una metodica che a livello sperimentale non è obbligatoria ed è fatta su base volontaria, attraverso cui ogni collega si può cimentare dimostrando cosa negli ultimi anni ha fatto a livello professionale e a livello curriculare».

Un report aggiornato con tutte le esperienze del professionista che certifichi le sue competenze non attraverso un meccanismo ECM ma anche grazie ad un «istinto scientifico che porti il medico ad avere quella abilità necessaria per essere sempre un professionista all’avanguardia nella cura dei propri pazienti».

LEGGI ANCHE: ECM, DAL 2019 SCATTANO I CONTROLLI. ANELLI (FNOMCEO): «VALUTEREMO INADEMPIENZE». COLETTO (AGENAS): «STOP A ‘INFILTRATI’, SERVE VERIFICA»

Quali competenze? «Per esempio lauree successive, master di specializzazione, corsi di approfondimento,  cioè attività professionali e professionalizzanti (non ECM), che possono inserirsi nell’ambito di un percorso che giungerà ad una valutazione indicativa utile al professionista per capire dove migliorare».

Qual è l’obiettivo? Questo meccanismo è utile al professionista «per formarsi essenzialmente nel proprio campo di competenza – prosegue il vicepresidente -. Indirizzarlo a migliorare sempre più la sua formazione lo porterà a mettersi a servizio dell’utenza in maniera più compiuta».

«Se la Federazione validasse questo meccanismo come qualcosa di utile e necessario – conclude Lavalle -, presto sul sito di ogni Ordine verrebbe pubblicata una piattaforma su cui ogni professionista avrebbe la possibilità di auto-valutarsi non in maniera punitiva ma in modo stimolante e costruttivo».

 

Articoli correlati
Direzioni sanitarie, risoluzione Lega allarga platea. Tiramani: «Rivoluzione culturale, potranno essere nominati anche medici più giovani»
Il testo presentato in Commissione Affari Sociali prevede che potranno essere nominati in quel ruolo anche medici che hanno diretto strutture semplici e non per forza complesse. «Così si evitano i soliti nomi e vi è una più ampia possibilità di scelta» aggiunge il deputato del Carroccio
Ludopatia: oltre 1,3 milioni di malati, solo 12 mila in cura. Ecco cosa possono fare i medici per guarire i giocatori
Consulcesi Club e il dottor Stefano Lagona, psicologo e psicoterapeuta specializzato nel trattamento delle tossicodipendenze e delle nuove dipendenze, lanciano il corso ECM FAD “Ludopatia: strategie ed interventi per il trattamento”
Arriva il master in “diritti dei pazienti” per migliorare la sanità
Fornire strumenti corretti ai pazienti per permettere loro di partecipare all’attività sanitaria regionale. Questo l’obiettivo del progetto triennale varato dalla Regione, prima in Italia, con l’Alta scuola di Economia e Management dei sistemi sanitari dell’Università Cattolica mediante una convenzione che prevede uno percorso formativo per operatori dei servizi sanitari in sinergia con il Patient Advocacy […]
ECM, lettera FNOMCeO agli Ordini su scadenza triennio formativo. Istituzioni al lavoro, ipotesi premialità
Tante le ipotesi in campo, da un inasprimento delle sanzioni ad un sistema di premialità, che saranno vagliate e valutate dai rappresentanti di categoria e dal Parlamento
Procreazione assistita, Relazione 2019: aumentano coppie trattate, più trattamenti nei centri pubblici rispetto ai privati
Poche variazioni rispetto alla situazione dell’anno precedente per quanto riguarda la fecondazione senza donazione di gameti, mentre si registra un incremento dei trattamenti con donazione di gameti (fecondazione eterologa). A tracciare il quadro sull’attuazione della Legge 40 del 2004 in materia di Procreazione medicalmente assistita (PMA), è la Relazione al Parlamento sulla PMA 2019, relativa […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...