Sanità internazionale 21 Maggio 2018 12:40

OMS, al via l’Assemblea Mondiale. L’agenda del Direttore Tedros: più sanità per tre miliardi di persone

Pubblicato il World Health Statistics 2018. Ecco gli obiettivi dei prossimi cinque anni che i delegati dei 194 Paesi membri dell’Organizzazione Mondiale della Sanità stanno discutendo a Ginevra

OMS, al via l’Assemblea Mondiale. L’agenda del Direttore Tedros: più sanità per tre miliardi di persone

«Entro il 2023, dobbiamo salvare la vita di 29 milioni di persone». È questo uno degli obiettivi che si pone il Direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) Tedros Adhanom Ghebreyesus e che illustra alla settantunesima Assemblea Mondiale dell’OMS. In corso a Ginevra, dove i lavori termineranno il prossimo 26 maggio, è l’occasione che consente ai delegati dei 194 Stati membri di confrontarsi sugli obiettivi raggiunti in termini di assistenza sanitaria e salute della popolazione mondiale e sulle sfide da affrontare nel prossimo futuro.

Ed è in quest’ottica che si inserisce l’ambizioso programma del Direttore Generale. Dopo un anno di intenso confronto tra Paesi membri, partner ed esperti, è stato redatto il Programma Generale di Lavoro dell’OMS per i prossimi cinque anni, che verrà discusso dall’Assemblea. Tra i punti da evidenziare, quello del “triplo miliardo”: un miliardo di persone in più dovranno beneficiare della copertura sanitaria universale; un miliardo di persone in più dovrà essere tutelato in modo migliore dalle emergenze sanitarie; un miliardo di persone in più dovrà godere di uno stato di salute e di benessere migliore.

Tra i temi in programma, poi, il ritorno dell’ebola in Africa centrale, le emergenze sanitarie, la polio, l’importanza dell’attività fisica, i vaccini, le malattie cardiache e reumatiche. Da affrontare, poi i dati pubblicati nei giorni scorsi nel World Health Statistics 2018 e relativi allo stato di salute della popolazione mondiale: meno della metà della popolazione mondiale, ad esempio, ha accesso ai servizi sanitari di cui ha bisogno; nel 2010 quasi 100 milioni di persone sono finite sul lastrico per pagarsi l’assistenza sanitaria; ogni anno 13 milioni di persone muoiono prima di compiere 70 anni a causa di malattie cardiovascolari, malattie respiratorie croniche, diabete e cancro; ogni giorno, nel 2016, sono morti 15mila bambini al di sotto dei cinque anni. E se in alcune aree del mondo sono stati compiuti progressi importanti, in altre regioni questo miglioramento non si è verificato, e quei pochi passi avanti che sono stati fatti sono costantemente a rischio.

«Questi dati – ha dichiarato Tedros -, ci indicano che la strada da percorrere è ancora molto lunga. Nonostante i grandi successi ottenuti negli ultimi anni, che ci hanno permesso di allungare l’aspettativa media di vita di 25 anni, di salvare la vita di milioni di bambini e ottenere ottimi risultati nello sradicamento di malattie mortali come il vaiolo e, presto, la polio, sono ancora troppe le persone che muoiono di malattie prevenibili; troppe finiscono in povertà per pagarsi l’assistenza sanitaria; troppe non hanno alcun accesso alle cure. E questo non è accettabile. Dal canto nostro – conclude – stiamo trasformando il modo in cui lavoriamo per raggiungere l’obiettivo più importante: creare un mondo in cui la salute sia un diritto assicurato a tutti».

LEGGI ANCHE: L’OMS COMPIE 70 ANNI: MILIONI DI VITE SALVATE, DALL’EBOLA ALL’HIV

Articoli correlati
Sanità, ambiente e territorio: nasce l’Associazione Terra e Vita, trait d’union tra cittadinanza e istituzioni
I fondatori Cappiello e Rostan: «Mettiamo a sistema idee e competenze in un’ottica di salute globale»
La ricerca non può ignorare le differenze di genere. Prevenzione e cura su misura per uomini e donne
Scambia (ginecologo): «Necessario inserire, all’interno della facoltà di Medicina e Chirurgia, insegnamenti legati alla medicina di genere. Non è escluso che anche all’interno delle stesse specialità mediche possano formarsi professionisti specializzati nella cura di uomini o donne»
di Isabella Faggiano
«Le cure domiciliari sono un’illusione». L’opinione controcorrente di Diego Pavesio (Patto per la Scienza) che difende la “vigile attesa”
Il medico piemontese ha pubblicato un post su Facebook in cui parlava di “terapia domiciliare come specchietto per le allodole”: «La gente, comprensibilmente stanca ed esasperata, è in cerca di soluzioni facili per problemi complessi. In realtà si fa finta di non capire che non c’è ancora una cura per questa malattia»
Sud e sviluppo sostenibile, Colao (cattedra Unesco): «Preoccupante la riduzione degli screening di prevenzione oncologica»
All'evento promosso dalla Cattedra Unesco della Federico II di Napoli la prof. Colao: «Quest’anno ha portato una riduzione dell’aspettativa di vita che è più drammatica al Nord e un po’ più limitata al Sud, ma perché il Sud aveva già una riduzione dell'aspettativa di vita»
Igiene delle mani, l’OMS dedica la Giornata mondiale agli operatori sanitari: «Pochi secondi possono salvare vite»
Nei paesi a basso reddito solo 1 operatore sanitario su 10 pratica un'igiene delle mani adeguata. Cavallo (Assistenti sanitari): «Azione importante anche nell'atto della vaccinazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 maggio, sono 163.082.347 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.379.501 i decessi. Ad oggi, oltre 1,46 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...