Salute 22 Giugno 2022 15:50

Covid, Sebastiani (CNR): «Siamo in crescita accelerata, ricoveri in salita»

Secondo Giovanni Sebastiani, matematico presso l’Istituto per le applicazioni del calcolo Mauro Picone del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Iac) la diffusione dei contagi è in crescita accelerata. Salgono anche i ricoveri ordinari e in terapia intensiva. Impossibile prevedere il picco

Covid, Sebastiani (CNR): «Siamo in crescita accelerata, ricoveri in salita»

«La circolazione dell’infezione sta aumentando in termini di esiti positivi ai test molecolari, stanno incrementando però anche i ricoveri in terapia intensiva e nei reparti ordinari. Ci troviamo in una fase di crescita accelerata, ma è presto per prevedere quando avverrà il picco». Per Giovanni Sebastiani, matematico presso l’Istituto per le applicazioni del calcolo Mauro Picone del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Iac), l’emergenza Covid-19 è in rapida ripresa. Basta pensare che i positivi ai tamponi molecolari sono passati dal 5 a poco meno del 15 per cento nel giro di meno di tre settimane.

In crescita i ricoveri, in Toscana situazioni di criticità

Le ospedalizzazioni e i ricoveri in terapia intensiva negli ultimi 7-10 giorni sono aumentati lievemente, fino a raggiungere rispettivamente i valori di 7,5 per cento e 2,2 per cento. A livello regionale, invece, il ricercatore evidenzia alcune situazioni di criticità, come la Toscana, dove la percentuale di positivi ai molecolari raggiunge il 30 per cento circa a fronte dei tamponi effettuati. Marche e Umbria, entrambe intorno al 20 per cento per lo stesso parametro. Per quanto riguarda i ricoveri nei reparti ordinari, le regioni più a rischio risultano Sicilia e Valle d’Aosta, che raggiungono rispettivamente 17 e 13 per cento.

Non possiamo stabilire quando si verificherà il picco

«C’è da sottolineare, però, che la Valle d’Aosta mostra un calo significativo di questa variabile negli ultimi giorni – precisa Sebastiani – dato che la curva dei ricoveri era intorno al 19 per cento, per cui si osserva una riduzione di ben sei punti percentuali». E aggiunge: «Nonostante ci siano regioni in cui il trend non è in aumento, le curve sono in maggioranza in salita, e anche la velocità con cui cresce la percentuale dei positivi aumenta, siamo quindi in crescita accelerata. Non possiamo ancora stabilire quando si verificherà il picco, ma sicuramente i comportamenti individuali potranno influenzare l’andamento delle curve».

Contro emergenza in crescita saranno fondamentali i comportamenti individuali

«Spero che, nell’ambito della classe medica, non si facciano previsioni sul picco ora, come quella del picco previsto a fine gennaio, rivelatasi sbagliata», precisa. «Di positivo c’è il fatto che la bella stagione favorirà le relazioni all’aperto, dove viene meno la trasmissione tramite l’aerosol. Allo stesso tempo, però, si creeranno – continua – una serie di situazioni in cui le persone saranno esposte a maggior rischio di contrarre e diffondere il virus, a maggior ragione a fronte della notevole trasmissibilità della variante Omicron. È pertanto fondamentale che la popolazione adotti comportamenti responsabili, specialmente nelle situazioni a maggior rischio che ormai abbiamo imparato a riconoscere».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Obbligo mascherina in ospedale via tra due settimane? Scienziati divisi, nuovo studio inglese: «Benefici modesti»
In vista della scadenza dell'obbligo di indossare la mascherina negli ospedali e nelle strutture sanitarie italiane, fissata per il 30 aprile, la scienza ragiona su vantaggi e benefici. Dal Regno Unito arriva una nuova ricerca: «Nessuna differenza significativa» sui tassi di trasmissione di Covid-19 negli ospedali
Iss: repentino aumento dei contagi, ora 5 Regioni a «rischio alto»
Alla vigilia della scadenza dell'obbligo delle mascherine anche sui trasporti, i nuovi dati del monitoraggio settimanale indicano un aumento repentino dei contagi
Alluvione nelle Marche: tragedia «imprevedibile», ma annunciata
L'alluvione delle Marche era impossibile da prevedere perchè, secondo il Cnr, è avvenuto per circostanze particolari. La Sima sottolinea un aumento della frequenza di eventi estremi a causa dei cambiamenti climatici
La mortalità per Covid in Italia è davvero più alta che in altri paesi?
Giovanni Sebastiani, matematico presso l’Istituto per le applicazioni del calcolo Mauro Picone del Consiglio nazionale delle ricerche spiega che il fattore di crescita della mortalità in Italia è stato molto più elevato e significativo rispetto a quello del Regno Unito e di altri paesi europei
Due sintomi «rivelatori» del Covid, l’avvertimento dello scienziato britannico
Tim Spector, fondatore dell'app Covid Zoe, ha avvertito che la stanchezza al mattino, anche dopo una buona notte di sonno, e il mal di gola possono essere considerati segni «rivelatori» dell'infezione Covid-19
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

In arrivo il nuovo Piano Nazionale Cronicità. Previsto maggior coinvolgimento dei pazienti e dei caregiver

Il documento redatto dal Ministero della Salute sbarca in Stato-Regioni. Nelle fasi e negli obiettivi che lo compongono, l'erogazione di interventi personalizzati attraverso il coinvolgimento di pazie...
di G.R.
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...