Salute 17 settembre 2018

Assemblea OMS, Bartolazzi (Sott. Salute): «Ottimizzare risorse per sostenibilità SSN. Intervento su ticket per ridurre spesa out of pocket»

Il Sottosegretario alla Salute ha presieduto la sessione inaugurale dell’evento a cui presenziano 53 ministri da tutta Europa. «Aumento alcol e fumo tra giovani preoccupa»

Immagine articolo

Oltre cinquanta ministri e rappresentati della sanità di tutta Europa sono a Roma per partecipare alla 68esima assemblea dell’ufficio regionale europeo dell’Organizzazione Mondiale per la Sanità. A presiedere la sessione inaugurale dell’assemblea che ha visto la partecipazione del premier Giuseppe Conte, del direttore generale OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus, del Ministro della Salute Giulia Grillo e della Principessa Mary di Danimarca, il sottosegretario Armando Bartolazzi. Tanti i temi sul tappeto: la spesa sanitaria privata, la sostenibilità dei sistemi sanitari, i vaccini, i nuovi dati sulla salute dei cittadini europei e la strategia su salute e benessere maschile. «Ridurre la spesa out of pocket significa ottimizzare i servizi e le risorse che noi già abbiamo e poi agire sui ticket: capire ciò che è essenziale per la popolazione e che non dovrebbe essere pagato», spiega Bartolazzi a Sanità Informazione.

LEGGI ANCHE: CONTE E GRILLO AL COMITATO EUROPEO OMS. IL REPORT SULLA SALUTE MASCHILE: TROPPE MORTI PER CAUSE PREVENIBILI

Sottosegretario, lei ha presieduto l’Assemblea del comitato per l’Europa dell’OMS, quali sono le tematiche più importanti venite fuori dal dibattito?

«Ci sono diverse tematiche importanti da affrontare, a cominciare per esempio dal problema dei costi che la popolazione deve sostenere per curarsi: c’è un certo grado di impoverimento della popolazione: siamo un po’ sopra l’8% di famiglie povere e siamo oltre il 15% di spesa out of pocket sul totale della spesa sanitaria che stabilisce l’OMS: questo è un problema serio. Poi ci sono una moltitudine di argomenti che dovrebbero essere approfonditi, per esempio l’obesità infantile e quindi gli stili di vita. Voi come sapete in Italia abbiamo una delle migliori aspettative di vita, siamo i secondi in Europa, campiamo di più, però c’è ad esempio il problema della ripresa del fumo tra i giovani e dell’uso di alcol. Quindi questo vantaggio che abbiamo ottenuto fino ad oggi si potrebbe perdere negli anni futuri se non adottiamo delle azioni necessarie per limitare queste problematiche. Ci sono molti spunti per adottare politiche sanitarie di un certo spessore».

Anche il premier Conte ha toccato l’argomento della spesa out of pocket. L’OMS raccomanda il 15%, mentre noi siamo al 23%. Come si fa a ridurre la spesa sanitaria privata dei cittadini?

«Ridurre la spesa out of pocket significa ottimizzare i servizi e le risorse che noi già abbiamo e poi agire sui ticket: capire ciò che è essenziale per la popolazione e che non dovrebbe essere pagato. C’è bisogno di una revisione generale di tutta l’organizzazione del nostro sistema sanitario che fino ad oggi ha servito piuttosto bene tanto è vero che il vantaggio che abbiamo ottenuto sull’aspettativa di vita ne è una dimostrazione. Ma è chiaro che andremo incontro nel prossimo futuro anche a delle problematiche piuttosto importanti da risolvere, come la sostenibilità: ci sono nuovi farmaci molto costosi, nuove tecniche diagnostiche molto costose ed è chiaro che se non ottimizziamo le risorse presenti ed anche la modalità di somministrazione di questi servizi rischiamo di andar sotto di parecchio. Bisogna avere una visione a largo spettro, sistemare diverse cose e poi spero che si riuscirà con il tempo a offrire un servizio sempre migliore, sempre più sostenibile, non solo economicamente, al Paese».

Articoli correlati
Salute, De Poli (Udc): «Serve Piano Marshall per ‘nuova primavera’ sanità italiana»
«Il Servizio Sanitario nazionale ha da poco compiuto i 40 anni. Nonostante i limiti presenti e passati, rimane uno tra i migliori al mondo. C’è un ‘ma’. Oggi dobbiamo chiederci cosa fare per mantenere questo modello sostenibile, considerando la stagione dei tagli in sanità, gli aumenti dei costi dovuti all’invecchiamento della popolazione e all’aumento della […]
Autonomia differenziata, nord avanti ma crescono i dubbi. Luca Zaia (Veneto): «Governo ha ribadito più volte che si farà»
Per la FNOMCeO a rischio «l’uguaglianza dei cittadini nell’accesso al diritto alla salute», ma Zaia e Toti confermano. «Vogliamo trovare accordo ma nessuna soluzione annacquata», annuncia il Presidente della Regione Veneto. «Presenteremo testo al Ministro Stefani con cui chiederemo un’intesa al Governo», spiega invece il Governatore della Liguria
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Autonomia differenziata, nodo sanità. Michele Emiliano (Puglia): «Bloccare processo separatista e aumentare poteri di tutte le Regioni»
Il governatore della Puglia è favorevole ad un aumento dei poteri delle Regioni ma non al processo che vede coinvolte solo Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna. Intanto è scontro nel governo tra Lega e M5S sul tema, nulla di fatto in Consiglio dei Ministri
Fondo sanitario, Regioni approvano riparto 2019. Antonio Saitta: «SSN sottofinanziato, in nuovo Patto della Salute risorse certe»
Alla Conferenza delle Regioni suddiviso il Fondo di 111,2 miliardi. Il Presidente Stefano Bonaccini: «Così diamo un contributo importante alle successive azioni del ministero e consentiamo alle Regioni di avviare una programmazione in tempi certi». Sul tema dell’autonomia differenziata posizioni diverse dei governatori. L’Assessore alla Sanità del Piemonte: Su alcune materie, come la formazione, non possiamo stare con le mani in mano. Servino regole certe»
Autonomia differenziata, lo SMI lancia petizione online per fermare voto del Parlamento: «Con riforma avremo una somma di Servizi sanitari regionali»
Il Sindacato guidato da Pina Onotri si mobilita contro il provvedimento fortemente voluta dalla Lega. Sarà inviata una lettera aperta ai deputati e ai senatori di tutti i gruppi politici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...