Salute 22 Giugno 2022 15:50

Covid, Sebastiani (CNR): «Siamo in crescita accelerata, ricoveri in salita»

Secondo Giovanni Sebastiani, matematico presso l’Istituto per le applicazioni del calcolo Mauro Picone del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Iac) la diffusione dei contagi è in crescita accelerata. Salgono anche i ricoveri ordinari e in terapia intensiva. Impossibile prevedere il picco

Covid, Sebastiani (CNR): «Siamo in crescita accelerata, ricoveri in salita»

«La circolazione dell’infezione sta aumentando in termini di esiti positivi ai test molecolari, stanno incrementando però anche i ricoveri in terapia intensiva e nei reparti ordinari. Ci troviamo in una fase di crescita accelerata, ma è presto per prevedere quando avverrà il picco». Per Giovanni Sebastiani, matematico presso l’Istituto per le applicazioni del calcolo Mauro Picone del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Iac), l’emergenza Covid-19 è in rapida ripresa. Basta pensare che i positivi ai tamponi molecolari sono passati dal 5 a poco meno del 15 per cento nel giro di meno di tre settimane.

In crescita i ricoveri, in Toscana situazioni di criticità

Le ospedalizzazioni e i ricoveri in terapia intensiva negli ultimi 7-10 giorni sono aumentati lievemente, fino a raggiungere rispettivamente i valori di 7,5 per cento e 2,2 per cento. A livello regionale, invece, il ricercatore evidenzia alcune situazioni di criticità, come la Toscana, dove la percentuale di positivi ai molecolari raggiunge il 30 per cento circa a fronte dei tamponi effettuati. Marche e Umbria, entrambe intorno al 20 per cento per lo stesso parametro. Per quanto riguarda i ricoveri nei reparti ordinari, le regioni più a rischio risultano Sicilia e Valle d’Aosta, che raggiungono rispettivamente 17 e 13 per cento.

Non possiamo stabilire quando si verificherà il picco

«C’è da sottolineare, però, che la Valle d’Aosta mostra un calo significativo di questa variabile negli ultimi giorni – precisa Sebastiani – dato che la curva dei ricoveri era intorno al 19 per cento, per cui si osserva una riduzione di ben sei punti percentuali». E aggiunge: «Nonostante ci siano regioni in cui il trend non è in aumento, le curve sono in maggioranza in salita, e anche la velocità con cui cresce la percentuale dei positivi aumenta, siamo quindi in crescita accelerata. Non possiamo ancora stabilire quando si verificherà il picco, ma sicuramente i comportamenti individuali potranno influenzare l’andamento delle curve».

Contro emergenza in crescita saranno fondamentali i comportamenti individuali

«Spero che, nell’ambito della classe medica, non si facciano previsioni sul picco ora, come quella del picco previsto a fine gennaio, rivelatasi sbagliata», precisa. «Di positivo c’è il fatto che la bella stagione favorirà le relazioni all’aperto, dove viene meno la trasmissione tramite l’aerosol. Allo stesso tempo, però, si creeranno – continua – una serie di situazioni in cui le persone saranno esposte a maggior rischio di contrarre e diffondere il virus, a maggior ragione a fronte della notevole trasmissibilità della variante Omicron. È pertanto fondamentale che la popolazione adotti comportamenti responsabili, specialmente nelle situazioni a maggior rischio che ormai abbiamo imparato a riconoscere».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Omicron 4 e 5, impennata contagi. Ricciardi: «Contagiosissime, un rischio aver tolto obbligo mascherina al chiuso»
I dati del monitoraggio Gimbe: +58,9% in una settimana. Aumentano ricoveri ordinari (+14,4%) e terapie intensive (+12,6%). Ricciardi: «Bisogna stare all’erta, con un virus così contagioso negli ambienti chiusi ci si contagia. Tanti i fragili a rischio»
Il vaccino può causare il Long Covid?
Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali
Incendio Malagrotta, Guerriero (CNR): «Rischi per la salute, seguire le precauzioni»
Guerriero (Cnr): «Finestre chiuse, evitare attività all'aperto e massime precauzioni per le catene di approvvigionamento». Quali cibi potrebbero essere da evitare nei prossimi giorni?
Long Covid, scoperti biomarcatori predittivi negli adolescenti
Uno studio del Cnr indica, nei giovani che si sono ammalati, nuovi e precoci biomarcatori, potenzialmente predittivi del Long Covid
Gimbe: «Diminuiscono nuovi casi ma circolazione virale resta elevata. Mantenere mascherine al chiuso»
«Scendono contagi (-8,9%), terapie intensive (-10,5%), ricoveri ordinari (-6,1%) e decessi (-7%). Scoperte quasi 2,7 mln di persone per terza dose, quarta dose al ralenti. Circolazione del virus elevata e ampiamente sottostimata»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali