Sanità internazionale 23 Febbraio 2016 12:49

International healthcare

Well done on the “White Helmets”. Now it is time for international education

The establishment of teams and international procedures to tackle pandemics is definitely good news. The European Medical Corps, conceived and developed in close collaboration with the World Health Organization (WHO), is the new European tool to respond to emergencies inside and outside the EU through a faster mobilization of teams and equipment. This is because in our very recent past, the Ebola outbreak highlighted a shortage of adequately trained medical staff to be quickly deployed in case of health emergencies. This led Germany and France to propose a “White Helmets” initiative in late 2014, which laid the foundation for the European Medical Corps: emergency medical and public health teams, mobile biosafety laboratories, medical evacuation capacities, medical assessment and coordination experts and logistical support teams. This is the right moment, since the rapid global diffusion of another epidemic is increasing general concern: the Zika virus one. As a matter of fact, the European Medical Corps will also be integral part of the Zika Task Force wanted by the WHO: a team of experts set up by the Global Virus Network made up of the world’s most renown virologists from 35 centers of excellence of 26 countries. Giuseppe Ippolito, Scientific Director of the Institute for Infectious Diseases Lazzaro Spallanzani, already active member of the GVN and frontline man in the fight against Ebola, was called to represent the Italian expertise in the Task Force. Marta Branca, Special Commissioner of Inmi Spallanzani, while wishing the team “Good luck”, commented: “I am proud that our Institute stands as a worldwide resource against infectious diseases once again”. At this moment, to better deal with pandemics, a network of international excellence education should also be established, as repeatedly advocated by the Spallanzani management.

Tags

Articoli correlati
Infermieri nel mondo, pubblicato il rapporto 2020. L’OMS: «Creare 6 milioni di posti di lavoro entro il 2030»
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’emergenza Coronavirus ha dimostrato che «ora più che mai il mondo ha bisogno che gli infermieri lavorino al massimo della loro istruzione e formazione»
Siria, l’allarme dell’OMS: «Servono cure per 1,5 milioni di persone»
L’offensiva turca nel nord del paese ha fatto esplodere la crisi umanitaria: in pochi giorni già 200mila gli sfollati. Appello alle parti del conflitto perché tutelino la salute dei civili
OMS premia ospedale da campo del Piemonte, la ‘cittadella della salute’ pronta ad operare in scenari difficili
Conferimento durante la 68esima sessione del Regional Committee for Europe. Il direttore della Maxiemergenza 118 Mario Raviolo: «Siamo gli unici in Italia ad avere la certificazione di secondo livello, sono nove in tutto il mondo»
Assemblea OMS, Bartolazzi (Sott. Salute): «Ottimizzare risorse per sostenibilità SSN. Intervento su ticket per ridurre spesa out of pocket»
Il Sottosegretario alla Salute ha presieduto la sessione inaugurale dell’evento a cui presenziano 53 ministri da tutta Europa. «Aumento alcol e fumo tra giovani preoccupa»
OMS, al via l’Assemblea Mondiale. L’agenda del Direttore Tedros: più sanità per tre miliardi di persone
Pubblicato il World Health Statistics 2018. Ecco gli obiettivi dei prossimi cinque anni che i delegati dei 194 Paesi membri dell'Organizzazione Mondiale della Sanità stanno discutendo a Ginevra
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 giugno, sono 176.273.244 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.812.157 i decessi. Ad oggi, oltre 2,37 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...