Salute 17 Settembre 2018

Assemblea OMS, Bartolazzi (Sott. Salute): «Ottimizzare risorse per sostenibilità SSN. Intervento su ticket per ridurre spesa out of pocket»

Il Sottosegretario alla Salute ha presieduto la sessione inaugurale dell’evento a cui presenziano 53 ministri da tutta Europa. «Aumento alcol e fumo tra giovani preoccupa»

Immagine articolo

Oltre cinquanta ministri e rappresentati della sanità di tutta Europa sono a Roma per partecipare alla 68esima assemblea dell’ufficio regionale europeo dell’Organizzazione Mondiale per la Sanità. A presiedere la sessione inaugurale dell’assemblea che ha visto la partecipazione del premier Giuseppe Conte, del direttore generale OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus, del Ministro della Salute Giulia Grillo e della Principessa Mary di Danimarca, il sottosegretario Armando Bartolazzi. Tanti i temi sul tappeto: la spesa sanitaria privata, la sostenibilità dei sistemi sanitari, i vaccini, i nuovi dati sulla salute dei cittadini europei e la strategia su salute e benessere maschile. «Ridurre la spesa out of pocket significa ottimizzare i servizi e le risorse che noi già abbiamo e poi agire sui ticket: capire ciò che è essenziale per la popolazione e che non dovrebbe essere pagato», spiega Bartolazzi a Sanità Informazione.

LEGGI ANCHE: CONTE E GRILLO AL COMITATO EUROPEO OMS. IL REPORT SULLA SALUTE MASCHILE: TROPPE MORTI PER CAUSE PREVENIBILI

Sottosegretario, lei ha presieduto l’Assemblea del comitato per l’Europa dell’OMS, quali sono le tematiche più importanti venite fuori dal dibattito?

«Ci sono diverse tematiche importanti da affrontare, a cominciare per esempio dal problema dei costi che la popolazione deve sostenere per curarsi: c’è un certo grado di impoverimento della popolazione: siamo un po’ sopra l’8% di famiglie povere e siamo oltre il 15% di spesa out of pocket sul totale della spesa sanitaria che stabilisce l’OMS: questo è un problema serio. Poi ci sono una moltitudine di argomenti che dovrebbero essere approfonditi, per esempio l’obesità infantile e quindi gli stili di vita. Voi come sapete in Italia abbiamo una delle migliori aspettative di vita, siamo i secondi in Europa, campiamo di più, però c’è ad esempio il problema della ripresa del fumo tra i giovani e dell’uso di alcol. Quindi questo vantaggio che abbiamo ottenuto fino ad oggi si potrebbe perdere negli anni futuri se non adottiamo delle azioni necessarie per limitare queste problematiche. Ci sono molti spunti per adottare politiche sanitarie di un certo spessore».

Anche il premier Conte ha toccato l’argomento della spesa out of pocket. L’OMS raccomanda il 15%, mentre noi siamo al 23%. Come si fa a ridurre la spesa sanitaria privata dei cittadini?

«Ridurre la spesa out of pocket significa ottimizzare i servizi e le risorse che noi già abbiamo e poi agire sui ticket: capire ciò che è essenziale per la popolazione e che non dovrebbe essere pagato. C’è bisogno di una revisione generale di tutta l’organizzazione del nostro sistema sanitario che fino ad oggi ha servito piuttosto bene tanto è vero che il vantaggio che abbiamo ottenuto sull’aspettativa di vita ne è una dimostrazione. Ma è chiaro che andremo incontro nel prossimo futuro anche a delle problematiche piuttosto importanti da risolvere, come la sostenibilità: ci sono nuovi farmaci molto costosi, nuove tecniche diagnostiche molto costose ed è chiaro che se non ottimizziamo le risorse presenti ed anche la modalità di somministrazione di questi servizi rischiamo di andar sotto di parecchio. Bisogna avere una visione a largo spettro, sistemare diverse cose e poi spero che si riuscirà con il tempo a offrire un servizio sempre migliore, sempre più sostenibile, non solo economicamente, al Paese».

Articoli correlati
Binge drinking, un giovane su tre trascorre il weekend all’insegna dell’“abbuffata alcolica”
La fotografia dell’Ordine degli Psicologi del Lazio: «L’80% dei ragazzi ha bevuto almeno un drink nell’ultimo mese. Il principale luogo di consumo non è il bar, ma la casa. Tra i giovani c’è molta disinformazione: meno di due su dieci conoscono la differenza tra bevande alcoliche e superalcolici»
di Isabella Faggiano
Alcohol Prevention Day: rischio abuso per 8,6 milioni di consumatori. Adolescenti e anziani le categorie più colpite
Il professor Emanuele Scafato, direttore dell’Osservatorio Nazionale Alcol e del centro OMS dell’ISS a Sanità Informazione: «La prevenzione è da creare, manca il coordinamento tra gli interlocutori. Importante intervenire in maniera mirata». E mette in guardia i giovani: «È importante spiegare loro che i divieti di vendita sotto i 18 anni esistono per tutelare la loro salute fisica e psichica»
di Lucia Oggianu
Liste d’attesa, Report Fp Cgil: in media 60 giorni per una visita nel pubblico
Tempi di attesa medi nettamente maggiori per il SSN rispetto a quelli dell’offerta privata: 60 giorni nel pubblico, 9 nell’intramoenia, 7 nel privato e 39 per il privato convenzionato. Si arriva a quattro mesi di attesa per una colonscopia. Eccelle l'Emilia-Romagna, male le Marche. È ciò che emerge dal Rapporto promosso dalla Funzione Pubblica Cgil
Sanità, innovazione, accessibilità e tecnologie. Al via a Catanzaro il XIX convegno nazionale ingegneria clinica
Il rapporto tra sanità, tecnologie, accessibilità ed autentico valore dei servizi è al centro del XIX Convegno dell’Associazione Italiana Ingegneri Clinici, che si tiene a Catanzaro dal 16 al 18 maggio 2019 e che propone come titolo “Tecnologie, accessibilità, esiti: l’ingegneria clinica per una sanità di valore”. Oltre dieci mesi di lavoro sono serviti per […]
Europee, la ricetta dell’italo-albanese Geri Ballo (Pd): «Sanità diventi tema europeo. Mio impegno per incentivare formazione continua»
Candidata per il partito di Nicola Zingaretti al sud, è arrivata in Italia a 11 anni. A Sanità informazione annuncia il suo impegno anche nel settore della salute: «Cittadini del sud hanno diritto ad una sanità di altà qualità, basta viaggi della speranza al nord»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...