Sanità internazionale 15 Ottobre 2019

Siria, l’allarme dell’OMS: «Servono cure per 1,5 milioni di persone»

L’offensiva turca nel nord del paese ha fatto esplodere la crisi umanitaria: in pochi giorni già 200mila gli sfollati. Appello alle parti del conflitto perché tutelino la salute dei civili

L’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) si è detta «estremamente preoccupata per la situazione sanitaria e umanitaria nella Siria nordorientale». In una nota, l’Organizzazione ha sottolineato come siano già 200mila gli sfollati da quando, mercoledì, le forze armate turche hanno lanciato l’offensiva militare ‘Fonte di pace’. L’Oms afferma poi che ci sono pochi operatori sanitari sul campo in grado di fornire assistenza agli sfollati e che sono necessarie cure per 1,5 milioni di persone. L’appello è quindi rivolto alle parti in conflitto, perché tutelino la salute dei civili, compresi gli operatori sanitari e i pazienti.

L’Ospedale di Ras Al-Ain è fuori servizio, mentre quello di Tel Abyad, insieme ad altri due centri per le cure, hanno gravi disfunzionalità. I tre ospedali da campo di Al-Hol hanno limitato i loro servizi a partire dal 12 ottobre come conseguenza dell’escalation militare che ha impedito l’accesso al campo allo staff medico. Sempre il 12 ottobre un centro di stabilizzazione traumatica situato a sud di Ras Al Ain è stato evacuato dopo aver subito un attacco che ha provocato due feriti nel personale e due ambulanze distrutte.

Nonostante la caotica situazione, l’OMS e i suoi partners stanno lavorando per dare una risposta all’urgente bisogno di cure. Almeno 314mila trattamenti, vaccini, medicine per curare 500 traumi sono già stati predisposti nell’hub di Qamishly.

Articoli correlati
OMS premia ospedale da campo del Piemonte, la ‘cittadella della salute’ pronta ad operare in scenari difficili
Conferimento durante la 68esima sessione del Regional Committee for Europe. Il direttore della Maxiemergenza 118 Mario Raviolo: «Siamo gli unici in Italia ad avere la certificazione di secondo livello, sono nove in tutto il mondo»
Assemblea OMS, Bartolazzi (Sott. Salute): «Ottimizzare risorse per sostenibilità SSN. Intervento su ticket per ridurre spesa out of pocket»
Il Sottosegretario alla Salute ha presieduto la sessione inaugurale dell’evento a cui presenziano 53 ministri da tutta Europa. «Aumento alcol e fumo tra giovani preoccupa»
OMS, al via l’Assemblea Mondiale. L’agenda del Direttore Tedros: più sanità per tre miliardi di persone
Pubblicato il World Health Statistics 2018. Ecco gli obiettivi dei prossimi cinque anni che i delegati dei 194 Paesi membri dell'Organizzazione Mondiale della Sanità stanno discutendo a Ginevra
Siria, OMS: «500 persone con segni di esposizione ad armi chimiche». USA pronti a colpire Assad
L'Organizzazione Mondiale della Sanità esprime «profondo allarme» per il sospetto utilizzo di armi chimiche nell'attacco di sabato scorso nella città di Douma a Ghouta Est. Trump promette di far pagare «un caro prezzo» ai responsabili
Ghouta Orientale, la voce dei Medici Senza Frontiere sotto i bombardamenti
Ghouta Orientale è una regione vicina a Damasco. Dopo un lungo controllo dei ribelli, nei giorni scorsi il 70% del territorio è stato riconquistato, anche grazie ad intensi attacchi e bombardamenti, dalle forze governative del Presidente Assad e dai suoi alleati. L’organizzazione Medici Senza Frontiere, presente nella zona per garantire ai feriti le cure e […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo