Salute 20 settembre 2018

OMS premia ospedale da campo del Piemonte, la ‘cittadella della salute’ pronta ad operare in scenari difficili

Conferimento durante la 68esima sessione del Regional Committee for Europe. Il direttore della Maxiemergenza 118 Mario Raviolo: «Siamo gli unici in Italia ad avere la certificazione di secondo livello, sono nove in tutto il mondo»

Immagine articolo

Ha ricevuto la certificazione di secondo livello e ha fatto mostra di sè a Roma durante l’assemblea europea dell’Organizzazione mondiale della Sanità. L’Ospedale da campo della Regione Piemonte è un fiore all’occhiello della sanità italiana e ne va giustamente orgoglioso il direttore della Maxiemergenza 118 Piemonte Mario Raviolo. A livello due in questo momento sono soltanto nove i campi di emergenza nel mondo: quattro in Europa (inglesi, spagnoli, russi oltre a quello italiano). Durante la 68esima sessione del Regional Committee for Europe dell’OMS sono state allestite due tende con alcune delle strumentazioni più significative necessarie in un campo di questo tipo, a cominciare dalla sala operatoria. Ma una struttura come questa ha bisogno anche di un potabilizzatore di acqua, un inceneritore per smaltire i rifiuti e strumenti per garantire la continuità elettrica. Un vero e proprio ospedale autosufficiente che in 12 ore è pronto per essere operativo in tutto il mondo in caso di necessità.

«In Italia siamo l’unico ospedale da campo certificato – spiega a Sanità Informazione il direttore Mario Raviolo – In questa tenda che noi usiamo come sala operatoria siamo in grado di svolgere tutti gli interventi di chirurgia d’emergenza quindi salvavita all’interno di uno scenario catastrofico. Fondamentale replicare la sala operatoria di un ospedale: il cuore pulsante di una sala operatoria sono gli strumenti che garantiscono la sicurezza elettrica perché è molto difficile replicare le strutture murarie all’interno di una tenda. Poi tutte le strumentazioni che servono all’interno di una sala operatoria. Abbiamo allestito un manichino attaccato a un monitor defibrillatore, gli aspiratori chirurgici, il ventilatore, le pompe siringhe, una lampada scialitica, il coagulatore, lo strumentario per svolgere l’intervento e tutti i cassoni all’interno dei quali noi abbiamo riposto tutto quello che serve per svolgere l’intervento oltre ovviamente alla sterilizzatrice che ci consente di sterilizzare i ferri molto velocemente tra un intervento e un altro e quindi di poter cominciare in maniera molto rapida l’intervento che segue».

Fondamentale, nei difficili scenari in cui questi medici sono chiamati ad operare, avere l’autosufficienza idrica: tra le strumentazioni il campo è dotato di un potabilizzatore in grado di produrre 2800 litri di acqua al giorno partendo da qualsiasi tipo di acqua.

«È una delle strumentazioni che chiede l’OMS per poter essere certificati – spiega Raviolo – Dobbiamo avere un’autosufficienza totale che va dalla possibilità di approvvigionarci di acqua, poter avere un equipaggiamento idoneo che ci consenta di produrre i pasti, incenerire tutti i rifiuti, noi non dobbiamo assolutamente creare nessun problema sullo scenario in un paese ospite, quindi tutto quello che produciamo, anche i rifiuti prodotti all’interno di una sala operatoria, devono poter essere inceneriti in modo tale da lasciare la scena pulita come siamo arrivati».

Nella seconda tenda è invece presente una dimostrazione dei principali strumenti elettromedicali usati per fare test di laboratorio.

LEGGI ANCHE: TORNADO, ALLUVIONI E ONDATE DI CALORE, BUSTREO (OMS): «QUESTO IL FUTURO DEL PIANETA SE NON INTERVENIAMO»

«Uno degli strumenti che non può mancare è il test per fare l’emocromo, il numero dei globuli rossi e dell’emoglobina che ci guida molto nel decidere se un paziente deve o non deve essere sottoposto a un intervento chirurgico insieme alla diagnostica ecografica e radiologica – continua Raviolo – Ma abbiamo la possibilità anche di svolgere tutti i test dell’HIV, dell’epatite, della sifilide, coagulazione, urine. Un fiore all’occhiello di questo ospedale da campo è la strumentazione che abbiamo realizzato per poter eseguire le trasfusioni. Noi siamo in gradi di prelevare i campioni di sangue e quindi anche le sacche di sangue da eventuali volontari presenti sulla scena, soprattutto di solito familiari, poter fare analisi del gruppo sanguigno e eventuali test infettivologici e di trasfondere in sicurezza queste sacche. Ci sono poi apparecchiature digitale da campo in grado di effettuare tutte le radiografie di tutti i segmenti scheletrici del corpo e se ne avessimo bisogno possiamo anche inviare queste immagini nell’ospedale della nostra ASL, quello di Savigliano, per ricevere il referto online di un radiologo e quindi avere anche sul campo un test refertato».

 

Articoli correlati
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
Giornata della Salute Mentale, Ministro Grillo al Museo della Mente: «Serve cambiamento culturale per accettare malattia»
Una visita al Museo della Mente dell’ASL Roma 1 (ex manicomio di S. Maria delle Pietà) per celebrare la Giornata mondiale della salute mentale promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per il 10 ottobre. Protagonista il ministro della Salute Giulia Grillo. «Nella Giornata mondiale dedicata alla salute mentale – ha detto Grillo – ho voluto visitare […]
Carenza medici, l’assessore Arru (Sardegna): «Con quota cento rischio boom di pensionamenti. Aumentare borse di studio per MMG»
Il titolare della Sanità sarda difende la riforma della rete ospedaliera regionale: «Problema non è la carenza di servizi, ma un eccesso di servizi mal distribuiti che molto spesso non raggiungono i volumi indicati e suggeriti dal Piano nazionale esiti». Poi rilancia la medicina multiprofessionale per affrontare cronicità
Malattie Croniche Intestinali, parte campagna sensibilizzazione. Pisanti (Ministero Salute): «Serve integrazione tra specialisti»
In Italia circa 200mila persone colpite da Morbo di Chron e Colite ulcerosa. Gruppo di studio Ig-IBD calcola un miliardo l’anno il costo per il SSN. La Coordinatrice del Piano delle Cronicità: «Importante anche per operatori supporto psicologico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila