Salute 20 Settembre 2018 11:43

OMS premia ospedale da campo del Piemonte, la ‘cittadella della salute’ pronta ad operare in scenari difficili

Conferimento durante la 68esima sessione del Regional Committee for Europe. Il direttore della Maxiemergenza 118 Mario Raviolo: «Siamo gli unici in Italia ad avere la certificazione di secondo livello, sono nove in tutto il mondo»

OMS premia ospedale da campo del Piemonte, la ‘cittadella della salute’ pronta ad operare in scenari difficili

Ha ricevuto la certificazione di secondo livello e ha fatto mostra di sè a Roma durante l’assemblea europea dell’Organizzazione mondiale della Sanità. L’Ospedale da campo della Regione Piemonte è un fiore all’occhiello della sanità italiana e ne va giustamente orgoglioso il direttore della Maxiemergenza 118 Piemonte Mario Raviolo. A livello due in questo momento sono soltanto nove i campi di emergenza nel mondo: quattro in Europa (inglesi, spagnoli, russi oltre a quello italiano). Durante la 68esima sessione del Regional Committee for Europe dell’OMS sono state allestite due tende con alcune delle strumentazioni più significative necessarie in un campo di questo tipo, a cominciare dalla sala operatoria. Ma una struttura come questa ha bisogno anche di un potabilizzatore di acqua, un inceneritore per smaltire i rifiuti e strumenti per garantire la continuità elettrica. Un vero e proprio ospedale autosufficiente che in 12 ore è pronto per essere operativo in tutto il mondo in caso di necessità.

«In Italia siamo l’unico ospedale da campo certificato – spiega a Sanità Informazione il direttore Mario Raviolo – In questa tenda che noi usiamo come sala operatoria siamo in grado di svolgere tutti gli interventi di chirurgia d’emergenza quindi salvavita all’interno di uno scenario catastrofico. Fondamentale replicare la sala operatoria di un ospedale: il cuore pulsante di una sala operatoria sono gli strumenti che garantiscono la sicurezza elettrica perché è molto difficile replicare le strutture murarie all’interno di una tenda. Poi tutte le strumentazioni che servono all’interno di una sala operatoria. Abbiamo allestito un manichino attaccato a un monitor defibrillatore, gli aspiratori chirurgici, il ventilatore, le pompe siringhe, una lampada scialitica, il coagulatore, lo strumentario per svolgere l’intervento e tutti i cassoni all’interno dei quali noi abbiamo riposto tutto quello che serve per svolgere l’intervento oltre ovviamente alla sterilizzatrice che ci consente di sterilizzare i ferri molto velocemente tra un intervento e un altro e quindi di poter cominciare in maniera molto rapida l’intervento che segue».

Fondamentale, nei difficili scenari in cui questi medici sono chiamati ad operare, avere l’autosufficienza idrica: tra le strumentazioni il campo è dotato di un potabilizzatore in grado di produrre 2800 litri di acqua al giorno partendo da qualsiasi tipo di acqua.

«È una delle strumentazioni che chiede l’OMS per poter essere certificati – spiega Raviolo – Dobbiamo avere un’autosufficienza totale che va dalla possibilità di approvvigionarci di acqua, poter avere un equipaggiamento idoneo che ci consenta di produrre i pasti, incenerire tutti i rifiuti, noi non dobbiamo assolutamente creare nessun problema sullo scenario in un paese ospite, quindi tutto quello che produciamo, anche i rifiuti prodotti all’interno di una sala operatoria, devono poter essere inceneriti in modo tale da lasciare la scena pulita come siamo arrivati».

Nella seconda tenda è invece presente una dimostrazione dei principali strumenti elettromedicali usati per fare test di laboratorio.

LEGGI ANCHE: TORNADO, ALLUVIONI E ONDATE DI CALORE, BUSTREO (OMS): «QUESTO IL FUTURO DEL PIANETA SE NON INTERVENIAMO»

«Uno degli strumenti che non può mancare è il test per fare l’emocromo, il numero dei globuli rossi e dell’emoglobina che ci guida molto nel decidere se un paziente deve o non deve essere sottoposto a un intervento chirurgico insieme alla diagnostica ecografica e radiologica – continua Raviolo – Ma abbiamo la possibilità anche di svolgere tutti i test dell’HIV, dell’epatite, della sifilide, coagulazione, urine. Un fiore all’occhiello di questo ospedale da campo è la strumentazione che abbiamo realizzato per poter eseguire le trasfusioni. Noi siamo in gradi di prelevare i campioni di sangue e quindi anche le sacche di sangue da eventuali volontari presenti sulla scena, soprattutto di solito familiari, poter fare analisi del gruppo sanguigno e eventuali test infettivologici e di trasfondere in sicurezza queste sacche. Ci sono poi apparecchiature digitale da campo in grado di effettuare tutte le radiografie di tutti i segmenti scheletrici del corpo e se ne avessimo bisogno possiamo anche inviare queste immagini nell’ospedale della nostra ASL, quello di Savigliano, per ricevere il referto online di un radiologo e quindi avere anche sul campo un test refertato».

 

Articoli correlati
Covid-19, l’OMS boccia l’idrossiclorochina: «Ricerca si concentri su altri farmaci»
L’Organizzazione Mondiale della Sanità: «No ad uso in prevenzione: non evita l’infezione e non riduce ricoveri e decessi»
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Territorio, telemedicina e vaccini: il programma di Draghi ricalca quello di Speranza. E lo supera
La sanità secondo Draghi somiglia a quella immaginata nella bozza di Recovery Plan dello scorso governo. Ma il neo presidente del Consiglio ha aggiunto il suo tocco: piano vaccini e velocità d'esecuzione all'ordine del giorno come Israele
Conclusa missione Oms a Wuhan: «Pandemia ha origine animale, ma non sappiamo quale»
La missione Oms in Cina finisce dopo quattro settimane di ricerche. Il team definisce "estremamente improbabile" l'origine in laboratorio, tornando sull'ipotesi zoonotica. Ma sull'animale ospite ci sono ancora dubbi
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 marzo, sono 115.199.608 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.560.287 i decessi. Ad oggi, oltre 268,57 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’av...