Lavoro 7 Aprile 2020 08:52

Infermieri nel mondo, pubblicato il rapporto 2020. L’OMS: «Creare 6 milioni di posti di lavoro entro il 2030»

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’emergenza Coronavirus ha dimostrato che «ora più che mai il mondo ha bisogno che gli infermieri lavorino al massimo della loro istruzione e formazione»

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato l’ultimo rapporto sullo stato dell’assistenza infermieristica. E lo fa in un momento in cui il mondo intero è testimone di un impegno senza precedenti dei governi di tutti i Paesi per garantire la tenuta dei vari sistemi sanitari. Fondamentale, in questo quadro generale, risulta la figura dell’infermiere: «Ora più che mai – si può leggere nel documento dell’OMS – il mondo ha bisogno che gli infermieri lavorino al massimo della loro istruzione e formazione».

Ma se da un lato il rapporto mette in risalto diversi aspetti su cui «festeggiare», si continuano a vedere «nella distribuzione del personale infermieristico nel mondo». Per questo motivo c’è ancora molto da fare e l’anno internazionale dell’infermiere e dell’ostetrica (quale è, per l’appunto, il 2020) cade nel momento giusto. Secondo l’OMS infatti è necessario che i governi e tutte le parti interessate intervengano fattivamente su tre diversi aspetti.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, LETTERA DI NURSING UP A SILERI: «INDENNIZZI PER INFERMIERI E PERSONALE SANITARIO IMPEGNATO NELL’EMERGENZA COVID»

  • Investire nella massiccia accelerazione dell’educazione infermieristica (facoltà, infrastrutture e studenti) per rispondere alle esigenze globali, soddisfare la domanda interna e rispondere all’evoluzione delle tecnologie e all’avanzamento dei modelli di assistenza sanitaria e sociale integrata;
  • Creare almeno 6 milioni di nuovi posti di lavoro infermieristico entro il 2030, principalmente nei Paesi a basso e medio reddito, per compensare le carenze previste e rimediare alle iniquità di distribuzione del personale infermieristico in tutto il mondo;
  • Rafforzare la leadership infermieristica per fare in modo che gli infermieri abbiano un ruolo influente nella formulazione e nel processo decisionale della politica sanitaria, e contribuire all’efficacia dei sistemi sanitari e di assistenza sociale.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità «tutti i Paesi possono agire a sostegno di questa agenda». La maggior parte di loro «può farlo con le proprie risorse», mentre per quelli che richiedono assistenza da parte della comunità internazionale è necessario «dirigere una quota crescente di capitale umano e investimenti nell’economia della sanità e dell’assistenza sociale». Questi investimenti possono anche guidare il progresso attraverso «obiettivi di sviluppo sostenibile, con dividendi per equità di genere, emancipazione economica delle donne e occupazione giovanile».

LEGGI IL RAPPORTO COMPLETO DELL’OMS

MANGIACAVALLI (FONPI): «IL NOSTRO FINE E’ LA SALUTE DEI CITTADINI»

«Il nostro fine – commenta il presidente della Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche Barbara Mangiacavalli– è assistere i pazienti, individuarne le necessità ed essergli vicini, incidere nel processo organizzativo e decisionale del sistema e dare risposte mirate alle contingenze economiche e ai bisogni che emergono dall’attuale scenario demografico ed epidemiologico. E nella pandemia lo stiamo dimostrando: tra gli infermieri c’è il maggior numero di operatori sanitari positivi a COVID (circa il 52%). Tra gli infermieri c’è chi muore di COVID per assistere ed essere vicino ai pazienti, ma lo fa comunque senza il minimo tentennamento. Tra gli infermieri il principio è uno solo: prendersi cura, perché il loro obiettivo assoluto è la salute di tutti».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Morbillo: allarme Oms Europa, 30 volte più casi nel 2023
"La regione europea sta registrando un aumento allarmante dei casi di morbillo". E' il monito dell'ufficio regionale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per l'Europa. "Tra gennaio e ottobre 2023 sono stati segnalati oltre 30mila casi da 40 dei 53 Stati membri della regione. Rispetto ai 941 segnalati in tutto il 2022, è un aumento di oltre 30 volte", avverte l'agenzia Onu per la salute
di V.A.
Oms: «Da diete malsane 8 milioni di morti». Schillaci: «Alimentazione mediterranea va studiata a scuola»
In occasione della sessione «Healthy Diets, Cultures and Tradition: Lessons from the Mediterranean Diet», prevista nell'ambito del vertice sui sistemi alimentari delle Nazioni Unite, il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus sottolinea l'importanza di seguire una dieta sana
Covid, Oms Europa: sono 36 milioni i cittadini con Long Covid, continuare con vaccini
La pandemia è stata ufficialmente dichiarata conclusa, ma ancora oggi ci sono ben mille morti a settimana in Europa. Nel frattempo, sale anche il conteggio delle vittime del Long Covid, la sindrome post-infezione, che in 3 anni è arrivata a colpire 36 milioni di persone, sempre in Europa, 1 persona su 30. Questi sono alcuni dei dati presentati questa mattina da Hans Kluge, direttore dell'Ufficio regionale europeo dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms)
Covid: Oms, Acrux diventa variante sotto monitoraggio
L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha inserito dal 18 maggio la variante XBB.2.3 di Sars-CoV-2, battezzata Acrux dagli esperti sui social, fra le varianti sotto monitoraggio (Vum), dopo che questo mutante è cresciuto nell’arco di 5 settimane, da 1,8% del totale sequenze rilevate nel mondo a 4,64% (ultimo dato, relativo al 24-30 aprile). E’ quanto […]
Gli italiani consumano troppo sale, il doppio rispetto ai limiti OMS
Gli italiani mangiano ancora troppo rispetto a quanto raccomandato dall'Organizzazione mondiale della sanità, la quale indica come dose massima 5 grammi al giorno. E' quanto riportato dal ministero della Salute, in occasione della Settimana mondiale di sensibilizzazione per la riduzione del consumo alimentare di sale (15-21 maggio)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...